Gen 242008
 

Gentili amici, in riferimento al post di ieri con la bella notizia della firma del Decreto attuativo da parte del Ministro Mussi, indagando un po’, ho scoperto che ci sono critiche al Ministro per il fatto che il Decreto non corrisponde in pieno a quanto deliberato dal CNAM il 20 dicembre.

Dico subito che il fatto che nel Decreto Ministeriale non venga recepita l’indicazione del CNAM che riguarda l’inquadramento dei docenti, che capisco faccia arrabbiare il sindacato, non mi sembra poi così scandaloso. Infatti la motivazione è che l’inquadramento del personale docente, in quanto materia di stato giuridico, vada rimessa alla disciplina contrattuale di comparto. Insomma, si tratta di non voler entrare in un altro ambito con questo decreto.

Siamo alle solite: in Italia, non va mai bene niente, ma proprio niente. Criticare e non essere mai abbastanza soddisfatti di nulla è il grande sport nazionale.Continua a leggere…

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Dic 112007
 

Riceviamo (e volentieri pubblichiamo) da parte degli studenti del Conservatorio di Napoli una lettera ufficiale da loro indirizzata a Nando Della Chiesa, e agli esponenti del Governo, in merito alle questioni che hanno portato all’occupazione del Conservatorio (tutt’ora in corso, e … notizia dell’ultimo minuto, al blocco degli esami per i bienni abilitanti presso il medesimo conservatorio, attuato ieri).

(cogliamo l’occasione per sottolineare qui che questa probelmatica non coinvolge solo gli studenti dei Conservatori di musica, ma anche quelli delle Accademie di Belle arti e quelli di discipline coreutiche, n.d.r.)

Gli studenti di Napoli ci hanno anche dichiarato che:

Ieri hanno bloccato gli esami di ammissione ai Bienni abilitanti, con le seguenti richieste:

– NO AI CORSI BIENNALI CON VALORE ABILITANTE.

        – SI AL CONCORSO ABILITANTE PER L’IMMISSIONE IN RUOLO.

– SE PERMANE L’OBBLIGATORIETA’ DEI  CORSI ABILITANTI,  CHE SIA CONSENTITO L’ACCESSO AD UN  NUMERO DI CANDIDATI ANCHE  MAGGIORE DEI 35 PREVISTI DAL DM 137/2007, E L’APERTURA DI TUTTE LE SOTTOCLASSI RELATIVE AGLI STRUMENTI PRESENTI  NELLE GRADUATORIE DI CONCORSO.

 – RISERVARE POSTI ANCHE NELLA CLASSE DI CONCORSO A31 E A32.

“Chiediamo l’abolizione dei corsi abilitanti e la possibilita’ di partecipare ai concorsi abilitanti come richiesto anche dagli studenti delle Universita’ (con l’abolizione delle siss); corsi di didattica come corsi di laurea ma non abilitanti. Pare che l’On. Dalla Chiesa abbia ottenuto un finanziamento per i Conservatori; noi NON chiediamo soldi, vogliamo conoscere il VALORE del nostro titolo di studio”

 questo è il loro comunicato ufficiale:

Conservatorio di musica San Pietro a Majella, Napoli
Assemblea degli studenti del 6 dicembre 2006

 

Al Ministro dell’Università e della Ricerca
On. Fabio Mussi

Al Presidente del Consiglio dei ministri
Prof. Romano Prodi

Roma

 

Oggetto: occupazione del conservatorio di Napoli, motivazioni e richieste degli studenti

Egregi Ministri,

il Conservatorio di Napoli è in stato di occupazione.

Motivo primo della protesta è la mancata applicazione dell’art. 2 comma 5 della L. 508/99 che recita: “…Con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, …(omissis).., sono dichiarate le equipollenze tra i titoli di studio rilasciati ai sensi della presente legge e i titoli di studio universitari al fine esclusivo dell’ammissione ai pubblici concorsi per l’accesso alle qualifiche funzionali del pubblico impiego per le quali ne è prescritto il possesso“.

La legge 508/99 che inoltre cita espressamente l’art. 33 della Costituzione, sembrava finalmente svelare alle coscienze dei “dottori”, con evidenza, che in Italia non esiste solo l’università, ma un sistema di “istituzioni di alta cultura” che, oggi come prima della riforma, è composto da università, accademie e conservatori.

La mancata applicazione dell’art. 2 comma 5 della 508/99, dopo otto anni di attesa, è gravemente lesiva dei diritti degli studenti di accademie e conservatori, pertanto gli studenti del Conservatorio chiedono l’intervento del Presidente del Consiglio dei ministri e del Ministro del MUR per sanare una perdurante dimenticanza o per correggere una posizione politica insostenibile e in contrasto con una Legge dello Stato.

Secondo motivo che ha determinato la reazione degli studenti è il limitatissimo accesso ai corsi di abilitazione all’insegnamento istituiti con decreto Ministeriale n° 137 del 28 sett 2007, del tutto inadeguato al numero dei candidati.

Gli studenti pertanto chiedono il ritiro del decreto ministeriale del 28 sett 07 e la formulazione di un nuovo bando che consenta l’attivazione di tutte le sottoclassi e la partecipazione ad un numero maggiore di aspiranti. Si chiede inoltre che il nuovo personale docente sia messo in ruolo esclusivamente attraverso concorsi abilitanti aperti a tutti.

Altri gravi problemi concreti che non sono stati determinanti per la gravità della scelta di mobilitazione degli studenti, ma che meriteranno una approfondita valutazione a livello centrale, sono quelli attinenti al diritto di accesso allo studio, per cui sarebbero necessari maggiori stanziamenti e attenzione per i corsi propedeutici che sono rimasti al palo, o il diritto alla contemporanea frequenza di più corsi di studio di conservatorio e di uno universitario, mai smentito per legge e ancora valido per i corsi ordinamentali. Inoltre vi sono i guasti che derivano dalla equipollenza (a senso unico) dei diplomi ordinamentali con quelli di primo livello accademico, così con dieci anni di studio, più il diploma di scuola superiore, conseguiamo una laurea BREVE per cui gli studenti chiedono che siano presi i provvedimenti legislativi che stabiliscano l’equipollenza tra i titoli ordinamentali e quelli di II livello accademico come è in tutta Europa.

Assemblea degli studenti 6 dic 2007

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Vieni alla nostra rassegna di lezioni-concerto a Milano alla Palazzina Liberty!