Lug 202008
 

Guardate subito questo video e sognate con le magiche atmosfere di César Franck… Questo è un famoso pezzo organistico, Prélude, fugue et variations op. 18, eseguito su un pianoforte da Mirko Bruson. Ma si tratta di un pianoforte molto speciale…

Fu2JFHk1GiM&feature=related

il Doppio pianoforte BorgatoE’ il pianoforte doppio, interamente progettato, brevettato e costruito da un italiano:  Luigi Borgato. Assieme alla moglie,  Paola Bianchi, questo artigiano progetta e costruisce pianoforti gran coda da concerto di concezione innovativa, apprezzati da noti pianisti di fama internazionale. Tutti i pianoforti Borgato vengono costruiti completamente a mano uno per uno, unica realtà di vero artigianato nel suo settore.

Ispiratosi a composizioni scritte per pianoforte con pedaliera dai grandi del passato (tra cui Wolfang A. Mozart, Ludwig Van Beethoven, Robert Schumann, Franz Liszt, Charles Valentin Alkan, Camille Saint-Saëns, Charles Gounod…), Borgato ha progettato, reinventato, brevettato e costruito un nuovo straordinario strumento:  il “DOPPIO BORGATO”, il primo doppio pianoforte gran coda da concerto con pedaliera, presentandolo nel settembre 2000 a Perugia, al “Meeting del pianoforte – 300 anni dalla nascita”, aprendo così una nuova pagina per il mondo musicale, poiché questa sua ultima creazione offre nuove possibilità ad interpreti e compositori.

Il DOPPIO BORGATO L 282 – P 402 è costituito da due pianoforti gran coda da concerto sovrapposti.
Lo strumento sovrastante è un pianoforte gran coda BORGATO modello L 282. Lo strumento sottostante è un pianoforte gran coda BORGATO modello P 402, azionato da una pedaliera di 37 pedali, con estensione di
3 ottave gravi (La 27,5 Hz – La 220 Hz), simile ad una pedaliera d’organo. Un pedale di “risonanza” applicato al pianoforte con pedaliera aziona contemporaneamente le meccaniche degli smorzatori dei due pianoforti.

Le possibilità musicali offerte da questo nuovo e raffinato strumento sono notevolissime, anche se è evidente che per suonarlo è necessario un pianista che sia anche organista, e che quindi abbia sviluppato una piena padronanza della tecnica della tastiera al pedale.

Pe chi volesse saperene di più, ecco il link al sito del Maestro Borgato: http://www.borgato.it, ed ecco anche un video della RAI con una bella intervista:

CesuHX3D4A0

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Feb 162008
 

Approfitto della dimensione un po’ privata consentita dal blog per fare degli auguri un po’ particolari: il nostro Direttore Artistico festeggia oggi i suoi meravigliosi 22 anni. Non è un po’ giovane per essere un Direttore Artistico? – direte.

Vero, è giovane, ma ClassicaViva è nata per i giovani, per dar spazio ai giovani, i suoi artisti sono prevalentemente giovani, la sua Orchestra è formata da giovani. I giovani sono il futuro, e sul futuro vogliamo investire. La speranza e la forza dei giovani sono la forza e la speranza dell’arte e della musica. E, si sa, in musica, la precocità artistica è un dato costante.

Facciamo quindi gli auguri a Stefano Ligoratti, un grande talento che ha alle spalle anche molto studio “tosto” (a 21 anni aveva già messo in carniere tre diplomi decennali al “Verdi” di Milano, e per altri tre è in dirittura di arrivo…). Auguri quindi a Stefano, che dedica moltissimo lavoro volontario a ClassicaViva e alla sua sala di incisione, nella sua appassionata e costante ricerca della perfezione artistica in tutti i campi, a Stefano che tratta il lavoro di incisione e di editing con il rigore, l’attenzione e la professionalità tipici di una grande casa discografica, dedicando le notti allo studio di una presa di suono migliore, della microfonatura giusta, attento alla minima sfumatura del suono e dell’intonazione…

Auguri a Stefano, dunque, e un grande grazie per tutto il grande lavoro che fa per ClassicaViva, anche da parte dei suoi amici e della sua Orchestra: per chi non lo conoscesse già, ve lo presentiamo in una sua recente e straordinaria performance: il Concerto di Schumann in cui è stato contemporaneamente solista e Direttore (Cantù, 8 luglio 2007). Speriamo così di farvi anche un gradito omaggio: potete godere qui, nella ripresa dal vivo all’aperto, l’intero concerto di Schumann, la perla dei concerti romantici per pianoforte.

Stefano Ligoratti conducts and plays Schumann piano Concerto I

[myspace id=”15056193″ align=”center” mode=”lazyload” aspect_ratio=”4:3″ maxwidth=”480″ parameters=”myspace”]

Stefano Ligoratti conducts and plays Schumann Concerto II

[myspace id=”28690685″ align=”center” mode=”lazyload” aspect_ratio=”4:3″ maxwidth=”480″ parameters=”myspace”]

 

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Vieni alla nostra rassegna di lezioni-concerto a Milano alla Palazzina Liberty!