Feb 242009
 

Lo spettacolo è finito...Ho appena finito di pubblicare un disperato appello  dell’AGIS contro il taglio dei fondi pubblici allo spettacolo (il famoso FUS, Fondo Unico per lo Spettacolo), ed ecco, completamente in controtendenza (e in contropiede…) un articolo di Alessandro Baricco su “La Repubblica” di oggi.

Leggetelo, sta facendo molto discutere. Anche nei commenti dei lettori. In ogni caso, dico, in una parola, la mia: togliere i denari ai teatri per darli alla TV (che, oltre tutto, non mi sembra ne abbia bisogno), mi sembra, più che bizzarro, suicida. Bene per i fondi alla scuola, per educare un nuovo pubblico (su questo siamo tutti d’accordo…). Ma il vero problema è: chi amministrerebbe i fondi per fare cultura in TV? In quest’orgia di festivaldisanremo, di grandifratelli, e di falsi “amici” che si tirano i coltelli in diretta tv, siamo proprio sicuri che la grande musica e il grande teatro troverebbero posto e collocazione? Con le attuali logiche di profitto e i palinsesti costruiti sull’auditel? E, soprattutto, con gli attuali amministratori e gli attuali padroni del vapore? No, Baricco, ci vorrebbe, PRIMA, una grande rivoluzione culturale… Di tipo quasi cinese, va’…

Ma leggete, leggete direttamente. Per vostra comodità, riporto qui integralmente il testo dell’articolo:

Basta soldi pubblici al teatro
meglio puntare su scuola e tv

di ALESSANDRO BARICCO

Continua a leggere…

Vieni alla nostra rassegna di lezioni-concerto a Milano alla Palazzina Liberty!