Gen 142011
 

Quando ci si trova immersi a discutere di cultura, capita spesso che per quanto possano essere differenti le opinioni tra gli interlocutori, ci si ritrovi tutti d’accordo sul fatto che sia necessario tornare a fare e veicolare la cultura, quasi orfani e bisognosi d’esser circondati “dal bello” che sparisce ogni giorno di più, inghiottito dal cemento, coperto da suoni cantilenanti ed ossessivi che vorrebbero essere musica, raccontato in storielle banali che non hanno nulla da dire.

Sentiamo il profondo bisogno di essere circondati e rassicurati dalla poesia, quella universale, che non è fatta solo di parole, ma da un panorama che si colora alla sera con i raggi del sole a declinare, o con il suono di una musica soave, un’immagine appesa da qualche parte che attira il nostro sguardo mentre affaccendati ci muoviamo veloci. Ne sentiamo il bisogno, a volte, scoprendo di vivere in mezzo a tanto orrore. E anche su questo, nel mezzo di una discussione sulla cultura ci si ritrova tutti d’accordo, perché sappiamo che troppo spesso aprendo una finestra è difficile vedere il cielo; perché abbiamo nelle orecchie le musichette martellanti che ci accompagnano nei supermercati, o le immagini del fracasso continuo che imbrattano le nostre vite.

Allora ci si prova ad aumentare la platea, a coinvolgere altri nella discussione culturale e a volte si prova anche a veicolarla la cultura, utilizzando quei canali che la tecnologia ci mette a disposizione e che potrebbero davvero portare “il bello” nelle case di chiunque. Ed è là che la realtà ti riconduce a sé: promuovere e parlare di musica classica? “Oh mia cara! Tira più un libro di Vespa, che la musica classica.” E si torna al silenzio.

E noi torneremo a sederci quasi come cospiratori, a ricordare quando la Terza Pagina dei quotidiani, ci invitava a leggere i libri, quando si andavano a leggere le recensioni che riuscivano a farti sentire la musica, ti descrivevano quel quadro così bello da lasciarti desiderare di viverci dentro, o le poesie che non ti facevano rimpiangere i singhiozzi lunghi dei violini di Verlaine.

Attoniti davanti alla polemica nata per una bestemmia in TV e stupiti dalla cura con cui, la pagina cultura ci racconta di quell’attrice, che finalmente è riuscita a cancellare “Tony” dal suo polso.

Gen 072011
 

DAL SITO: http://retescuole.forumscuole.it/Ancora  si discute, nonostante l’evidenza, sulla veridicità dell’affermazione del ministro Tremonti, secondo cui “Con la cultura non si mangia”. L’ha detto? Non l’ha detto? Lo disse eccome, in risposta alla richiesta del ministro per i Beni Culturali, che senza troppa convinzione si opponeva all’ennesimo pesante taglio dei Fondi (FUS) che porteranno in questo nuovo anno un ulteriore ammanco per la gestione degli Enti culturali italiani.

Inutile e ridondante sarebbe perdersi nell’obiezione di chi dalla cultura mangia, e non serve nemmeno spiegare il senso dell’affermazione del ministro, che forse ha dimenticato che per vivere di cultura non è necessario essere intellettuali o liberi pensatori, ma talvolta si può essere anche solo operai.

È un peccato però constatare che inizia ad avanzare l’idea dell’unica Arte capace di salvare l’Arte italiana, ovvero quella di arrangiarsi, e spuntano le prime proposte per poter tenere in ordine i bilanci o garantire la programmazione dei teatri che di giorno in giorno si fa più magra e precaria. Per esempio l’idea rilanciata da qualche appassionato di tornare agli inizi del 1800, quando nei teatri dell’opera si giocava d’azzardo. In sostanza, dicono i promotori o provocatori, se mancano i finanziamenti dello Stato, si potrebbe sopperire con il finanziamento fantasioso procurato non dalle macchinette con le lucine intermittenti, ma con eleganti tavoli da poker o roulette, da sistemare negli ingressi dei teatri.

È la logica della necessità che si fa virtù, ormai quasi endemica in uno stato che soffre e che fatica a mantenersi in piedi, ma è anche la logica con la quale si subisce passivamente l’impoverimento di tutta la collettività, quando si tenta di curare il sintomo perdendo di vista la cura della malattia. Questo porta a concentrarsi sempre e soltanto sull’emergenza, finendo per far perdere di vista altri fattori fondamentali dello stato di degrado della cultura italiana, come per esempio lo sperpero del danaro pubblico, o la cattiva gestione di alcuni Enti Lirici figlia della cattiva gestione di un intero stato.

Cedere alla tentazione di procurarsi il danaro in ogni modo, non farebbe altro che sancire la perdita di dignità anche di chi con la cultura ha mangiato, lasciando magari impuniti coloro che la cultura se la sono mangiata.

Giu 232010
 

Facciamo il punto sul Decreto Legge

Mentre pubblichiamo questo post, è in discussione alla Camera la riforma delle Fondazioni Lirico-Sinfoniche approvata il 16 giugno in Senato, e che deve concludere il suo iter entro il 29 giugno, a pena di decadenza. La Camera, con 280 no dei deputati di maggioranza e 249 sì dai deputati di opposizione, ha respinto le pregiudiziali di costituzionalità sulla legge. A palazzo Madama il Governo non ebbe necessità di ricorrere al voto di fiducia e ne fece motivo di vanto. Il decreto, però, scade tra una settimana. Alla Camera, pertanto, i tempi sono strettissimi e non ci sarebbe spazio per un ritorno al Senato in caso di approvazione di emendamenti a Montecitorio. Motivi per cui, il Governo potrebbe porre la questione di fiducia sul decreto.

Ricordiamo infatti che si tratta di una riforma presentata come Decreto Legge, ad opera del Ministro della Cultura, Sandro Bondi, con la quale il governo intende riformare il sistema degli attuali 14 enti lirici, con il significativo sottotitolo di “disposizioni urgenti”. Fin dall’inizio il Decreto ha incontrato una furibonda opposizione da parte dei sindacati e dei Sovrintendenti degli Enti Lirici; il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, prima di apporre la propria firma, ha effettuato diversi rilievi, ma alla fine ha firmato, e il Decreto è entrato in vigore subito dopo la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale (il 30 aprile 2010) e dovrà essere convertito in legge entro 60 giorni, pena decadenza (ossia, per l’appunto, entro il 29 giugno).

Trovate qui il Decreto integrale, in formato PDFContinua a leggere…

Ago 042009
 

Ecco ora il DLL 1451, d’iniziativa dei Senatori d’iniziativa dei senatori Asciutti, Barelli, Bevilacqua, De Eccher, De Feo, Firrarello, Poli Bortonoe, Giancarlo Serafini e Valditara, presentato il 12 marzo 2009, del 16 luglio 2008.

Il 1451 incarna la grande speranza di tutti: l’equiparazione completa dei Conservatori alle Università in tutti i suoi aspetti e la definitiva soluzione al problema del valore legale dei titoli e della loro equipollenza con le lauree delle altre Università. Anch’esso preparato con la consulenza del sindacato UNAMS, questo DLL è stato aggiornato e in qualche modo incorporato nel DLL 1693. Ne abbiamo già dato notizia nel mese di marzo nel nostro blog, e rinviamo pertanto a questo nostro articolo per approfondimenti: http://www.classicaviva.com/blog/2009/04/21/disegno-di-legge-del-senatore-asciutti-per-la-valorizzazione-dellalta-formazione-afam/

Ago 042009
 

Ecco ora il DLL 912, d’iniziativa dei Senatori Bugnano, Astore, Mascitelli e Carlino, del 16 luglio 2008.

In questo decreto viene previsto l’inserimento all’interno del sistema AFAM di istituzioni come l’Opificio delle Pietre Dure, dell’Istituto centrale per il restauro, dell’Istituto per la patologia del libro…

Ma non solo! Oltre alle Accademie di Belle Arti, all’Accademia Nazionale di Danza,  all’Accademia Nazionale di Arte drammatica, agli Istituti superiori per le industrie artistiche, ai Conservatori di Musica e agli Istituti Musicali pareggiati, entrerebbe nel comparto AFAM, come è giusto, il Centro sperimentale di Cinematografia.

Ago 042009
 

Ecco ora il DLL 539, a cura del Senatore Papania,  presentato il 15 maggio 2008. Vi hanno collaborato molti musicisti e artisti italiani, coordinati dal Maestro Domenico Piccichè.

Si tratta di un Disegno di Legge altamente meritorio per l’allargamento dell’istruzione musicale su tutto il fronte scolastico.
Ma alcuni docenti del settore osservano che è alquanto problematico perché porterebbe i Conservatori ad aprire tutta una serie di diplomi abilitanti, come Didattica del Canto corale, Didattica della musica elettronica e Didattica della storia della musica.
Questo proliferare di corsi specialistici viene considerato pericoloso, anche perché accadrebbe che chi è laureato in Storia della musica e diplomato in Didattica dovrebbe frequentare l’ennesimo corso abilitante. Il rischio è che i nostri diplomati non riuscirebbero a poter lavorare prima dei 40 anni! Inoltre questo porterebbe, oltre ad intollerabili permanenze degli studenti in percorsi formativi che non terminano mai, anche a maggiori oneri per lo stato.

Ago 042009
 

Ecco ora, come promesso, anche gli altri documenti originali dei DDL che riguardano il riordino del comparto AFAM riguardo alla Legge 508, in discussione in questo periodo alla Commissione Cultura del Senato: (si tratta dei DLL 518, 539, 912, 1451, 1693)

I vari disegni di legge sono simili tra di loro, ma con diverse particolarità, come potrete approfondire da soli (anche scaricando i pdf originali). Ed ecco il DLL 518, d’iniziativa del Senatore Asciutti, elaborato con la consulenza dell’UNAMS, (il sindacato degli artisti AFAM (Alta Formazione Artistica e Musicale),  e presentato il 14 maggio 2008:

Ago 022009
 

Ecco ora, come promesso, i documenti originali dei DDL che riguardano il riordino del comparto AFAM riguardo alla Legge 508, in discussione in questo periodo alla Commissione Cultura del Senato: si tratta dei DLL 518, 539, 912, 1451, 1693

Iniziamo dal decreto 1693, il più recente e completo di tutti, presentato dal Senatore Asciutti, che si è avvalso dell’importante collaborazione dell’UNAMS, il sindacato degli artisti AFAM (Alta Formazione Artistica e Musicale).

Importantissimo l’Art 1, che sanerebbe la spinosa situazione giuridica dell’equipollenza dei Diplomi,  ma vi segnaliamo anche l’Art 4, che dice: “(Iscrizione contemporanea agli istituti superiori musicali ed a un corso di laurea)
1.  E’ consentita l’iscrizione contemporanea gli istituti superiori musicali ed a un corso di laurea.

Una bella patata bollente, vero? Cosa ne pensate?E’ giusto che si possa frequentare contemporaneamente Conservatorio e Università? Questa sarebbe una deroga all’attuale Legge 508, che prevede esattamente il contrario, come per tutte le altre facoltà universitarie…

Ott 202008
 

I tagli al FUSMILANO: QUANDO LA CULTURA E’ PRECARIA

La Camera del Lavoro di Milano, il Sindacato Lavoratori della Comunicazione, il Sindacato Attori Italiani, il Sindacato Italiano Artisti della Musica hanno organizzato un incontro:

lunedì 20 ottobre 2008 – ore 19.00 – 20.45

dalle ore 19.00 c/o il Teatro dal Verme Milano

ore 20.45 buffet
ore 21.15 concerto e parole degli artisti milanesi

(con Dario Fo, Franca Rame, l’orchestra dei Pomeriggi musicali, ecc. (vedi più sotto)

introdotto da Emilio Miceli – Segretario generale SLC nazionale

via S. Giovanni Sul Muro 7 (MM 1 – Cairoli)

discussione con gli artisti milanesi sulla precarietà nella cultura

Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti 

L’obiettivo della manifestazione è quello di dire no ai tagli alla cultura. Anzi, «per lanciare un grido di dolore» come dice, presentando l’ iniziativa, Giancarlo Albori, segretario milanese della Slc-Cgil, il sindacato dei lavoratori della comunicazione. La ferita aperta si chiama Fus, Fondo unico per lo spettacolo. Le forbici della Finanziaria rischiano di colpire pesante: «Nove milioni e 800 mila euro in meno per la Scala, 300 mila euro in meno per il Piccolo Teatro, 250 mila tagliati ai Pomeriggi musicali» calcola Albori. Risultato: «Se non si vorrà tagliare sulla programmazione, si finirà per intervenire pesantemente sui costi, in particolare su quelli del personale» prevede Onorio Rosati, segretario generale della Camera del lavoro di Milano. Insomma, la precarietà, per chi lavora nel mondo della cultura, diventerà sempre più la regola. Leggi qui un articolo sul Corriere della Sera.

presiede il dibattito: Nicoletta Rizzi – Segretaria nazionale SAI
introduce : Giancarlo Albori – Segretario SLC Milano
intervengono : Emilio Miceli – Segretario generale SLC nazionale;
Santino Pizzamiglio
– Segretario generale SLC Milano – Direttivo nazionale SIAM Lavoratrici e lavoratori precari della cultura;
conclude : Onorio Rosati -Segretario generale Camera del Lavoro di Milano

parteciperanno:

Orchestra dei Pomeriggi Musicali  – Maestro Alberto Veronesi

con gli Attori:

Dario Fo e Franca Rame

Moni Ovadia, Renato Sarti, Bebo Storti

Professori d’orchestra del Teatro alla Scala: Roberto Benatti, Thomas Cabuoto, Demetrio Costantino, Francesco Lattuada, Claudio Pinferetti, Danilo Rossi
ex musicisti Orchestra Verdi Professori d’orchestra Marco Gori, Cecilia Musmeci, Andrea Scacchi Orchestra di via Padova
Ballerini del Teatro alla Scala
Pippo Veneziano – Corista Teatro alla Scala
Compositori: Carlo Boccadoro, Filippo Del Corno
Gruppo Jazz: Davide Corini, Ferdinando Faraò, Luca Garlaschelli, Tiziana Ghiglioni, Emanuele Parrini Associazione Musicarticolo9

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Ago 102008
 

Il Maestro Vincenzo Ninci, organistaCari amici, la discussione innescata dalle recenti dichiarazioni del  Ministro Gelmini ovviamente continua.

Pubblico quindi un contributo molto stimolante ed importante del Maestro Vincenzo Ninci, del Conservatorio di Ferrara. Ha il grande pregio di mettere l’accento esattamente su quello che è il problema cardine: cos’è la musica nel nostro paese. E’ tutto riassunto benissimo in questa sua frase: “Manca, in altre parole, una capacità personale per ognuno, individualmente, di “essere pubblico con capacità critica autonoma”.

E questo a causa di una miope e suicida mancanza di formazione di base sulla musica, in tutte le nostre scuole. Insomma, in Italia manca proprio la base: la diffusione e l’insegnamento di una cultura musicale di fondo…

Cos’è la musica nel nostro paese

lettera aperta (sottovoce) al Ministro dell’Istruzione…

“Forse c’è una cosa che vorrei dire proprio al massimo responsabile dell’istruzione, un episodio di cui sarebbe auspicabile venisse a conoscenza… Non so se questo sarà possibile, ma intanto vorrei condividerlo con voi, e poi… chissà…?

Tutti sappiamo come la musica in Italia sia bistrattata, che venga considerata alla stregua di un’attività “circense”, di intrattenimento, lontana dalla dignità di cultura *vera* che ha invece più o meno in tutti gli altri paesi. Sappiamo anche che tutto ciò è in parte la pesante eredità della riforma Gentile, che poggiava i suoi principi nella filosofia crociana, e che gli effetti di tale impostazione siano ancora ben presenti oggi… Ma è anche il caso di scrollarsi di dosso queste scorie, che se da un lato hanno condizionato il “pensare comune”, relegandoci ai margini della cultura, dall’altro lato penso abbiano indotto in noi un enorme “complesso di inferiorità'”, con tutto ciò che ne consegue.

Cosa mi piacerebbe che il ministro sapesse…?
Un piccolo episodio, accaduto circa cinque anni fa, di cui sono stato testimone diretto. Un episodio che mi ha fatto riflettere molto, su quello che è la musica nel nostro paese e sul perché tutto ciò che riguarda noi venga così spesso calpestato. Sul perché soltanto ciò che fa “grandi numeri” venga considerato: chi riempie gli stadi, forse i teatri (solo alcuni), chi fa “audience”. Sul perché le “piccole grandi iniziative” non ricevano alcuna attenzione, tanto meno sostegno e finanziamenti… Sul perché a nessuno interessi diffondere lo studio della musica, la preparazione dei fruitori, oltre che degli esecutori…
Sul perché sul “grande” pubblico faccia presa solo ciò che viene adeguatamente propugnato e diffuso, mentre tutto il resto rimane ignoto ai più e – casomai – etichettato come roba “per iniziati”, “per intenditori”, precludendone la diffusione e soprattutto precludendo il sostegno a chi volesse in qualche modo farsene portavoce.

Manca, in altre parole, una capacità personale per ognuno, individualmente, di “essere pubblico con capacità critica autonoma”.
Non piace al grande pubblico ciò che ognuno è in grado di valutare come “bello”, ma solo ciò che viene fatto conoscere, mentre ciò che non si vuole promuovere resta nel sottobosco dei pochi “intenditori” che, alla fine, sono costretti a “cantarsela e a suonarsela da soli”.

Ecco l’episodio. Devo premettere che fra le mie attività musicali c’è anche la direzione di coro, e che nella mia città seguo stabilmente un coro polifonico.
Alcuni anni fa nel condominio dove abitavo sono stati fatti dei lavori,  c’erano dei (bravissimi!) muratori e piastrellisti bulgari incaricati di svolgerli. Essendo lavori abbastanza lunghi, questi operai hanno passato diverse settimane anche all’interno del mio appartamento, per cui avevo fatto una certa amicizia con loro.
Un giorno, scherzando, dico a uno di loro che anche io sapevo qualche parola di bulgaro… ed ho buttato là una frase che conoscevo, perché altro non era che il testo di un brano che avevo eseguito recentemente col mio coro. Lui rimase prima sorpreso, e poi ovviamente mi chiese il perché sapessi qualche parola della sua lingua. A quel punto gli dissi il motivo, e andai nello studio a prendere la partitura, semplicemente per fargli vedere il testo (peraltro scritto in cirillico), ovvio…
Torno da lui col brano, questo lo guarda… e inizia a dire:
“Vedi…? Mentre in tutto il resto dell’Europa si ballava il valzer in 6/8, nel nostro paese, anche nella musica popolare si usavano gia’ i tempi dispari, in 5, in 7…”
Io rimasi allibito. Un muratore (con tutto il massimo rispetto per lui, per tutta la categoria, e per qualunque lavoro al mondo, che ritengo assolutamente degno di stima, sia chiaro!!!) che mi parlava di musica in questi termini, che era perfettamente in grado di leggere una partitura…
E questo – parlo dei paesi “oltrecortina” – era quello che normalmente si definisce “secondo mondo”…

Ecco… Questo è ciò che auspicherei per il nostro paese. Una situazione nella quale chiunque potesse essere messo in grado di affiancare allo studio di base dell’italiano, della storia, della matematica, della geografia, della fisica e di quant’altro, anche lo studio di base della musica. Un paese in cui fossero sempre più presenti buoni musicisti dilettanti (per inciso i bulgari lo erano tutti: suonavano il violino, la fisarmonica, ecc.), e tanti, tanti buoni ascoltatori… Un paese in cui la musica venisse insegnata a tutti i livelli, fin dalla scuola per l’infanzia e dalla scuola elementare (e da professionisti preparati ad hoc, non da maestri più o meno volenterosi a cui viene “imposto” di insegnare quel poco che riescono a fare), in cui le scuole medie ad indirizzo musicale e i licei musicali fossero una realtà concreta e non più solo sperimentale… Un paese in cui per i
Conservatori non solo non venisse mai più paventata la chiusura, ma per i quali venisse al contrario promosso un reale potenziamento, in un’inversione di tendenza che potrebbe fare solo del bene, magari (utopia!) rifondando orchestre che, pur dopo un passato limpido e ricco di gloria, sono state miseramente soppresse (termine orrendo, come fossero animali in agonia)…”

Vincenzo Ninci
Docente Conservatorio di Ferrara

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Vieni alla nostra rassegna di lezioni-concerto a Milano alla Palazzina Liberty!