Mar 142011
 

“Il 9 marzo del 1842 Nabucco debuttava come opera patriottica tesa all’unità’ ed all’identità dell’Italia. Oggi, 12 marzo 2011 non vorrei che Nabucco fosse il canto funebre della cultura e della musica”

Lo ha detto qualche giorno fa il Maestro Muti, dirigendo l’Opera a Roma. E proprio come nel 1842 il teatro si è riempito di volantini, in difesa della Cultura italiana, mutilata di giorno in giorno dai tagli insensati non solo del governo, ma anche degli enti locali. Ed è una strage che quotidianamente miete le sue vittime.

Allora è doveroso sottolineare ogni piccolo gesto di resistenza – e tanti ce ne sono – che si spera possa tenere alta l’attenzione verso quel qualcosa di astratto, che la cultura sembra essere, dato che non è commestibile. Questo è stato per esempio il finale della direzione del Maestro Muti a Roma, che ha invitato il pubblico a cantare “Va pensiero” dicendo: ‘Sono molto addolorato per cio’ che sta avvenendo, non lo faccio solo per ragioni patriottiche ma noi rischiamo davvero che la nostra patria sara’ ‘bella e perduta’, come dice Verdi. E se volete unirvi a noi, il bis lo facciamo insieme”.

Ogni voce che si alza, in questo periodo di decadimento, deve essere raccolta e amplificata da chi ha l’opportunità di farlo.

Ed è per esempio il caso di Mantova, la città del Festival della letteratura (per antonomasia) che quest’anno grazie ai tagli voluti dalle amministrazioni locali, in conformità con la più pesante linea del governo, rischia di chiudere. Immediata la mobilitazione dei semplici cittadini, che immediatamente hanno aderito  all’appello lanciato con una petizione sul Gazzettino di Mantova, che tutto sommato potremo firmare anche noi, che forse a Mantova non ci siamo stati mai, ma che abbiamo ancora a cuore il profumo dei libri.

 

 

Mar 082011
 

Il Maestro Muti mentre dirige alla ScalaVa pensiero“, simbolo dell’Italia irredentista, e l’onore delle armi tributato forse con troppo anticipo al ministro Bondi, saranno al centro della trasmissione odierna “Ultimo Grido”, di Luca Ciammarughi su  Radio Classica, che andrà in onda alle ore 16.00 e alla quale parteciperà la nostra Ines Angelino.

Per il giusto tributo alle donne, in occasione dell’ 8 marzo, saranno trasmesse tutte interpretazioni di artiste donne, dedicate a Bach, e poi il coro del Va pensiero, diretto da Muti, alla Scala, nel 1984.

Per tutti coloro che vorranno ascoltare la trasmissione, ricordiamo il link.


Mar 072011
 

Centocinquantenario dell'Italia UnitaPrendiamo spunto da uno splendido articolo sul Corriere della sera, firmato da Gian Antonio Stella, nel quale si parla dell’imminente Centocinquantenario dell’Unità d’Italia, e si ricorda che il famoso coro “Va’ pensiero”, dall’Opera “Nabucco” di Giuseppe Verdi, rappresentato la prima volta nel marzo del 1842, quando la spinta risorgimentale iniziava a farsi pressante, e oggi praticamente fatto proprio dalla Lega, come proprio inno, in sostituzione dell’inno di Mameli, che è il nostro inno ufficiale, rappresenti in realtà il profondo patriottismo di Verdi.

Si tratta di un vero e proprio “scippo” alla nostra storia e alla nostra tradizione: solo chi non conosce la lirica e non sa che i patrioti scrivevano sui muri «Viva Verdi » per scrivere «Viva Vittorio Emanuele Re d’Italia» può pensare che proprio il magnifico e struggente coro di Verdi, che è in realtà il coro degli ebrei prigionieri a Babilonia, possa essere adatto a rappresentare un partito che, in realtà, aspira a distruggere l’unità nazionale, ossia l’esatto contrario di quello che volevano Verdi e tutti gli irredentisti del nostro Risorgimento.

Infatti, proprio il “Va’ pensiero” è stato scelto – forse un po’ provocatoriamente, come colonna sonora del documentario realizzato dallo storico Alberto Melloni, membro del Comitato dei garanti per i 150 anni dell’Unità d’Italia, che ha scelto proprio questa musica per la colonna sonora dell’anteprima montata per spiegare ai sindaci il progetto di questa storia per immagini del nostro Paese.

All’indirizzo http://www.fscire.it/150/ ci sono infatti un trailer e un “rullo“, denominato “Le unità degli italiani”, un piccolo documentario costruito con le immagini dei grandi archivi cinetelevisivi d’Italia – le TecheRai e l’Istituto Luce – e pensato per essere proiettato la notte tricolore del 16/17 marzo sulle piazze delle città e dei paesi.

Ecco qui i video con il trailer e l’intero “rullo” (cliccare su “play” e attendere con un po’ di pazienza qualche secondo per il caricamento, la partenza non è immediatissima):

[display_podcast]

 

Il “rullo” è un filmato che può essere avviato in un qualunque che momento della serata, con o senza un inizio ufficiale; ma va impostato per essere ripetuto all’infinito, in modo da proporsi alle diverse fasce di persone che passeranno dalle piazze italiane in quella notte.

Vieni alla nostra rassegna di lezioni-concerto a Milano alla Palazzina Liberty!