Giu 112011
 
Io vado a votare Ci siamo. Domani si vota. Tutti i cittadini italiani sono chiamati alle urne, per esprimersi sui referendum abrogativi. Questo è anche l’appello degli artisti italiani, che in moltissimi si stanno mobilitando per il raggiungimento del quorum e per il SI’ a tutti e quattro i referendum proposti (vedi il primo video).

Manifestazione del 10 giugno a Roma, Piazza del Popolo

ClassicaViva aderisce con entusiasmo e convinzione a questo appello, e invita tutti a recarsi alle urne e a far valere il proprio voto. Il secondo video spiega nei dettagli come si vota. Ecco le cifre ufficiali degli elettori: 47.118.874 residenti in Italia, 3.299.905 residenti all’estero per un totale di 50.418.779, il che significa che il quorum si raggiunge a 25.209.391 votanti. Forza, ce la possiamo fare!

[display_podcast]
Dic 132008
 

Pubblichiamo volentieri il video con un importante appello-denuncia della Associazione 100 autori, recentemente fondata da autori del cinema e della televisione,  (sito: http://www.100autori.it):

[display_podcast]

Ecco alcune delle richieste avanzate da questa Associazione:

  • “una nuova legge sul Cinema, incardinata su: competenza, trasparenza, qualità. Una legge che ripari anche una assurdità: mai come in questi anni cinema e televisione hanno avuto spettatori così numerosi, anche grazie al satellite e allo scarico via Internet, e mai così scarse sono state le risorse economiche per l’audiovisivo. Occorre riequilibrare questa ingiustizia. Gli spettatori meritano un prodotto di miglior qualità, più diversificato, più ricco.”
  • “garantire a questo paese un ritratto più fedele, un intrattenimento più libero e originale, un pensiero più indipendente e profondo attraverso le storie che raccontiamo.”
  • E’ “Una associazione che intende difendere le libertà artistiche, morali e professionali. “
  • “Punta a una regolamentazione antitrust che garantisca una vera libertà di mercato e superi il dualismo Mediaset-Rai.”
  • “Chiede che siano sottratte al controllo del governo e dei partiti tutte le strutture che finanziano il cinema e la fiction.”
  • “Chiede che tutte le reti televisive, inclusa Sky (finora lasciata in completa deregulation) prevedano obblighi di investimento nel cinema, nel documentario e nella fiction e ricompensino congruamente il diritto d’autore.”
  • “Chiede di introdurre il cinema come materia di studio nelle scuole, accompagnato da una presenza costante degli autori nelle scuole.”
  • “Chiede un mercato della distribuzione e dell’esercizio che eviti ogni abuso di posizione dominante.”
  • “Intende infine rinegoziare il rapporto degli autori con la SIAE e elaborare un progetto che garantisca al meglio i diritti d’autore attraverso automatismi che mettano al riparo da contrattazioni difficili e velati ricatti.”
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Ott 202008
 

Th9KQTRVNGs

Dai, facciamoci almeno quattro belle risate. Con questa travolgente Littizzetto, e il suo appello al Ministro MARIA STAR GEL… Dalla trasmissione di RAI 3 Che tempo che fa di domenica 19 ottobre 2008.
Senza commenti… Tranne che ricordiamo solo, tanto per la cronaca, che la Littizzetto conosce molto bene l’argomento di cui parla… infatti è stata per dieci anni Professoressa nelle Scuole medie. E insegnava… indovinate cosa? Musica! Infatti è diplomata in pianoforte al Conservatorio di Torino (oltre che Laureata in Lettere). Ecco, vedete che i musicisti hanno davvero una marcia in più?

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Mar 072008
 

vogliamo Nando Dalla Chiesa in Parlamento!Faccio una deroga, una sola, al principio che mi sono data di non parlare di politica in questo blog. Scusate… ma questanonlamandogiù!

Vorrei parlarvi, ancora una volta, di Nando Dalla Chiesa. Ormai vi è noto che ho apprezzato il suo lavoro come sottosegretario al Ministero, e ho scritto diverse volte a questo proposito su questo blog.

Ma ora c’è un fatto nuovo: Nando Dalla Chiesa è rimasto fuori dalle candidature al nuovo Parlamento, in base alla scelta del suo partito di non ricandidare chi fosse già stato deputato o Senatore per più di tre legislature. La richiesta di deroga, nel suo caso, non è stata accolta (mentre per altri sì…)

In un paese normale, secondo voi, si deve mobilitare la “società civile” per portare gente onesta in Parlamento? Secondo voi è normale che si debbano aprire sottoscrizioni per avere un galantuomo a rappresentarci? Ebbene sì, avviene proprio questo: per cui Gianni Barbacetto ha dato vita a una sottoscrizione pubblica, un appello di molti intellettuali e comuni cittadini, che ho firmato subito e al quale vi invito ad aderire. Lo trovate qui: http://www.nandodallachiesa.it/public/index.php?option=content&task=view&id=807

Per aderire, scrivete a: questanonlamandogiu@libero.it

Eccone il testo integrale, seguito da alcune delle prime firme:

APPELLO PER “NANDO DALLA CHIESA”:  NANDO DALLA CHIESA IN PARLAMENTO!

CHIEDIAMO CHE SIANO PREMIATI L’IMPEGNO PER LA LEGALITA’ E PER IL PRIMATO DELLE ISTITUZIONI

Nando dalla Chiesa, una delle personalità che più ha contribuito a dare apertura e credibilità alle Istituzioni presso l’opinione pubblica e

la società civile, uomo politico da sempre impegnato per la legalità, l’etica pubblica, la difesa dei principi costituzionali e di giustizia, non ha ottenuto la deroga per la candidatura dal suo partito.

Son stati invece candidati personaggi la cui storia non è trasparente. O persino politici che in passato hanno avuto qualche vicinanza agli ambienti della criminalità organizzata. Anche se secondo l’art. 2 del Regolamento “Non può essere candidato chi si trovi in contrasto con le norme del codice etico”.

Come cittadini a vario titolo impegnati per un’Italia più civile e rispettosa dei meriti, chiediamo che

Nando dalla Chiesa, cui riconosciamo di rappresentare con coerenza i nostri valori etico-istituzionali, sia tra gli eletti del prossimo parlamento italiano. Elisabetta Caponnetto, Salvatore Borsellino, don Luigi Ciotti, Virginio Rognoni, Gianni Barbacetto, Giuseppe Bertolucci, Stefano Boeri, Anna Bonaiuto, Giovanna Borgese, Andrea Brambilla (Zuzzurro), Novella Calligaris, Laura Caselli, Alessandro Cavalli, Cisco (ex cantante dei Modena City Ramblers), Dario Fo, Giorgio Galli, Ricky Gianco, Vittorio Grevi, Anna Maria Guarnieri, Laura Lepetit, Gaetano Liguori, Tinin Mantegazza, Velia Mantegazza, Guido Martinotti, Maria Grazia Mazzocchi, Gabriele Mazzotta, Milly Moratti, Franco Morganti, Maria Mulas, Flavio Oreglio, Moni Ovadia, Ottavia Piccolo, Franca Rame, Lidia Ravera, Basilio Rizzo, Corrado Stajano, Gianni Togni, Marco Travaglio, Franca Valeri, Sergio Vicario, Pamela Villoresi, Marco Vitale, Patrizia Zappa Mulas, Giovanni Colombo, Guido Artom, Fabio Zanchi, Alberto Tonti, Fabio Scurpa, Federica Falavigna, Antonio Caldarella, Mariolina De Luca, Silvana Nicola Nicosia, Maria Luisa Sciarra, Dino Turturici, Matteo Lorusso, Aaron Dimoulas, Giuseppe Attanasi, Luca Segantini, Roberto Bertoli, Monica Faggi, Federica Sgaggio, Patrizia Conti Direttore del conservatorio di Genova, Simona Ravera, Stefano Piroli, Natalia Grifoglio, Massimo Solani, Casa della legalità e della cultura Onlus, Francesco Moroni, Giacomo Esposito, Riccardo Gianninoni, Alessandra Ciarla, Ernesto Fiorito, Lamberto Bertolè, Ines Angelino, Letizia Innocenti, Maurizio Affer, Roberto Louisòn, Didone’Ktia, Maria Regina Brun Sindaco di Castel d’Ario… continua….

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Vieni alla nostra rassegna di lezioni-concerto a Milano alla Palazzina Liberty!