Mag 162008
 

Musical ChicagoSe abitate a Firenze o dintorni… andate a vedere questo spettacolo, prodotto da Eva Mabellini, una delle artiste di ClassicaViva. E’ una grande cantante e anche, come dimostra in questo spettacolo, una grande regista.

CHICAGO, THE MUSICAL

Musiche: J. Kander – Testi: F. Ebb

Lo spettacolo debutta a Firenze
al Teatro Cinema Romito
P.zza Baldinucci , 6
sabato 17 maggio e domenica 18 maggio 2008
alle ore 21

sarà inoltre replicato
al TEATRO “Aurora” di Fibbiana
sabato 24 maggio e domenica 25 maggio 2008
alle ore 21.00

ingresso: 10 euro
prenotazioni:334.9185619 dalle 15 alle 19

con i solisti e i coristi del Vox Luna ensemble

Narratore: Paolo Spennato
Tastiere: Natalia Princi

Consulenza scenica: Paolo Spennato
Riduzione testo, Direzione coro, Regia: Eva Mabellini

Ricordiamo, per chi volesse programmare questo spettacolo nel suo territorio, che ClassicaViva lo organizza, vedi il link al nostro catalogo on line http://lnx.classicaviva.com/catalog/product_info.php?cPath=28_41&products_id=275

“Chicago” è un musical ambientato nell’era del proibizionismo a Chicago. La sceneggiatura è di Ebb e Bob Fosse. Si tratta di una satira sulla corruzione nell’amministrazione della giustizia criminale, e sul concetto di “celebrità criminale”. La produzione originale debuttò a Broadway nel 1975 e continuò per ben 936 repliche. La coreografia originale era di Bob Fosse, una delle sue più celebri e belle. Nel marzo 2008 “Chicago” ha raggiunto le 4.684 repliche a Brodway, un record! La versione cinematografica del Musical ha vinto l’Academy Award nel 2002.

“Chicago” è un musical storico: le sue eroine , Roxie e Velma, sono personaggi realmente vissuti. Le loro reali vicissitudini di assassine furono pubblicate nel 1924 sul Chicago Tribune.

Questo musical, impregnato dell’atmosfera fumosa e sensuale del jazz, narra di temi attualissimi, come l’assassinio, la stampa sottomessa al potere, l’adulterio, l’avidità, lo sfruttamento, il tradimento. In Chicago si vive tra realtà e sogno, tra accettazione del quotidiano e proiezione di ideali di grandezza .

I personaggi, Roxie, Velma, Amos, Billy, Mama, Mary, sono inseriti in un enorme caleidoscopio che unisce e separa il mondo della fantasia da quello crudo della realtà, mentre il turbine di colori, di strass, la sete delle luci di palcoscenico travolgono e avvolgono tutti i personaggi. L’eterno dilemma tra apparire e essere corre e scorre durante tutta la trama musicale e narrativa… Qui a Chicago, fucina di sogni e di luci da cabaret, tutto è possibile…”

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Vieni alla nostra rassegna di lezioni-concerto a Milano alla Palazzina Liberty!