Guido Salvetti

 

Guido SalvettiGuido Salvetti, pianista e musicologo, è nato a Varese il 7 ottobre 1940.

Laureato in Lettere e in Filosofia presso l’Università degli studi di Milano. si è diplomato in pianoforte con Pietro Montani presso il Conservatorio di Milano e ha conseguito il diploma di merito ai corsi di pianoforte di Guido Agosti presso l’Accademia Chigiana di Siena. Si è diplomato in Composizione nel 1976.

Ha insegnato “Lettere e storia” e “Filosofia e storia” presso i Licei. Dal 1964 al 1982 è stato docente di Pianoforte principale e di Storia della Musica presso il Liceo Musicale di Varese.

Dal 1976 al 2004, è stato docente di Storia della musica presso il Conservatorio ‘G. Verdi’ di Milano, dove ha fondato il Corso di Musicologia, che ha coordinato dal 1984 al 1999: in tale ambito ha svolto gli insegnamenti di Storia e storiografia musicale e di Analisi della musica post-tonale.

Nel 2000 docente all’Ecole Normale Supérieure di Parigi per il corso DEA Musique Histoire Société.

Dal 1996 al 2004 è stato Direttore del Conservatorio di Milano.

Dal 1976 al 1979 e dal 1997 al 2000 è stato Vicepresidente della Società Italiana di Musicologia; dal 2006 ne è il Presidente. Dirige attualmente il progetto di ricerca “Musica nel Novecento Italiano” della SIdM e la collana “Repertori musicali”.
Fa parte del comitato scientifico della Fondazione Arcadia. Ha svolto e svolge attività di pianista e pianista-conferenziere, anche nel repertorio cameristico e in quello liederistico.

Si è costantemente dedicato alla promozione culturale. Ha collaborato con concerti-lezione tra gli altri con il Teatro alla Scala, con l’Ente Arena di Verona, con l’Autunno Musicale di Como e con la Sagra malatestiana di Rimini. Ha tenuto cicli di trasmissioni televisive per la Televisione della Svizzera Italiana, tra cui “Letture al pianoforte”, “Lezioni di Lied” con il soprano Karin Ott e un ciclo su Richard Wagner.

È autore di cicli radiofonici per la RAI (tra cui si ricordano le 100 “Storie di musica” e il “Caleidoscopio Wagner”) e con la Radio della Svizzera italiana (cicli su Bartok, sulla Musica del Novecento, cicli sull’opera dell’Otto e del Novecento, ecc.). Ha tenuto laboratori e masterclass di analisi musicale e di interpretazione soprattutto nel repertorio del Lied e della mélodie francese.

Di particolare lunghezza e impegno la collaborazione, in tal senso, con il “Festival Internazionale di Musica vocale da camera” presso il Teatro di Carpi dal 1985 al 1988. Per tale attività è stato ospite, tra gli altri, delle Hochschulen di Monaco e di Lipsia e dell’Ecole Normale Supérieure “Alfred Cortot” di Parigi.

È stato direttore artistico dei “Festival di musica da camera” del Comune di Varese del 1986 e del 1987 (assieme al violoncellista Mihai Dancila), dei “Concerti nelle Rocche” della Sagra malatestiana di Rimini tra il 1992 e il 1995, dell’Orchestra Filarmonica del Conservatorio di Milano tra il 1999 e il 2004.
Dal 2006 è Presidente della Società Italiana di Musicologia.Guido Salvetti

Come musicologo ha al suo attivo volumi e saggi su argomenti che spaziano dal Settecento italiano (tra cui Luigi Boccherini), all’Ottocento operistico (vedi ad esempio i capitoli di “Musica in scena”), al Novecento storico (vedi ad esempio il volume La nascita del Novecento, per la Storia della Musica SIdM/EdT). In questo ultimo ambito dirige la collana “Musica nel Novecento italiano”. Nel 2006 ha pubblicato Le Sonate per violoncello di Johannes Brahms. Contesto, testo, interpretazione per la Libreria Italiana Musicale (LIM) di Lucca. Nel 2007 I canti dell’ultimo Schumann, ETS, Pisa.

Come pianista è attivo particolarmente nel repertorio da camera e liederistico. Presso il Conservatorio di Milano ha fondato e diretto il corso di Musicologia dal 1984 al 1996. Di questo Conservatorio è stato direttore dal 1996 al 2004. Si è particolarmente dedicato alla promozione culturale con concerti-lezione e con cicli di trasmissioni televisive e radiofoniche presso la RAI e la Radio Televisione della Svizzera Italiana. Nei vari ambiti della sua attività si è più volte impegnato sul tema dell’interpretazione musicale e dei grandi interpreti, proponendo aggiornati metodi di analisi e di giudizio.
Dirige, assieme al soprano Stelia Doz, l’Accademia di musica vocale da camera presso il Teatro di Casalpusterlengo (LO).

Print Friendly, PDF & Email