Lug 072008
 

media-U-WebRadioCari amici, per tirarci su il morale in questi tempi di vacche così magre per la musica e i musicisti, pubblico con entusiasmo un contributo che mi arriva dal mio più stretto collaboratore, Constantin Petrescu, un eccellente musicista e appassionato ed espertissimo informatico (bella combinazione, no? l’ideale per ClassicaViva…), che divora ascolti musicali, spaziando ovunque, e che mi ha segnalato un bel sito: http://www.mediayou.net/web/index.asp?lan=ita.

Si tratta di un sito internazionale, dove potrete selezionare il genere di musica che preferite, e ottenere istantaneamente una lista di radio che trasmettono su Internet, direi la più vasta in cui io mi sia finora imbattuta. Il bello è averle tutte a disposizione, da provare con un semplice click (a proposito, a me funziona benissimo con Internet Explorer, e non, stranamente, su Firefox, forse a causa degli innumerevoli plugin che ho scaricato per questo browser): in ogni caso, con un pochino di pazienza si riesce facilmente a capire come funziona il tutto e ad ascoltare, direi con ottima qualità, musica proveniente da tutto il mondo.

E qui sta il bello, e per questo parlavo di tirarci su il morale: vuoi mettere la soddisfazione di ascoltare una radio che trasmette, che so, dalla Nuova Zelanda,  o da qualunque altro paese ci venga in mente (per esempio, evviva, la BBC classica…), e scoprire che tutte queste radio parlano il nostro linguaggio, l’unico vero linguaggio internazionale – altro che esperanto! – ossia la musica classica, che ci unisce nell’ascolto su tutto il pianeta? (certo che, se si conosce l’inglese, l’impresa risulta di maggior soddisfazione, visto che si può accedere ai vari siti delle radio, consultarne la programmazione, per sapere che brano si stia ascoltando, trovare notizie…., magari ascoltare qualcosa in inglese, anche, tanto per provare a prendere maggior familiarità con questa lingua): insomma, un bel filone d’oro per tutti gli appassionati della musica. Occhio soltanto a una cosa… dà dipendenza! E ogni tanto vi capiterà di trovarvi in un sito che parla giapponese, o non so bene che strana lingua dai caratteri che non conosco…. ma la musica, per fortuna, è sempre quella… Buon ascolto!

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Giu 152008
 

Ines AngelinoComunico a tutti i nostri affezionati lettori che domani, lunedì 16 giugno, sarò in onda in diretta su Radio Classica, alle ore 16.

Il programma si chiama “Ultimo Grido”: è una trasmissione ideata con l’obiettivo di aiutare i lettori a districarsi nella giungla delle novità discografiche ed editoriali nel campo della musica classica, ascoltare i migliori dischi, cogliere dalla viva voce dei grandi artisti i loro pensieri e approfondire con musicisti di fama gli aspetti più affascinanti della musica. Condotta dal bravo Luca Ciammarughi, “Ultimo Grido” è in onda tutti i giorni da lunedì a venerdì, in diretta dalle 16 alle 17:30. C’è anche spazio per le domande degli ascoltatori, che potranno rivolgerle scrivendo all’indirizzo radioclassica@class.it, indicando nell’oggetto “Ultimo Grido”.

La trasmissione sarà in diretta ed io sarò intervistata da Luca Ciammarughi in qualità di Editore, per parlare della situazione dell’industria fonografica, per quanto riguarda, in particolare, la musica classica.

Ecco il link per l’ascolto di Radio Classica sul Web: http://www.radioclassica.fm/radio-classica.asx.

Vi aspetto domani! Se possibile, aggiungerò poi il podcast qui…

Ines Angelino

Giu 082008
 

Il pianista Evgeni BozhanovSi è svolta ieri sera, al Teatro Verdi di Terni, la serata conclusiva della 28^ EDIZIONE del Concorso pianistico Internazionale “Alessandro Casagrande”. Ecco i Vincitori:

    il primo premio è andato a Evgeni Bozhanov, bulgaro, 24 anni.
    il secondo premio è stato assegnato a Rachel Cheung Wai Ching, cinese di 16 anni,
    il terzo a Gabriele Baldocci, 28 anni, di Livorno.

Una serata particolarmente avvincente, quella della prova finale con orchestra svoltasi il 7 giugno al Teatro Verdi di Terni, gremito di pubblico, e trasmessa in bella e avvincente diretta radiofonica dalla RAI (su Radiotre). E’ stato sottolineato dalla giuria il livello altissimo di un’edizione che ha confermato la tradizione di un concorso prestigioso, attento ad identificare una figura completa di musicista.

Il concerto dei premiati avrà luogo, sempre al Teatro Verdi, domenica 8 alle ore 17,30. E, come la prova finale, sarà trasmesso in diretta radiofonica RAI-Radiotre. Colleghiamoci tutti via internet, utilizzando questo link: http://www.radio.rai.it/radio3/ascolta.cfm#

Posso testimoniare, avendo ascoltato in diretta la finalissima di ieri sera, che, almeno per il vincitore, ne vale davvero la pena. Non ho fatto in tempo, purtroppo, ad ascoltare l’italiano Baldocci… ma mi aspetto qualcosa di davvero bello, visto il curriculum. Ma ne discuteremo dopo insieme, di tutto, i commenti sono qui per questo… Per ora ascoltiamoli, questo è davvero un concorso importante, quello che nel 1976 laureò Alexander Lonquich, ad esempio, oltre a Boris Petrushansky nel 1975… per non parlare di Ivo Pogorelich, vincitore nel 1978. Facciamo quindi i nostri migliori auguri al vincitore, per una carriera ricca di altrettanti successi!

Evgeni Bozhanov, che si è esibito nel Concerto n. 1 Op. 11 di Chopin, si è rivelato, secondo il comunicato stampa ufficiale diramato dal Concorso, ” un pianista sfolgorante e molto maturo musicalmente, capace di intraprendere soluzioni originali e raffinate, particolarmente attento al dialogo nella musica da camera”. Nato a Russe in Bulgaria 24 anni fa, ha studiato fin da bambino nella Scuola speciale di Musica riservata ai bambini di particolare talento. A 12 anni ha debuttato con l’orchestra suonando il Concerto K. 415 di Mozart, e negli anni seguenti ha vinto numerose competizioni nelle categorie giovanili. Si è poi trasferito in Germania dove ha studiato con Boris Bloch presso la Musikhochschule di Essen, ha conseguito premi in competizioni (Chopin di Colonia, Carl Bechstein di Essen), e ha ottenuto diverse borse di studio da fondazioni. Studia ora presso la Musikhochschule di Düsseldorf con Georg Friedrich Schenck (pianoforte) e Rüdiger Bohm (direzione d’orchestra). Da anni segue i corsi di Dmitri Bashkirov. Ha debuttato un anno fa in sale da concerto come il Gasteig di Monaco e l’Alten Oper di Francoforte.

Rachel Cheung Wai Ching, sedicenne pianista cinese, ha presentato il Concerto n. 3 op. 37 di Beethoven.

Il pianista Gabriele BaldocciGabriele Baldocci, livornese di 28 anni, perfezionato presso l’Accademia Pianistica “Incontri con il Maestro” di Imola e The International Piano Academy di Como sotto la guida di insegnanti come Franco Scala, Dmitri Bashkirov, Fou Ts’Ong, Andreas Staier, Charles Rosen, Alicia de Larrocha, Leon Fleisher, William Grant Naborè, ha eseguito il Concerto n. 4 op. 58 di Beethoven. Attualmente è alunno di Sergio Perticaroli presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Collabora con artisti di fama mondiale tra cui Martha Argerich, con la quale spesso si esibisce in duo pianistico.

Continua a leggere…

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Mag 262008
 

Il pianista Stefano LigorattiPrima che i dischi 33 giri entrassero in produzione, ogni radio che si rispettasse aveva tra i suoi dipendenti almeno un pianista che suonava in diretta. Ispirandosi al film premio Oscar “The Pianist” di Roman Polanski, Radio Classica ha deciso di restaurare questa tradizione e di ospitare ogni settimana un solista alla tastiera che racconta i segreti e le curiosità delle composizioni più affascinanti della storia della musica.

“Il Pianista” va in onda tutti i martedì alle 19.10 e in replica la domenica alle 16.Tra i suoi ospiti recenti, ci sono stati: Gianluca Cascioli, Mariangela Vacatello, Andrea Bacchetti, Roberto Prosseda e il compositore Giovanni Allevi.

Domani, martedì 27 maggio, alle ore 19.00, la trasmissione, condotta da Luca Ciammarughi, ospiterà Stefano Ligoratti, il nostro Direttore Artistico, che potrete quindi ascoltare in diretta nell’esecuzione della Sonata in fa min. “Appassionata” op. 57, di Ludwig Van Beethoven, nei tempi: I. Allegro assai, II. Andante con moto, III. Allegro ma non troppo. Molto interessante anche l’intervista al nostro giovane pianista, che, da compositore e Direttore d’Orchestra qual è, analizzerà la Sonata beethoveniana, mostrandone anche alcuni aspetti poco noti.

Come di consueto, la trasmissione verrà replicata anche domenica 1 giugno, alle ore 16.

In attesa del programma radiofonico, se volete vedere questo pianista in azione (link alla sua pagina web: http://www.classicaviva.com/stefanoligoratti.htm), ecco un video registrato dal vivo nel dicembre 2007, con la famosa “Ciaccona” di Bach nella trascrizione di Ferruccio Busoni (è il pezzo più scaricato dal nostro player audio, qui nella barra di destra… siamo a più di 100 download al giorno! Pensiamo quindi di farvi cosa gradita proponendovi questo video).

Bach-Busoni, Ciaccona, by Stefano Ligoratti

La musica trasmessa da Radio Classica è tratta da una discoteca ampia, varia e continuamente aggiornata, e le selezioni sono accompagnate da notizie accurate su autori, opere, esecutori. Alcune trasmissioni, poi, ruotano attorno a temi particolari, come le varie epoche della musica, le storie dei grandi direttori, i diversi strumenti; mentre specifiche rubriche annunciano con anticipo gli appuntamenti da non perdere tra concerti e festival. Per le frequenze nelle varie città d’Italia, il palinsesto, e tutte le altre info, visitate il sito: http://www.radioclassica.fm

E’ possibile ascoltare Radio Classica anche da Internet: nella barra a destra di questo post trovate i link diretti per attivare lo streaming audio, e consultare i palinsesti. Date un’occhiata alla programmazione: per gli appassionati è una delle pochissime occasioni di ascoltare bella musica e programmi interessanti (Radio Classica trasmette anche su SKY).

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Nov 292007
 

Ciao a tutti,

se come me adoravate ascoltare la musica classica in filodiffusione e non avete più potuto farlo (perché il servizio non esiste quasi più, soprattutto nei piccoli centri), eccovi un link prezioso: se avete una connessione internet veloce (ma anche una appena discreta) vi apre una finestrina nella quale potete selezionare il canale rai preferito e ascoltare in internet con sorprendente qualità.

Radio Rai Sembra banale, ma io ad esempio non sono mai riuscita a selezionare il canale della filodiffusione rai in una delle tante web radio disponibili anche sulle barre di navigazione. Questo link, invece, funziona benissimo: godetevelo!

http://www.monitor-radiotv.com/phoenix/html/modules.php?op=modload&name=Internet_Radio&file=popup&radio=17&num=

Attenzione! Si tratta di un link particolarmente utile perché consente di selezionare qualsiasi canale RAI di proprio gradimento con un semplice click. Il link qui sopra è già configurato per la filodiffusione, ma potrete cambiare canale in un istante.

Vieni alla nostra rassegna di lezioni-concerto a Milano alla Palazzina Liberty!