Mar 032016
 

                                                    L’Associazione Musicale Colpi d’Arte

è lieta di annunciare il suo Concerto d’Inaugurazione

Bach to the Future

L’occasione è gradita per ricordare l’anniversario della nascita di Johann Sebastian Bach, omaggiando le sue Opere in chiave contemporanea. Si tratta di una performance molto innovativa che vuole esplorare nuovi colori timbrici grazie all’utilizzo di strumenti elettronici che si contrappongono alla classicità della musica di Bach. Il concerto sarà il risultato di una commistione di tradizione e rottura di quest’ultima. Non ci sarà barriera tra gli esecutori e il pubblico; la partecipazione degli spettatori sarà più attiva e dinamica.Non mancheranno momenti esplicativi in forma di guida all’ascolto e di spiegazione dell’esecuzione.

 

Matilda Colliard – Violoncello/Violoncello elettrico

Stefano Ligoratti  – Pianoforte/Sintetizzatore.


Programma a sorpresa!

Appuntamento al 21 marzo 2016 alle ore 19:00 presso la Sala Hajech del Liceo Artistico di Brera – ingresso da via Marcona 55 (Milano)

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

  

Per info:   assmuscolpidarte@gmail.com

tel: 0039-3465884701

Set 172014
 

Matilda Colliard e Stefano LigorattiContinua, con grandissimo successo, la rassegna concertistica di ClassicaViva al Castello sforzesco di Vigevano:  un viaggio attraverso la grande musica in uno scenario incantevole: grandi, giovani interpreti sono i protagonisti delle suggestive serate tra le colonne della splendida Scuderia Leonardesca. L’obiettivo – che è ormai una concreta realtà – è quello di avvicinare il pubblico alla musica classica attraverso l’interpretazione di capolavori di grandi compositori, tra i quali giganteggiano Ludwig Van Beethoven e Franz Schubert.

Concerto di domenica 21 settembre, alle ore 21,30

“Appassionatamente”

duo violoncello e pianoforte
Matilda Colliard e Stefano Ligoratti

  • Ludwig Van Beethoven, Sonata n. 3 op. 69 per Violoncello e Pianoforte in La magg.
  • Anton Rubinstein, Sonata n. 1 op. 18 per Violoncello e Pianoforte in Re magg.

Un concerto davvero interessante, in cui viene dato spazio, oltre a una grandissima sonata classica di Beethoven, all’originalità di un compositore come Anton Rubinstein, con la Sonata per Pianoforte e Violoncello n. 1, capostipite di un romanticismo al quale si ispirarono moltissimi celebri altri autori.

Gli interpreti

Concerto-Eroico-0069 matilda2
 Stefano Ligoratti  Matilda Colliard

 

Lug 072011
 

Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE MicrosoftInternetExplorer4 < ![endif]--> < ![endif]--> < ![endif]-->
Si svolgerà a Teramo dal 26 Agosto 2011 al 4 Settembre la seconda edizione Interamnia Music Class,  negli ambienti e nelle aule della Scuola Statale S. Berardo del IV Circolo di Teramo. Interamnia Music Class pone anche quest’anno forte il proprio accento sulla musica da camera: durante tutto il corso gli studenti verranno invitati a collaborare, a seconda delle scelte dei docenti, in Ensemble seguendo le lezioni del docente di musica da Camera.

Icorsi previsti sono: Pianoforte, Direzione d’Orchestra, Violino, Viola, Violoncello, Chitarra (incluso corso Orchestra a Plettro), Corno, Flauto, Clarinetto, Mandolino, Canto, Composizione. Seminario Risonanze del corpo e corso di Musica da camera inclusi nell’iscrizione per tutti i corsisti. I docenti: Mariangela Vacatello, Ilya Grubert, Gabriele Falcioni, Orazio Maione, Anna Vandi, Silvia Colasanti,  Luciano Bellini, Guido Arbonelli, Liliana Bernardi, Marco Traverso, Gianluca Giganti, Massimo delle Cese, Umberto Cafagna, Alvaro Lopes Ferriera, Luca Bellini, Fabio Giudice, Maria Grazia Dalpasso. Sono previste lezioni indi­viduali e di gruppo secondo le modalità stabilite da ciascun docente insieme all’allievo. Ai corsi possono partecipare musicisti di ogni nazionalità ed età. Gli studenti idonei, suoneranno nei concerti organizzati dall’organizzazione in Teramo e città limitrofe. La scadenza delle Iscrizioni: 15 Luglio.

Sono previsti concerti finali di chiusura della manifestazione. In collaborazione con l’Orchestra Benedetto Marcello, nei giorni 2 e 3 Settembre i migliori studenti (scelti dopo una selezione interna), potranno suonare  un tempo di Concerto con la stessa Orchestra: un’esperienza irripetibile ed irrinunciabile. Per informazioni: Tel 0861-211019, info@imcteramo.ithttp://www.imcteramo.it/ingressoclassica.html

Giu 052009
 

Concerto di solidarietà per l'Abruzzo, Conservatorio de L'AquilaIl Teatro milanese SpazioTeatro 89 ha organizzato, per stasera 5 giugno 2009, un concerto di beneficenza, il cui incasso verrà interamente devoluto al Conservatorio “Casella” de l’Aquila, gravemente danneggiato dal terremoto.

Partecipano, a titolo gratuito, gli artisti (in ordine alfabetico):
Davide Cabassi
Alberto Chines
Elisa D’Auria
Mariangela Ciuffreda e Filippo Di Domenico
(dal Conservatorio Alfredo Casella de L’Aquila)
Tatiana Larionova
Federico Rossini
Piercarlo Sacco
Luca Schieppati
Kulli Tomingas
Irene Veneziano

Programma:

  • J. Ph. Rameau (1683-1764): “Le Rappel des Oiseaux”
  • F. Chopin (1810-1849): Variations Brillantes op.12
    Alberto Chines – pianoforte
  • F. Borne (1862-1929): Fantasia sulla Carmen di Bizet
    Federico Rossini – flauto; Irene Veneziano – pianoforte
  • G. Rossini (1792-1868): “Nacqui all’affanno”, Aria di Cenerentola
    Kulli Tomingas – mezzosoprano; Luca Schieppati – pianoforte
  • F. Schubert (1797-1828): Impromptu op. 90 n. 3
    Tatiana Larionova – pianoforte
  • F. Schubert (1797-1828): Impromptu op. 142 n. 2
    Davide Cabassi – pianoforte
  • F. Schubert (1797-1828): Andante con moto, dal Trio op.100 D 929
    Piercarlo Sacco – violino; Filippo Di Domenico – violoncello; Luca Schieppati – pianoforte
  • F. Schubert (1797-1828): Lebenssturme D 947
    Tatiana Larionova e Davide Cabassi – pianoforte
  • F. Chopin (1810-1849): Notturno in Do# minore op. post.
  • F. Liszt (1811-1886): Rapsodia spagnola
    Irene Veneziano – pianoforte
  • R. WagnerIF. Liszt: Isoldens Liebestod
    Elisa D’Auria – pianoforte
  • D. Shostakovich (1906-1975): Scherzo dalla Sonata per vcl. e pf. op.40
    Filippo Di Domenico – violoncello; Mariangela Ciuffreda – pianoforte
Lug 272008
 

Siete incuriositi dal post di ieri? Che parlava del ritrovamento del Concerto “Brillant” di Friedrich Kummer per violoncello e orchestra?

Bene, date un’occhiata a questo video, registrato nel nostro studio, in cui Michele Galvagno e Stefano Ligoratti ci raccontano un po’ di particolari in più su questo scoop editoriale di cui andiamo molto orgogliosi…

Noterete quanto siano giovani ed entusiasti i due musicisti: a riprova che il mondo, se gliene lasciamo un pezzetto da gestire, è dei giovani e del loro entusiasmo, della loro incontenibile voglia di fare e, perché no, della loro grande cultura musicale, che i nostri tanto deprecati Conservatori  sono riusciti a trasmettere con indiscutibile successo.

Largo ai giovani, dunque, e non dimentichiamo mai che tutti i grandi compositori e geni della musica classica hanno composto molte delle loro cose migliori prima dei vent’anni…

xzRge_QznUY

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Lug 262008
 

La prima pagina della pubblicazione di ClassicaViva del Concerto di KummerGentili amici, siamo lieti di presentarvi una nostra esclusiva assoluta: abbiamo pubblicato nel nostro catalogo un concerto di Friedrich Kummer, datato 1827, che si pensava perduto per sempre. La riscoperta è dovuta ad un appassionato studente di violoncello, Michele Galvagno, allievo del Conservatorio di Cuneo, il quale, appassionatosi agli studi di Kummer per il proprio strumento, si interessò molto a questo autore e ne cercò altre musiche.

E, Il frontespizio della partitura originale del Concerto cerca cerca per biblioteche ed edizioni rare, ne rintracciò una polverosa copia nella biblioteca del Conservatorio di Milano, anzi soltanto le parti staccate di un Concerto “Brillant” per Violoncello e Orchestra , che lo incuriosì molto. Da qui, Michele ha deciso di dedicare un intero anno di lavoro alla trascrizione delle parti al computer, ricostruendo amorosamente la partitura iniziale, nonché la versione per pianoforte e violoncello, di cui si parla nel frontespizio dell’opera, e addirittura la versione per violoncello solista e quartetto d’archi.

Ha poi poi iniziato una lunga e serrata ricerca di un Editore che fosse interessato a pubblicare questo bellissimo concerto (perché, davvero, è splendido!), ricerca che non ebbe però esito alcuno, e portò – tanto per fare un esempio di quale sia oggi  la situazione per chi voglia pubblicare qualcosa di nuovo in musica – a risposte del tipo di quella ricevuta dall’Editore americano Schirmer, che scrisse: “al giorno d’oggi un editore pubblica qualcosa di cui sia sicuro al 100% gli ritornerà qualcosa in tasca, e pubblicare un concerto sconosciuto, inedito da centosettanta anni, di cui avrebbe dovuto pagare un agente per la gestione e l’affitto delle partiture, senza avere un esecutore che gli garantisca almeno una decina di concerti e una registrazione su CD, non è produttivo”.

Beh, per fortuna Michele ha trovato noi di ClassicaViva, grazie al Maestro Franco Redondi, del suo Conservatorio, che gli ha parlato di noi… piccoli editori che non guardiamo al profitto, ma lavoriamo con artigianale e quasi maniacale amore della musica!

Dopo un lungo e accurato lavoro editoriale, trovate quindi finalmente tutto sul nostro catalogo, insieme a molti ghiotti particolari musicologici, al link: http://lnx.classicaviva.com/catalog/index.php?cPath=24_35.

Si tratta di una raffinata edizione critica, curata, oltre che da Michele Galvagno,  anche dal nostro Direttore Artistico, M° Stefano Ligoratti. Contiene le partiture orchestrali con tutte le parti staccate, anche nella versione per pianoforte e violoncello e in quella per violoncello e quartetto. L’idea (e la speranza) è che qualcuno voglia finalmente eseguire questo bel concerto, una vera rarità, e uno splendido pezzo… che non meritava certamente questo lunghissimo oblio, al quale siamo orgogliosi di averlo sottratto.

Per rendervi conto del tipo di concerto, e della sua qualità, vi proponiamo qui, in podcast, il file MP3 generato dalla partitura di Finale,  che, in attesa di una vera esecuzione orchestrale, dà comunque una realistica idea del pezzo (ma vivaddio, la musica suonata da musicisti in carne ed ossa, per fortuna, è un’altra cosa…):

[display_podcast]

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Apr 062008
 

Malinconia - di Francesco Hayez - Milano, collezione privataPer qualche giorno non ho pubblicato il consueto post quotidiano… Me ne scuso molto con i lettori, che sono ormai moltissimi (a proposito: grazie!). Qualcuno, preoccupato, mi ha anche scritto, chiedendomi notizie… Dunque, l’assenza è stata dovuta essenzialmente al fatto che ho lavorato su molte cose diverse, arrivate tutte insieme sul mio tavolo (e sul mio computer…). Allora, elencando:

  1. Per prima cosa ho creato l’edizione inglese di questo blog, avendo trovato un favoloso corrispondente da New York (sentirete che voce…). Lancerò il tutto e vi darò i link entro questa settimana…
  2. Poi ho portato in dirittura di arrivo un meraviglioso nuovo CD che vedrà presto la luce con le nostre edizioni. Vi anticipo soltanto che si tratta di una ghiotta novità, anche per i musicologi…
  3. Poi sono andata ad assistere di persona alla presentazione del nuovo polo musicale milanese: ve ne parlerò in un post apposito.
  4. Idem per la conferenza stampa di lancio della stagione in S. Maurizio della Società del quartetto, sarà il prossimo post.
  5. Ho letto e commentato con l’autore una bellissima tesi di laurea che uno studente sta presentando in questi giorni per la sua laurea specialistica, con argomento LA COMUNICAZIONE E IL MARKETING NELL’AMBIENTE WEB 2.0. Case history di successo: “ClassicaViva” – e, in particolare, questo blog! E, naturalmente, la pubblicherò presto per le nostre edizioni!
  6. Ho stipulato un contratto con un bravissimo musicista ventenne, un violoncellista innamorato del suo strumento che sta ultimando gli studi al Conservatorio di Cuneo, che ha trascritto e curato una partitura orchestrale dal manoscritto di un concerto per pianoforte e violoncello dell’800, caduto nell’oblio, e che invece è splendido… Ve ne parlerò presto, è un lavoro di altissima qualità che presto troverete sul nostro catalogo.
    Sapete, nel nostro paese abbiamo davvero moltissimi giovani artisti con una fantastica professionalità, creatività, entusiasmo e voglia di fare. Insomma, questa è una nota bella in questi giorni di tristissima campagna elettorale e di brutte notizie che vengono dai mercati economici, no?Continua a leggere…
Mar 122008
 

Locandina dei concerti de “La musica e il bene”A Milano è in corso la terza edizione della rassegna “LA MUSICA E IL BENE” – quattro Atenei uniti per il bene della musica. Il ciclo di concerti, organizzato dall’Associazione Culturale “Il clavicembalo verde”, prosegue fino a maggio. La rassegna si propone di avvicinare la musica classica ai giovani, al di fuori dagli spazi convenzionali, e di raccogliere fondi per istituzioni benefiche come l’Associazione Amici della Clinica Neurochirurgia della Fondazione Ospedale Maggiore Policlinico – Mangiagalli – Regina Elena. A fare da palcoscenico saranno gli atenei milanesi, uniti sotto un unico cartellone: l’Università Iulm, la Statale, la Bocconi e il Conservatorio ospiteranno così giovani interpreti di classica e contemporanea.

Giovedì 13 marzo 2008, alle ore 21, presso l’Aula Magna dell’Università Statale di Milano (Via Festa del Perdono, 7), sarà possibile ascoltare un bel concerto (a ingresso libero):

Violoncello: Guido Parma
Pianoforte: Stefano Ligoratti

Programma:

L. Van Beethoven:
– Sette variazioni sul tema del Flauto magico di Mozart
– Sonata n. 3 in la maggiore op. 69
Gabriel Fauré
– Elegia in do minore
Francesco Cilea
– Sonata in re maggiore, op. 38

Il violoncellista Guido Parma è stato allievo di Alfredo Riccardi con il quale si è diplomato nel 1990. Ha frequentato successivamente il corso di perfezionamento della Società Carme con E. Dindo, M. Scano e M. Brunello. Dal 1991 ha collaborato con le orchestre della R.A.I. di Milano, dell’Angelicum, di Bergamo e di Como. Dal ’95 al ’98 è stato 1° violoncello dell’Orchestra Sinfonica dell’Università Cattolica di Milano con la quale si è esibito anche come solista in concerti in Europa, Canada e Tailandia. E’ risultato vincitore in numerosi concorsi nazionali e internazionali. Attualmente è Maestro collaboratore presso il Conservatorio “Nicolini” di Piacenza.
Il pianista Stefano Ligoratti, Direttore artistico del nostro network “ClassicaViva”, che alterna l’attività di solista con quella di pianista di musica da camera, è un grande e poliedrico talento che ha alle spalle anche molto studio “tosto” (a 21 anni aveva già messo in carniere tre diplomi decennali al “Verdi” di Milano, e per altri tre è in dirittura di arrivo…).

Due grandi Maestri del Conservatorio di Milano, il violinista Gigino Maestri e il pianista Leonardo Leonardi, hanno dato il via il mese scorso presso l’Aula Magna dell’Università Iulm alla 3° edizione della rassegna. Ideatore e direttore della rassegna, insieme al fratello violinista Giovanni, è il 27enne pianista, compositore e direttore d’orchestra Angelo Mantovani. Per informazioni, info@ilclavicembaloverde.com

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Nov 182007
 

vEc4YWICeXk&feature=relatedQuesto video, invece, l’ho trovato io. Ancora Bach (Prelude from Suite for Solo Cello No. 1 in G Major, BWV 1007 performed by Yo-Yo Ma), e decine di meravigliose bellezze cinematografiche nel raffinato – ça va sans dire – bianco e nero che rende magico il tutto. Magie del morphing… cosa non ci può dare l’informatica, nelle mani giuste? Grazie all’autore di questa vera opera d’arte, ecco il suo profilo http://it.youtube.com/user/eggman913

Nov 182007
 

nUDIoN-_Hxs

Riprendo un post interessantissimo dal blog di Mauro Graziani, http://www.maurograziani.org/wordpress/archives/770

Si tratta di un video, realizzato con la tecnica del morphing, che mostra, sulle note della sarabanda dalla Suite no. 1 per violoncello solo di J. S. Bach, decine e decine di ritratti di donna, su un periodo storico di almeno 500 anni di arte.

Per ristorarci un poco dalle fatiche quotidiane con la bellezza… Auguro a tutti coloro che sono soli di trovare presto una compagna bella come uno dei quadri che ci vengono mostrati.

Vieni alla nostra rassegna di lezioni-concerto a Milano alla Palazzina Liberty!