Giu 072008
 

Saggio dei giovani compositoriSabato 7 giugno 2008, alle ore 16,30, nella Sala Puccini del Conservatorio “G. Verdi” di Milano, si terrà il saggio degli studenti dei Corsi di Composizione del Conservatorio.

Si tratta di un vero e proprio concerto, ad entrata libera, in cui i giovani compositori vedranno eseguire i propri lavori dai colleghi strumentisti e Direttori.

Una ghiotta occasione per tastare il polso alla giovane musica italiana, e constatare di persona la grande qualità del lavoro svolto nel più grande Conservatorio Italiano.

Consultate qui sopra il programma dettagliato, con una nuova tecnologia che vi permetterà di sfogliare il file pdf come una vera e propria pubblicazione (cliccare sopra l’immagine per ingrandire le pagine).

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Mag 262008
 

Il pianista Stefano LigorattiPrima che i dischi 33 giri entrassero in produzione, ogni radio che si rispettasse aveva tra i suoi dipendenti almeno un pianista che suonava in diretta. Ispirandosi al film premio Oscar “The Pianist” di Roman Polanski, Radio Classica ha deciso di restaurare questa tradizione e di ospitare ogni settimana un solista alla tastiera che racconta i segreti e le curiosità delle composizioni più affascinanti della storia della musica.

“Il Pianista” va in onda tutti i martedì alle 19.10 e in replica la domenica alle 16.Tra i suoi ospiti recenti, ci sono stati: Gianluca Cascioli, Mariangela Vacatello, Andrea Bacchetti, Roberto Prosseda e il compositore Giovanni Allevi.

Domani, martedì 27 maggio, alle ore 19.00, la trasmissione, condotta da Luca Ciammarughi, ospiterà Stefano Ligoratti, il nostro Direttore Artistico, che potrete quindi ascoltare in diretta nell’esecuzione della Sonata in fa min. “Appassionata” op. 57, di Ludwig Van Beethoven, nei tempi: I. Allegro assai, II. Andante con moto, III. Allegro ma non troppo. Molto interessante anche l’intervista al nostro giovane pianista, che, da compositore e Direttore d’Orchestra qual è, analizzerà la Sonata beethoveniana, mostrandone anche alcuni aspetti poco noti.

Come di consueto, la trasmissione verrà replicata anche domenica 1 giugno, alle ore 16.

In attesa del programma radiofonico, se volete vedere questo pianista in azione (link alla sua pagina web: http://www.classicaviva.com/stefanoligoratti.htm), ecco un video registrato dal vivo nel dicembre 2007, con la famosa “Ciaccona” di Bach nella trascrizione di Ferruccio Busoni (è il pezzo più scaricato dal nostro player audio, qui nella barra di destra… siamo a più di 100 download al giorno! Pensiamo quindi di farvi cosa gradita proponendovi questo video).

Bach-Busoni, Ciaccona, by Stefano Ligoratti

La musica trasmessa da Radio Classica è tratta da una discoteca ampia, varia e continuamente aggiornata, e le selezioni sono accompagnate da notizie accurate su autori, opere, esecutori. Alcune trasmissioni, poi, ruotano attorno a temi particolari, come le varie epoche della musica, le storie dei grandi direttori, i diversi strumenti; mentre specifiche rubriche annunciano con anticipo gli appuntamenti da non perdere tra concerti e festival. Per le frequenze nelle varie città d’Italia, il palinsesto, e tutte le altre info, visitate il sito: http://www.radioclassica.fm

E’ possibile ascoltare Radio Classica anche da Internet: nella barra a destra di questo post trovate i link diretti per attivare lo streaming audio, e consultare i palinsesti. Date un’occhiata alla programmazione: per gli appassionati è una delle pochissime occasioni di ascoltare bella musica e programmi interessanti (Radio Classica trasmette anche su SKY).

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Feb 132008
 

Ciao a tutti. Vorrei oggi segnalarvi un articolo appena pubblicato sulla nostra webzine, al link: http://www.classicaviva.net.

Il nostro giovane Direttore artistico, Stefano Ligoratti, è andato al concerto del duo Igudesman & Joo, tenuto a Milano, di cui avevo parlato in un post precedente. Si è molto divertito, e ne ha tratto considerazioni stimolanti e un po’ provocatorie. Che ne pensate? Nell’articolo trovate anche diversi nuovi video del gruppo, andate a vederli!

Per la cronaca, e per chi fosse in zona, domani sera replicano il concerto a Mestre: 14. february 2008, Mestre, Italy – 21:00 Teatro Toniolo – P.ZZA Cesare Battisti 1, Mestre – Tickets: Tel: +39-0424-600458 www.culturaspettacolovenezia.it

Postiamo anche una divertente ed eloquente testimonianza del clima che si respirava a fine concerto, un video girato con il telefonino, secondo le migliori tradizioni care ai giovani… grandi star del pianismo classico che giocano, scherzano e si divertono come quei ragazzi che in definitiva sono… che bello!

[display_podcast]

 

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Dic 152007
 

La pianista e violinista Caterina Demetz Un bel concerto davvero, quello del 16 dicembre 2007 al Museo diocesano di Milano, organizzato in collaborazione con il Conservatorio di Milano.

Si potrà ascoltare Caterina Demetz, una giovanissima violinista che si esibirà, nel secondo tempo, anche come pianista.

Una vera musicista enfant-prodige, diplomata a diciassette anni, nella stessa sessione di esami, con dieci e lode e menzion d’onore, sia in violino che in pianoforte.

Nel primo tempo, verrà accompagnata da un altro pianista dieci e lode e menzion d’onore, Stefano Ligoratti. I due, insieme, faranno scintille con una travolgente sonata di Beethoven.

Le vistose pubblicità apparse su molti giornali non riportano però, curiosamente, né il programma, né i nomi dei giovani artisti. Rimediamo subito noi…

PROGRAMMA DEL CONCERTO DEL
16 DICEMBRE 2007
AL MUSEO DIOCESANO, ore 16 –
Sala dell’Arciconfraternita – per assistere ai concerti è sufficiente essere in possesso del biglietto di ingresso al Museo – Euro 8

Caterina Demetz e Stefano LigorattiL. van Beethoven – Sonata in sol maggiore op. 30 n. 3 per violino e pianoforte
· Allegro assai
· Tempo di Minuetto
· Allegro vivace
Caterina Martina Demetz, violino – Stefano Ligoratti, pianoforte

F. Chopin – Scherzo in Sib minore op. 31 per pianoforte
L. van Beethoven – Rondo a capriccio op. 129 per pianoforte
F. Liszt – Polonaise n. 2 in mi maggiore per pianoforte

Caterina Martina Demetz, pianoforte

Caterina Martina Demetz è nata nel 1989. All’età di quattro anni viene ammessa al Conservatorio “G. Verdi” di Milano per lo studio del violino e a cinque anni inizia lo studio del pianoforte principale. Ha debuttato a Milano nel 2000 come solista al pianoforte con l’Orchestra Filarmonica del Conservatorio eseguendo il Rondò K.368 di Mozart. L’Associazione ASSAMI le ha assegnato nel 2003 il prestigioso “Premio Giuseppe Verdi, la musica per la vita”. In maggio 2004 ha tenuto unrecital suonando entrambi gli strumenti in Islanda, ottenendo un gran successo di pubblico e critica.
In agosto 2004 ha eseguito il concerto op. 64 di Mendelssohn per violino e orchestra, registrato dalla sede RAI di Bolzano. Nell’anno 2005/06 ha conseguito entrambi i diplomi di Pianoforte e Violino con “10 e lode con menzione d’onore”. I
In agosto 2006 ha eseguito per il festival Gardenamusica il concerto in re min per pianoforte e orchestra di J. S. Bach, con la Streicherakademie registrato dalla sede RAI di Bolzano. Si esibisce in diversi concerti e recital di violino e pianoforte in Italia e all’estero. Frequenta attualmente la quinta classe del Liceo musicalesperimentale presso il Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano, è iscritta al V corso di Composizione col M° Delli Pizzi e ai corsi propedeutici al Biennio per Pianoforte Violino rispettivamente con i maestri Leonardi e Maestri. Il Conservatorio le ha assegnato il Premio Forziati, VIII edizione.

Stefano Ligoratti è nato a Milano nel 1986. Comincia ad appassionarsi e quindi a studiare musica all’età di 11 anni, perché “folgorato” dalla musica per organo di J. S. Bach, e viene quindi ammesso al Conservatorio di Milano, nella classe di “Organo e composizione organistica”, all’età di 13 anni.
Si iscrive poi contemporaneamente al Corso di pianoforte ed a quello di Composizione tradizionale e frequenta il Liceo musicale interno al Conservatorio, conseguendovi la Maturità artistica nel luglio 2005.
Nell’A. A. 2005/2006 si diploma in Organo (con 110 e lode) e in Pianoforte (con 110, lode emenzione d’onore) e consegue il Compimento Medio di Composizione tradizionale (voto 10/10).
Nel luglio 2007 consegue anche, a pieni voti, il Diploma di Clavicembalo.
Attualmente frequenta il Biennio specialistico di pianoforte, il Nono corso di Composizione Tradizionale e il Corso di Direzione d’Orchestra.
Ha fin da subito affiancato allo studio un’attività concertistica molto intensa, esibendosi per importanti enti concertistici sia in Italia che all’estero, nelle vesti di solista (sia come pianista, che come organista e clavicembalista), Direttore d’Orchestra e camerista.
Direttore Artistico del Network musicale “Classica Viva”, ne ha fondato l’omonima orchestra sinfonica, della quale è Direttore principale. Incide in esclusiva per l’etichetta discografica “Classica Viva”: il suo primo CD, intitolato “Variazioni … e dintorni”, è stato pubblicato nel 2007.
E’ vincitore di diversi premi in Concorsi nazionali ed internazionali: l’ultimo è quello al Concorso di Castrocaro per l’“XI Rassegna dei migliori diplomati 2006”.

Il Chiostro del Museodiocesano di Milano
Museo Diocesano
Corso di Porta Ticinese, 95
20123 MilanoTelefono e fax 02.89.42.00.19
e-mail: info@museodiocesano.it
biglietteria: info.biglietteria@museodiocesano.it
a destra: “l’Annunciata” di Antonello da Messina,
recentemente esposta al Museo
L'Annunciata di Antonello da Messina
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Dic 092007
 

Segnaliamo un’interessante esposizione di opere della pittrice Donatella Barbuio, che verrà inaugurata a Milano, prezzo il foyer del Cinema Apollo-spazio cinema, in Galleria de Cristoforis, 3 (fra Corso Vittorio Emanuele e la piazzetta Liberty) – tel. 02 780390.

L’inaugurazione della mostra, che ha per titolo “Invisibile”, avverrà mercoledì 12 dicembre 2007, alle ore 18. La mostra sarà aperta dalle ore 14,30 alle ore 24 fino al 27 gennaio 2008.

Solo nel giorno dell’inaugurazione la mostra sarà accompagnata in sottofondo dalle note del nuovo disco al clavicembalo di Stefano Ligoratti, Direttore artistico di ClassicaViva, che verrà presto pubblicato (cliccate qui per trovare alcune tracce già pubblicate in formato MP3 sul nostro catalogo on-line). Riportiamo qui il commento alla mostra, a cura di Barbara Tregnaghi:

“Terra, sabbia e foglie di ficus, corda, garza, ceralacca, pagine di giornale e carta velina, filo di rame e di ferro sono i “colori” usati da Donatella nei suoi lavori. Ma non è tutto. Nelle sue tele, grandi o piccole che siano, c’è sempre spazio sufficiente per accogliere ed inglobare quello che le stuzzica la fantasia, come il disco del freno di un’automobile che può servire a bloccare il vorticoso flusso di pensieri…
Con estrema naturalezza e con la vivacità di un gioco, l’artista raccoglie e trasforma ciò che trova fuori e dentro di sé.
Quel suo mescolare la poesia con il quotidiano genera ora un clima da mondo parallelo fatto di luce soffusa e silenzio, ora una dimensione ludica e chiassosa, ora una sorta di “era glaciale” dove assale un freddo che paralizza.
Un miscuglio di dolore afono, sfilacciate malinconie e cerebrali cavilli dà vita ai suoi “grovigli” che abitano la pancia, il cuore, la testa delle sue forme antropomorfe e non. E poi ci sono le “ferite”, testimoni di un’avventura azzardata, di un percorso tortuoso, di una rivoluzione. Sono tagli da curare e metabolizzare, che restano indelebili e affascinanti, come nei sulla pelle, come medaglie al valore sulla divisa di un soldato, come foto ingiallite in un album di famiglia.

Con spontaneità ed immediatezza Donatella medita su di sé, va a caccia di serenità e consolazione nell’inesorabile ciclo delle cose.
Condizione insita nell’uomo e nella tela da dipingere è dunque la fragilità. Ma ciò non deve spaventare: esiste sempre il Rammendo, antica ed elegante attività femminile frutto di una ritmica pazienza, di un gesto automatico e pur sempre creativo. Esso si ri-genera, infatti, dal perpetuo scambio dialettico fuori/dentro tracciato dall’ago.

Le note di Stefano Ligoratti fanno da eco all’originario ed autentico sentire delle opere esposte. Le corde del clavicembalo divengono il filo con cui l’artista cuce il suo mondo invisibile.

Barbara Tregnaghi

Stefano Ligoratti al clavicembaloAscolta in podcast Stefano Ligoratti in un brano di Rameau, la Gavotte en la mineur:

[display_podcast]

Continua a leggere…

Nov 172007
 

L5w86dJtnwIEcco un video di un concerto di ClassicaViva a Cantù, l’8 luglio 2007: Simone Pionieri esegue la Rapsodia in blu di Gershwin, con l’Orchestra di ClassicaViva e la Direzione di Stefano Ligoratti. Godetevelo, è davvero notevole…

Godetevi anche il fantastico clarinetto di Constantin Petrescu nel celeberrimo incipit: Constantin è il nostro tecnico del suono e come tecnico informatico si prende cura dei nostri computer e della nostra rete, ma è anche un eccellente musicista…null

Vieni alla nostra rassegna di lezioni-concerto a Milano alla Palazzina Liberty!