Ago 042009
 

Ecco ora il DLL 1451, d’iniziativa dei Senatori d’iniziativa dei senatori Asciutti, Barelli, Bevilacqua, De Eccher, De Feo, Firrarello, Poli Bortonoe, Giancarlo Serafini e Valditara, presentato il 12 marzo 2009, del 16 luglio 2008.

Il 1451 incarna la grande speranza di tutti: l’equiparazione completa dei Conservatori alle Università in tutti i suoi aspetti e la definitiva soluzione al problema del valore legale dei titoli e della loro equipollenza con le lauree delle altre Università. Anch’esso preparato con la consulenza del sindacato UNAMS, questo DLL è stato aggiornato e in qualche modo incorporato nel DLL 1693. Ne abbiamo già dato notizia nel mese di marzo nel nostro blog, e rinviamo pertanto a questo nostro articolo per approfondimenti: http://www.classicaviva.com/blog/2009/04/21/disegno-di-legge-del-senatore-asciutti-per-la-valorizzazione-dellalta-formazione-afam/

Ago 042009
 

Ecco ora il DLL 912, d’iniziativa dei Senatori Bugnano, Astore, Mascitelli e Carlino, del 16 luglio 2008.

In questo decreto viene previsto l’inserimento all’interno del sistema AFAM di istituzioni come l’Opificio delle Pietre Dure, dell’Istituto centrale per il restauro, dell’Istituto per la patologia del libro…

Ma non solo! Oltre alle Accademie di Belle Arti, all’Accademia Nazionale di Danza,  all’Accademia Nazionale di Arte drammatica, agli Istituti superiori per le industrie artistiche, ai Conservatori di Musica e agli Istituti Musicali pareggiati, entrerebbe nel comparto AFAM, come è giusto, il Centro sperimentale di Cinematografia.

Ago 042009
 

Ecco ora il DLL 539, a cura del Senatore Papania,  presentato il 15 maggio 2008. Vi hanno collaborato molti musicisti e artisti italiani, coordinati dal Maestro Domenico Piccichè.

Si tratta di un Disegno di Legge altamente meritorio per l’allargamento dell’istruzione musicale su tutto il fronte scolastico.
Ma alcuni docenti del settore osservano che è alquanto problematico perché porterebbe i Conservatori ad aprire tutta una serie di diplomi abilitanti, come Didattica del Canto corale, Didattica della musica elettronica e Didattica della storia della musica.
Questo proliferare di corsi specialistici viene considerato pericoloso, anche perché accadrebbe che chi è laureato in Storia della musica e diplomato in Didattica dovrebbe frequentare l’ennesimo corso abilitante. Il rischio è che i nostri diplomati non riuscirebbero a poter lavorare prima dei 40 anni! Inoltre questo porterebbe, oltre ad intollerabili permanenze degli studenti in percorsi formativi che non terminano mai, anche a maggiori oneri per lo stato.

Ago 042009
 

Ecco ora, come promesso, anche gli altri documenti originali dei DDL che riguardano il riordino del comparto AFAM riguardo alla Legge 508, in discussione in questo periodo alla Commissione Cultura del Senato: (si tratta dei DLL 518, 539, 912, 1451, 1693)

I vari disegni di legge sono simili tra di loro, ma con diverse particolarità, come potrete approfondire da soli (anche scaricando i pdf originali). Ed ecco il DLL 518, d’iniziativa del Senatore Asciutti, elaborato con la consulenza dell’UNAMS, (il sindacato degli artisti AFAM (Alta Formazione Artistica e Musicale),  e presentato il 14 maggio 2008:

Ago 022009
 

Ecco ora, come promesso, i documenti originali dei DDL che riguardano il riordino del comparto AFAM riguardo alla Legge 508, in discussione in questo periodo alla Commissione Cultura del Senato: si tratta dei DLL 518, 539, 912, 1451, 1693

Iniziamo dal decreto 1693, il più recente e completo di tutti, presentato dal Senatore Asciutti, che si è avvalso dell’importante collaborazione dell’UNAMS, il sindacato degli artisti AFAM (Alta Formazione Artistica e Musicale).

Importantissimo l’Art 1, che sanerebbe la spinosa situazione giuridica dell’equipollenza dei Diplomi,  ma vi segnaliamo anche l’Art 4, che dice: “(Iscrizione contemporanea agli istituti superiori musicali ed a un corso di laurea)
1.  E’ consentita l’iscrizione contemporanea gli istituti superiori musicali ed a un corso di laurea.

Una bella patata bollente, vero? Cosa ne pensate?E’ giusto che si possa frequentare contemporaneamente Conservatorio e Università? Questa sarebbe una deroga all’attuale Legge 508, che prevede esattamente il contrario, come per tutte le altre facoltà universitarie…

Mar 202008
 

Radio 3 RAIEcco un appuntamento da non perdere! Pubblichiamo al volo una segnalazione che ci perviene dagli studenti del Conservatorio Santa Cecilia di Roma.

Stasera alle ore 22,00, su Radio 3, andrà in onda un forum di discussione sui Conservatori, condotto da Guido Zaccagnini.

Ospiti della serata saranno il Direttore Generale dell’AFAM, Bruno Civello; il Presidente della Conferenza dei Direttori e Direttore del Conservatorio dell’Aquila, Bruno Carioti e, come controparte e portavoce degli studenti, il nostro “collega-compagno-amico”, Luca Montebugnoli.
Invitiamo tutti all’ascolto e ad estendere l’invito a quanti più possibile (scusandoci per l’avviso poco tempestivo).

Ecco il link per ascoltare RAI 3 direttamente da Internet: http://svil.radio.rai.it/radio3/ascolta.cfm

Cercheremo di pubblicare registrazioni dell’evento. Buon ascolto a tutti e a risentirci per i commenti sul nostro blog!

Gen 282008
 

Riceviamo, e volentieri pubblichiamo, il seguente comunicato da parte di ANDDICOR, l’Associazione Nazionale dei Docenti di Discipline COReutiche:

“Per il settore danza dell’AFAM neanche la possibilità di esprimere un parere sui tanto attesi decreti. PMaria Grazia Grosso durante una lezioneossiamo solo confrontarci con il nulla.

L’acceso dibattito sui D.M. 482/2008 e 483/2008 ci appassiona ma, allo stesso tempo, crea in noi un senso di grande disagio e di frustrazione.

Pensavamo che fosse emanato anche il decreto sui nuovi ordinamenti didattici dell’Accademia Nazionale di Danza, relativamente ai corsi di studio per il conseguimento del Diploma Accademico di I livello, confortati in questo anche dalle indicazioni avute durante gli incontri con i dirigenti dell’AFAM.

E’ umiliante constatare che la regolamentazione attinente alla formazione di figure professionali nel campo della danza sia, ancora una volta, disattesa. La definizione degli ordinamenti didattici dei corsi triennali dell’Accademia Nazionale di Danza sarebbe un primo passo verso l’acquisizione della pari dignità tra le arti e le medesime opportunità per gli studenti e i diplomati di tutte le istituzioni AFAM.

Semplice ritardo, dimenticanza o la danza non esiste?”

Maria Grazia Grosso
Presidente ANDDICOR

Non posso che concordare pienamente. La grande tradizione artistica italiana va sostenuta, è il nostro più grande patrimonio… L’arte muore, e rischia di morire anche la danza. Come il cigno di questo splendido video, che vi propongo per rifarci dell’amarezza ammirando la sublime Maya Plisetskaya, grande e immortale icona della danza, e a mo’ di simbolo di quanto sta accadendo… E ascoltiamoci anche questo fantastico Saint Saëns… (ATTENZIONE, se mentre lo guardate provate a cliccare nella parte inferiore del video… ci sono delle belle sorprese!). (E’ un video registrato al teatro Bolshoi di Mosca nel 1975, con la coreografia del grandissimo Mikhail Fokine)

a0rUo8Ah_io

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Gen 092008
 

La protesta del 20 dicembre a Roma davanti al Ministero

Finalmente abbiamo ricevuto, e immediatamente volentieri pubblichiamo, il documento unitario frutto dell’assemblea unitaria di Roma tenutasi a Santa Cecilia da parte degli studenti AFAM da tutta Italia.Vista l’importanza dell’argomento e la posta in gioco, vi invitiamo a commentare tutti e ad intervenire su questo post e su quello precedente con le dichiarazioni di Paolo Gasparin, rappresentante nel CNAM degli studenti dei Conservatori, che presenta aspetti che ci rendono per lo meno perplessi.

PROPOSTE PER UNA PIATTAFORMA COMUNE AI CONSERVATORI ITALIANI E ALL’ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA

ROMA, 20 – 21 DICEMBRE 2007

Sono trascorsi nove anni dalla riforma del sistema AFAM. In questo periodo abbiamo visto la graduale svalutazione dei nostri titoli e toccato con mano il fallimento di una cattiva riforma che, insieme al disinteresse per la Cultura, ci ha resi sempre più “precari in formazione” e sempre meno sicuri del nostro futuro. Per questo abbiamo scelto di alzare la testa, di non farci più calare dall’alto decisioni prese altrove e di protestare, di avviare una riflessione comune. Dopo che molti Conservatori sono entrati in agitazione, abbiamo deciso di incontrarci a Roma per unire le forze e manifestare il nostro disagio. Queste prime proposte sono frutto del lavoro degli studenti dei Conservatori di Napoli, Roma, Firenze, L’Aquila, Cosenza, Adria, Frosinone, Milano e dell’Accademia Nazionale di Danza, presenti a questo incontro, e di molti altri che hanno inviato la loro adesione.

Gli studenti riuniti a Roma:

DENUNCIANO

– La deliberata aggressione nei confronti della Musica, dell’Arte, e del Sapere in generale da parte di tutti i governi che si sono susseguiti negli ultimi anni, dalla chiusura delle orchestre della RAI alla povertà complessiva in cui versano le casse dei Conservatori e dell’Accademia.

– L’attuazione dell’Alta Formazione Artistica e Musicale senza la parallela creazione di scuole pubbliche per l’insegnamento musicale di base, vero e proprio vuoto nella riforma dei Conservatori.

– Il mancato inserimento della musica e della danza nelle scuole di ogni ordine e grado come materie di primaria importanza per la formazione di ogni studente.

Continua a leggere…

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Dic 132007
 

Riprendiamo questo comunicato ufficiale dal sito della CGIL: http://www.flcgil.it/notizie/news/2007/dicembre/afam_incontro_con_il_ministro_mussi

Mussi Babbo NataleChe il Ministro voglia davvero farci il regalo di Natale che stiamo aspettando? Ha promesso ufficialmente una conclusione dei famigerati Decreti Attuativi, da parte del CNAM, PRIMA DI NATALE.

Per chi volesse capire meglio cos’è il CNAM (Consiglio Nazionale per l’Alta FormazioneArtistica e Musicale), questo è il link al sito ufficiale: http://www.cnam.it/

Ma ora leggiamo il comunicato:

Università: Il Ministro si impegna a dare le risposte conseguenti. Continua blocco contrattazioni di istituto a.a.2007/2008 –

12/12/2007
AFAM: incontro con il Ministro Mussi

Segreterie Nazionali FLC Cgil – CISL Università – UIL AFAM

Le Segreterie Nazionali di FLC Cgil, CISL Università e UIL Afam, a conclusione dell’incontro del giorno 11 dicembre 2007 con il Ministro On.le Fabio Mussi, alla presenza del Sottosegretario On.le Nando Dalla Chiesa e del Capo Gabinetto Consigliere Oberdan Forlenza, sulla base delle richieste avanzate con il documento del 6 dicembre u.s., comunicano che il Ministro ha recepito, facendole proprie senza eccezioni, le preoccupazioni e le esigenze rappresentate per il comparto dell’Alta Formazione Artistica e Musicale.

Il Ministro si è impegnato a:

* individuare nella Legge Finanziaria in via di definizione, le risorse necessarie per il funzionamento dell’AFAM, risorse che non possono essere inferiori a quelle già assegnate per il 2007;
* ottenere dal Ministero dell’Economia e Finanze le risorse aggiuntive adeguate per il rinnovo del contratto, considerata la stretta connessione tra contratto e attuazione della legge di riforma 508/99. Il Ministro, infatti, ha convenute con i Sindacati presenti che non si possa attuare la riforma a costo zero facendola gravare solo sugli utenti e sul personale che vi lavora.
* I decreti attuativi, ancora in attesa di emanazione, nonostante siano trascorsi otto anni dall’approvazione della legge, sono in discussione al CNAM con l’impegno di conclusione dei lavori prima di Natale. Su questo punto. I Sindacati hanno chiesto e ottenuto un ulteriore incontro per poter esprimere il proprio parere sulle materie di competenza sindacale contenute nei decreti prima dell’invio alle competenti Commissioni Parlamentari.

I Sindacati FLC Cgil, CISL Università e UIL Afam, in attesa di risposte concrete ed esaustive che portino all’Alta Formazione Artistica e Musicale le risorse necessarie di cui hanno estremo bisogno, confermano il blocco delle contrattazioni di istituto riferite all’anno accademico 2007/2008 e, in assenza di conferme rispetto agli impegni assunti dal Ministro Mussi, decideranno ulteriori e più forti iniziative di lotta.

Roma, 11 dicembre 2007

Dic 132007
 

Riceviamo, e volentieri pubblichiamo, un comunicato ufficiale dal Conservatorio Santa Cecilia di Roma: (i neretti ed il rosso sono nostri, n.d.r.)

Poiché la creatività degli artisti in gioco è magnifica, riprendiamo qui una slide show pubblicata dagli studenti di Napoli sul loro blog http://www.conservatorionapoli.splinder.com, così ci facciamo un’idea di cosa potranno mettere in atto questi ragazzi, uniti, a Roma:

11/12/2007
Ai Conservatori di Musica d’Italia
Alle Accademie di Belle Arti d’Italia

Per il 20 e 21 Dicembre sono indette due giornate di iniziative artistiche aperte al pubblico (ed ovviamente gratis…..) all’interno del Conservatorio di S. Cecilia di Roma. Verranno invitati personaggi di rilievo del mondo musicale e politico, la stampa e le televisioni. Ci saranno assemblee, conferenze stampa, mostre e concerti (dove suoneremo insieme): abbiamo bisogno della partecipazione attiva da parte di tutti i Conservatori ed Accademie di Belle Arti di Italia.

Ovviamente noi ci incaricheremo di organizzare tutto ciò che riguarda la musica, mentre delegheremo probabilmente l’Accademia di Belle Arti di Roma per il coordinamento con le altre Accademie.

Tutto questo sarà un modo per render ancora più saldi i legami che, in questi giorni di protesta, si stanno creando a livello nazionale tra i conservatori ed un forte segnale al governo che siamo uniti… pacifici in questa iniziativa, ma organizzati e determinati. Non meno importante sarà l’impatto che questo progetto avrà sull’opinione pubblica, una sensibilizzazione a livello nazionale che arriverà direttamente nelle case e non chiusa ad un circolo elitario (studenti, docenti, etc… persone insomma che ruotano intorno ai conservatori).

Per fare questo abbiamo bisogno del maggior numero possibile di adesioni…. e non parlo dell’adesione ad un documento o ad un ideale, ma di nominativi: disponibilità a suonare, a venire a Roma ed a dar voce per una causa comune. Dal canto nostro cercheremo di ospitare nelle nostre case quanti verranno, almeno per il pernotto: su nessuno dovrà gravare alcuna spesa extra rispetto ad altri. Anche per il viaggio basterebbe una colletta… 1 euro da ogni studente, Roma compresa, e ci sarebbe una nuova spedizione dei 1000! Scherzi a parte è chiaro che in questi 2 giorni verranno prese decisioni per la condotta della protesta quindi e’ importante avere studenti da ogni parte d’Italia, perchè questo è solo l’inizio.

Ci hanno promesso una firma a Gennaio nell’incontro tenutosi a Roma la settimana scorsa… e noi aspetteremo. Ma se ciò non dovesse accadere che comincino a tremare, ci avranno lasciato 1 mese e non ci troveranno impreparati…
I Conservatori che riceveranno questa mail sono: Napoli, Fermo, Firenze, Pesaro, Palermo, Milano, Campobasso,Trento,Monopoli, Bari, Udine, Novara e Sassari. Purtroppo alcuni non sono indirizzi ufficiali delle consulte ma di singoli studenti per questo chiunque abbia indirizzi ufficiali, e soprattutto contatti con altri conservatori inoltri questa mail e mi passi i contatti per favore.

Continua a leggere…

Vieni alla nostra rassegna di lezioni-concerto a Milano alla Palazzina Liberty!