Dic 012008
 

Il Chiostro del Conservatorio di MilanoCari amici, come promesso, pubblichiamo qui il video integrale della bella trasmissione di RAI 1 sui Conservatori, intitolata “Dolenti Note”, andata in onda ieri sera alle 23,30.
E’ un bel programma, fatto molto bene, che ha saputo cogliere molti dei problemi dei giovani musicisti e fotografare con buon realismo la loro (triste) realtà. Poiché in buona parte è stato girato a Milano, conosco praticamente tutti i musicisti che sono stati ripresi o intervistati… Ma, al di là del piacere di rivedere tanti amici (moltissimi sono membri della nostra Orchestra sinfonica), che magone, gente mia.

Apriamo allora una buona volta un dibattito su questo argomento. Volete?  La cosa che mi ha intristito di più è sentire tante voci che dicono: per lavorare bisogna andare all’estero. Per non parlare della bella (e brava!) Margarita Egorova, che dalla lontana S. Pietroburgo è venuta a studiare qui… e dice di aver sbagliato paese. E’ per cercare di dare una chance a questi musicisti che è nata ClassicaViva. Ma da soli… non possiamo fare niente! Facciamo squadra. Facciamoci sentire. Non scoraggiamoci. Continuiamo a lottare per far vivere la musica che amiamo e i musicisti.

[display_podcast]
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Nov 302008
 

Speciale TG1Stasera, anche se a tarda ora, (e precisamente alle 23,30), va in onda su RAI1 una trasmissione che si preannuncia interessante: “Professione musicista”, a cura di Maria Grazia Mostra. Cercherà di approfondire il tema: “Si può vivere di musica in Italia?”,  approfondendo le difficoltà, le problematiche e le frustrazioni di chi decide di vivere della propria creatività.

Citiamo dal sito della RAI: “I giornalisti di questo Speciale del TG1 parleranno con i giovani che intendono trasformare la passione per la musica in un lavoro. Ne emerge una realtà allarmante: le orchestre chiudono, i Conservatori sono pochi e non sono mai stati istituiti i licei musicali come nel resto d’Europa. Qual’è il futuro dei musicisti? Storie ed esperienze di chi lotta per farcela e di chi invece, per necessità, ha rinunciato, cambiando professione.”

Sommessamente, predisponendoci all’ascolto (e invitandovi anche i nostri lettori) facciamo osservare che finalmente qualcuno sta scoprendo una verità lapalissiana, che purtroppo è ben nota da anni a chiunque si occupi seriamente di musica. Beh, meglio tardi che mai… Annunciamo anche che registreremo la trasmissione e cercheremo di distribuire il Videocast direttamente dal nostro blog. A presto!

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Vieni alla nostra rassegna di lezioni-concerto a Milano alla Palazzina Liberty!