Mar 242008
 

Radio3 RAIEcco anche terzo (e ultimo) podcast del forum di discussione a proposito dell’educazione musicale e della situazione dei Conservatori in Italia, andato in onda il 20 marzo 2008, alle ore 22,15 su Radio 3 RAI.

[display_podcast]

Questa parte ci sembra particolarmente interessante: vi si parla dei problemi dell’insegnamento, e della qualità degli insegnanti nei Conservatori. Giuseppe Mazziotti ha denunciato il fatto che i Conservatori siano pieni di docenti che hanno subito un processo di reclutamento su cui non ci sono stati procedimenti di controllo, entrati spesso con sanatorie. Oggi invece ci sono straordinari musicisti che non hanno alcuna speranza di poter accedere all’insegnamento in Conservatorio. Allora dove sta il rinnovamento in questo? Le procedure non sono cambiate e purtroppo il livello è basso! Come si può parlare di rinnovamento quando, alla fine, il reclutamento degli insegnanti non è cambiato?

Si è poi parlato del problema dei finanziamenti: come si può pretendere che qualcosa cambi con i tagli vertiginosi effettuati negli ultimi anni? Che cosa si può fare, se non chiedere agli studenti di chiedere di pagare delle tasse molto alte? Si può forse contare sulla quota del 5 per mille?Continua a leggere…

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Mar 212008
 

ramo fioritoStamattina sono stata svegliata dal messaggino di un caro amico, che diceva “Auguri! Che la tua vita fiorisca come la primavera…” Estendo l’augurio a voi tutti… con gli anni ho imparato ad apprezzare sempre di più le piccole cose belle che la vita ci offre, e un albero che fiorisce è una tra queste.

Ma il 21 marzo è un’altra data molto cara ai musicisti: è il compleanno di Johann Sebastian Bach! Auguri anche a Bach, dunque, ed eterna riconoscenza da parte del genere umano per tutta la bellezza che ci ha donato e che continua ad emozionarci nei secoli. Per celebrarlo, vi offro un podcast che amo molto: si tratta della registrazione live di un concerto organistico svoltosi a Pordenone il 17/12/2004, nella Chiesa del Seminario Diocesano, per la settimana organistica organizzata dal Comune di Pordenone in collaborazione con il Conservatorio “G. Verdi di Milano”. E’ la meravigliosa Fantasia et Fuga g-moll BWV 542, nell’esecuzione del nostro Direttore artistico Stefano Ligoratti, allora diciottenne. Buon ascolto… non commento l’esecuzione, vi lascio il piacere della scoperta.

Stefano Ligoratti per J. S. BachStefano ha talmente amato questo brano da averlo trascritto (e spesso diretto) per ensemble e poi per clavicembalo e orchestra d’archi (trovate la partitura nel nostro catalogo a questo link http://lnx.classicaviva.com/catalog/product_info.php?products_id=223, dove potete anche leggere una bella biografia di Bach).

[display_podcast]

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Gen 212008
 

Maurizio PolliniVi proponiamo una importante intervista a Maurizio Pollini sulla musica contemporanea, rilasciata a Roberto Corrent per la Radio Televisione della Svizzera Italiana, in occasione del Festival di Lucerna 2007 (http://www.rtsi.ch/prog/Rete2/welcome.cfm?mpg=9407&focus=1&focus=1#focus).

Clicca qui per ascoltare la prima parte dell’intervista con tecnologia Real Player!

Clicca qui per ascoltare la seconda parte dell’intervista con tecnologia Real Player!

I podcast sono particolarmente interessanti perché vi sono compresi diversi esempi delle esecuzioni di Pollini, tra cui una straordinaria “Kreisleriana” di Shumann… , molto Chopin, e altro… vi lasciamo scoprire il resto.

Il Lucerne Festival ha festeggiato il decimo anniversario della sua annuale rassegna dedicata al pianoforte (19-25 novembre 2007) con un’opportuna estensione del ventaglio di proposte, in cui oltre agli abituali frequentatori del Festival (Alfred Brendel, Leif Ove Andsnes, Andras Schiff, Katia e Marielle Labèque, Andreas Haefliger, Fazil Say), si è aggiunta una serie di concerti Debut con giovani interpreti (Saleem Abboud Ashkar, Siiri Schütz e Juho Pohjonen) e una matinée dedicata ai percorsi attorni ai quali si sviluppano le miniature pianistiche di György Kurtag, da Machaut a Ligeti (con il pianista italiano Marino Formenti). La presenza di Maurizio Pollini nella rassegna pianistica lucernese è di per sé un evento di rilievo e un evento memorabile è stato il suo recital tenuto il 21 novembre e dedicato a Schumann e Chopin.

Ancora frastornato dall’interminabile standing ovation con cui Lucerna ha salutato le interpretazioni di Pollini, Roberto Corrent ha avuto – il giorno dopo – la preziosa occasione di intervistare il fmaoso pianista.

Ascoltate e commentate: Pollini dice cose molto interessanti per tutti i musicisti, anche per quanto riguarda la musica contemporanea e l’apprendimento della musica per i giovani.

Se hai difficoltà con il link di ascolto in streaming qui sopra, scarica il file (leggero!) con questo player:

[display_podcast]

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Dic 092007
 

Segnaliamo un’interessante esposizione di opere della pittrice Donatella Barbuio, che verrà inaugurata a Milano, prezzo il foyer del Cinema Apollo-spazio cinema, in Galleria de Cristoforis, 3 (fra Corso Vittorio Emanuele e la piazzetta Liberty) – tel. 02 780390.

L’inaugurazione della mostra, che ha per titolo “Invisibile”, avverrà mercoledì 12 dicembre 2007, alle ore 18. La mostra sarà aperta dalle ore 14,30 alle ore 24 fino al 27 gennaio 2008.

Solo nel giorno dell’inaugurazione la mostra sarà accompagnata in sottofondo dalle note del nuovo disco al clavicembalo di Stefano Ligoratti, Direttore artistico di ClassicaViva, che verrà presto pubblicato (cliccate qui per trovare alcune tracce già pubblicate in formato MP3 sul nostro catalogo on-line). Riportiamo qui il commento alla mostra, a cura di Barbara Tregnaghi:

“Terra, sabbia e foglie di ficus, corda, garza, ceralacca, pagine di giornale e carta velina, filo di rame e di ferro sono i “colori” usati da Donatella nei suoi lavori. Ma non è tutto. Nelle sue tele, grandi o piccole che siano, c’è sempre spazio sufficiente per accogliere ed inglobare quello che le stuzzica la fantasia, come il disco del freno di un’automobile che può servire a bloccare il vorticoso flusso di pensieri…
Con estrema naturalezza e con la vivacità di un gioco, l’artista raccoglie e trasforma ciò che trova fuori e dentro di sé.
Quel suo mescolare la poesia con il quotidiano genera ora un clima da mondo parallelo fatto di luce soffusa e silenzio, ora una dimensione ludica e chiassosa, ora una sorta di “era glaciale” dove assale un freddo che paralizza.
Un miscuglio di dolore afono, sfilacciate malinconie e cerebrali cavilli dà vita ai suoi “grovigli” che abitano la pancia, il cuore, la testa delle sue forme antropomorfe e non. E poi ci sono le “ferite”, testimoni di un’avventura azzardata, di un percorso tortuoso, di una rivoluzione. Sono tagli da curare e metabolizzare, che restano indelebili e affascinanti, come nei sulla pelle, come medaglie al valore sulla divisa di un soldato, come foto ingiallite in un album di famiglia.

Con spontaneità ed immediatezza Donatella medita su di sé, va a caccia di serenità e consolazione nell’inesorabile ciclo delle cose.
Condizione insita nell’uomo e nella tela da dipingere è dunque la fragilità. Ma ciò non deve spaventare: esiste sempre il Rammendo, antica ed elegante attività femminile frutto di una ritmica pazienza, di un gesto automatico e pur sempre creativo. Esso si ri-genera, infatti, dal perpetuo scambio dialettico fuori/dentro tracciato dall’ago.

Le note di Stefano Ligoratti fanno da eco all’originario ed autentico sentire delle opere esposte. Le corde del clavicembalo divengono il filo con cui l’artista cuce il suo mondo invisibile.

Barbara Tregnaghi

Stefano Ligoratti al clavicembaloAscolta in podcast Stefano Ligoratti in un brano di Rameau, la Gavotte en la mineur:

[display_podcast]

Continua a leggere…

Dic 012007
 

La soprano Eva MabelliniDistraiamoci un momento dagli incubi burocratici con un magnifico podcast, un’interpretazione mozartiana del soprano Eva Mabellini. Si tratta di “Batti, batti, o bel Masetto”, dal Don Giovanni.

Potete trovare file Mp3 di Eva Mabellini che intepreta Rossini nel nostro catalogo online…

Nov 302007
 

Eva MabelliniSe abitate a Firenze o dintorni… andate a vedere questo spettacolo, prodotto da Eva Mabellini, una delle artiste di ClassicaViva. E’ una grande cantante, ed una vera artista.

Ascoltatela subito nel podcast in “Memory”, uno dei brani che canta nel Musical…

[display_podcast]

Ricordiamo, per chi volesse programmare questo spettacolo nel suo territorio, che ClassicaViva lo organizza, vedi il link al nostro catalogo on line http://lnx.classicaviva.com/catalog/product_info.php?products_id=245

 

la Compagnia VOX LUNA in:
Cabaret
“Storie in Songs

spettacolo MUSICAL

con selezione di famosi brani da West Side Story, Cabaret, Chicago, Chorus Line, Jesus Christ etc…

 

 

DOMENICA 9 DICEMBRE 2007 ore 16

Al TEATRO-CINEMA ROMITO – P.zza Baldinucci, 6 – FIRENZE

Ingresso: 10 euro

Acquisto biglietti mezz’ora prima dello spettacolo – Prenotazione al: 334.9185619 tutti i giorni – dalle 13.30 alle 19.30

con i solisti e i coristi del VOX LUNA ensemble

Narratore: Paolo Spennato
Pianoforte:
Natalia Princi
Flauto:
Cristina Italiani

Allestimento scenico: Eva Mabellini, Veronica Bargellini

Fonico: Fabio Vannini

Direzione coro, regia: Eva Mabellini

Nov 272007
 

Ancora un brano, ancora i nostri Constantin Petrescu al clarinetto, e Simone Pionieri, al pianoforte, nello stesso concerto jazz “live”.

E visto che si tratta di una “Lullaby”, una ninna nanna, vi auguro ancora buonanotte con questa dolce musica.

Ines

Nov 272007
 

Se vi è piaciuto il post di ieri, allora vi posto un altro brano.

Si tratta dello stesso musicista, stavolta al clarinetto invece che al sax.

Constantin PetrescuNon voglio lasciarvi sulle spine, e svelo l’arcano. Si tratta di Constantin Petrescu, in una grande performance jazz dal vivo, in un concerto – ça va sans dire – Organizzato da ClassicaViva a Dorno il 6 ottobre 2007.

E il pianista? E’ Simone Pionieri il grande… grande virtuoso, grande pianista classico e anche grande improvvisatore. Coppia favolosa.

Godetevi questo pezzo.. si tratta di “Misty”.

Ines

Nov 262007
 

Cari amici, voglio augurarvi una dolce buonanotte con le note del meraviglioso sax di un grande musicista e di un grande amico mio, un grande artista, uno dei nostri di ClassicaViva, naturalmente…

Il brano è “in the sentimental mood”.

Visto che non gli ho chiesto il permesso, e si tratta di una registrazione presa da un concerto dal vivo… non vi dico chi è il sassofonista. E nemmeno chi è il pianista. Ma non è niente male, vero?

Fatemi sapere cosa ne pensate. Postate, gente, postate,

Buon ascolto, con amore, e buona notte, da noi di ClassicaViva.

Ines

[display_podcast]
Vieni alla nostra rassegna di lezioni-concerto a Milano alla Palazzina Liberty!