Duo Aska Saito e Selene Framarin

 

Aska Carmen Saito e Selene Framarin si sono conosciute nel 2004 nella classe di musica da camera della prof.ssa Emanuela Piemonti al Conservatorio G. Verdi di Milano. Da allora hanno avuto il piacere di suonare insieme, svolgendo un costante lavoro di ricerca per valorizzare l’espressione musicale anche attraverso le affinità spirituali, gli interessi culturali, la sensibilità artistica extra-musicale e le convinzioni etiche.

Insieme hanno frequentato corsi e masterclass con Karl Leister, Richard Stoltzman, Alessandro Carbonare, Paolo Beltramini e si sono esibite in diversi concerti (Museo Diocesano di Milano, Università Popolare di Milano, Centro Culturale Antonianum, Università degli Studi di Milano, Associazione Dino Ciani, Università degli Studi di Milano, Ass. Amici della Galleria d’Arte Moderna – Onlus di Milano, Ass. Amici dei Musei di Livorno, etc.).

Il duo ha vinto i concorsi Beltrami (2005) e Ferrero (2007) riservati ai migliori gruppi da camera del Conservatorio di Milano, la XVII edizione del Concorso “Società Umanitaria” (2007) e il primo premio assoluto al Concorso Internazionale Camillo Togni di Gussago (2007).
Nel 2008 è stato finalista al Concorso Internazionale di Musica da Camera “Gaetano Zinetti”.

Selene Framarin, clarinetto

Nata ad Aosta nel 1985, inizia i suoi studi presso la Fondazione Istituto Musicale della sua città. Dopo essere stata premiata, nel 2003, al Concorso Clarinettistico Internazionale G. Mensi di Breno (Bs), è ammessa nella classe del M. Antony Pay presso l’Accademia Chigiana di Siena, dove le viene assegnata la borsa di studio. Nel 2004 entra al Conservatorio “G. Verdi” di Milano e si diploma l’anno seguente, sotto la guida di Luigi Magistrelli, con il massimo dei voti.
Presso lo stesso Conservatorio, nel 2007 consegue il “Master di Alto Perfezionamento Strumentale” con Alessandro Carbonare, e si perfeziona inoltre con Karl Leister, Pascal Moraguez, Richard Stoltzman, Enrico Maria Baroni e Paolo Beltramini.
Ha suonato, in duo e in altre formazioni cameristiche, per varie associazioni e rassegne (Società del Quartetto, Pomeriggi Musicali, AostaClassica, Museo Diocesano di Milano, Università Popolare milanese, Associazione Dino Ciani, etc.) ed ha collaborato nel campo della musica contemporanea con il Divertimento Ensemble e con l’Ensemble Risonanze (Rondò, Festival Borealis di Bergen in Norvegia, MITO – Settembremusica). Per quanto riguarda l’attività orchestrale collabora con Sinfonica (Orchestra della Valle d’Aosta), con l’Orchestra MilanoClassica e con l’Orchestra Internazionale d’Italia.
Attualmente frequenta il biennio di perfezionamento presso il Conservatorio milanese.

Aska Carmen Saito, pianoforte

Nata a Milano nel 1988 da madre giapponese e padre spagnolo, diplomatasi in pianoforte con il massimo dei voti, la
lode e la menzione speciale presso il Conservatorio “G.Verdi” di Milano nella classe della Prof.ssa E. Ponti, ottiene il “Premio Giulio Forziati “2005” come migliore diplomato.

Ha studiato con M° M. Fedrigotti, e M° O. Marshev. Attualmente frequenta il II anno del Biennio di Secondo Livello nel Conservatorio milanese sotto la guida della Prof.ssa S. Rumi.
Ha debuttato a otto anni nella Sala Verdi del Conservatorio, e da allora ha tenuto numerosi recital in Italia e in Giappone. Di particolare importanza le performance a Milano, Chiostro del Conservatorio, “Società dei Concerti”, Società Umanitaria; a Mantova, Palazzo Ducale; a Napoli, Società Humaniter; etc.
Dal 1996 al 2005 si è messa in luce classificandosi al primo posto in numerosi concorsi nazionali e internazionali, tra cui anche con l’orchestra, ottenendo riconoscimenti, borse di studio e concerti premio. Nell’anno 2003 ha vinto una delle cinque Borse di Studio del “XIII Concorso Nazionale Società Umanitaria – Milano” concorrendo con studenti di Conservatori di Musica di ogni strumento e senza limiti di età.

Si perfeziona con B. Petrushansky, P. Badura-Skoda, Fou Ts’ong, J. Achucarro (Accademia Chigiana di Siena), K.H. Kämmerling (Euro Music Festival, Leipzig).
Nel 2008 ottiene una delle borse di studio Erasmus, grazie al quale frequenta la “Hochschule für Musik und Theater F. Mendelssohn Bartholdy – Leipzig” nella classe del Prof. M. Tomas.

Print Friendly, PDF & Email