Mar 262017
 

Leonardo GelberSe “The Spectator”, qualche giorno fa, ha titolato “Pollini needs to retire” (Pollini deve ritirarsi), cosa dovrebbe titolare dopo il concerto monegasco di Bruno Leonardo Gelber, in cui, accanto a momenti di grazia e incanto assoluti, abbiamo assistito allo sgretolamento di quella che fu una tecnica sovrana? Note false a manciate, deragliamenti, pedali assenti o che al contrario restavano giù oltre ogni immaginazione possibile. Cosa avrebbe dovuto scrivere? “Gelber deve andare a nascondersi?”. No, non avrebbe dovuto.

Prendiamo il mondo del pop. Chi si affeziona a un grande cantante, continua ad andarlo ad ascoltare anche se magari non è più quello di un tempo. C’è una sorta di attaccamento umano, la riconoscenza per aver segnato un momento della nostra vita, una serie di fattori che evadono dal fattore puramente tecnico. Il mondo degli esperti della musica classica, che siano critici o appassionati o musicologi o musicisti, tende invece talvolta ad avere uno sguardo più distaccato sulla performance, forse in nome dell’idea che ciò che è importante è che la partitura venga restituita in modo integro. Se il messaggio del compositore viene messo in pericolo, non c’è scusa che tenga. Pollini, Gelber, Santi e compagnia sono ancora in grado di restituire la totalità della partitura per come dovrebbe essere? No? Allora a casa!

Ma le cose non stanno così, perché, anche se ai ragionieri può dare fastidio, anche nella musica classica ci sono divi e dive (sissignori) che si sono guadagnati la loro fama imponendosi come personalità uniche e magnetiche. Davvero qualcuno può pensare che, togliendo di mezzo Pollini o Gelber, non ci sia spazio per i giovani? A me sembra invece che la musica classica (mettiamola pure senza virgolette) stia risalendo la china proprio per il fatto di essere più inclusiva, meno moralista, meno “io so tutto e tu non capisci un cazzo, vai a studiare e poi torna ad ascoltare un concerto, se te lo meriti!”. Non mi sembra che nel pop o nel rock le nuove band soffrano molto il fatto che i Rolling Stones siano ancora in circolo, per dire. Anzi.

L’altroieri ho incontrato Gelber. 76 anni, poliomelitico dall’infanzia, quindi sostanzialmente deforme, 3 mesi fa è caduto dalle stampelle e si è rotto le ginocchia. “Ma a parte questo, il resto va bene!” mi dice con un bellissimo sorriso e i suoi occhi sempre magnetici, accuratamente truccati. Nonostante tutto, gli piace ancora sentirsi un divo. E perché no? Quest’uomo ha suonato 400 volte il Concerto Imperatore di Beethoven nelle più grandi sale, ha donato anima e corpo a pubblici di tutto il mondo, ha inciso e suonato con Ansermet, Celibidache, Keilberth, Colin Davis, Dorati, Haitink, Kondrashin, Leinsdorf, Maazel, Szell, Tennstedt e molti altri. “Krips mi ha detto di non suonare troppo forte in Mozart, di cercare le nuance per esprimere anche i sentimenti più delicati”. “Scaramuzza era odioso, un uomo amaro, ma che sapienza! Gli devo tantissimo”. “Marguerite Long, benché brutta, era la donna più adorabile che io abbia conosciuto. Mi metteva le mani sulle spalle e io suonavo subito meglio”. “Michelangeli era un vero divo. Sapeva di essere bello e sorrideva di rado. Una volta andai a trovarlo in camerino dopo un concerto. Aveva sbagliato qualche nota, ma davvero poche. Lo trovai affranto, quasi disperato. Gli dissi che il concerto era stato fantastico. Sorrise, mi ringraziò, fu sollevato dal peso che lo opprimeva”.

Che vuoi dirgli a uno così? Vuoi fargli le pulci? Gelber oggi non è recensibile, è un portatore di storie, con la parola ma anche attraverso il suono.
Ieri mattina c’erano non solo le prove del concerto di Gelber, ma anche quelle del Mozart di Bavouzet. I due pianisti, nell’intervallo, si sono messi però a confrontare le rispettive visioni del Concerto di…Grieg! Fuori programma. “Sì, è scritto così, ma qui io faccio ciò che mi detta il cuore!” dice Gelber per un particolare passaggio. Ciò mi ricorda molto Artur Rubinstein che dà consigli a Eric Heidsieck per un passaggio del Concerto n. 2 di Chopin (“diminuendo?! No: crescendo e accelerando!”). E ancora: cosa vuoi dirgli? Che non è filologico? Che la personalità invade la musica rovinandone la purezza autentica? No, no e poi no.

Il mio non è buonismo, tutt’altro. Credo che semplicemente un grande artista, anche in disfacimento, non possa essere osservato con lo sguardo chirurgico con cui si valutano altre cose della vita. È come andare dalla nonna, che ha fatto per tutta la vita delle tagliatelle da premio Nobel, e accorgersi che a 90 anni perde colpi e le tagliatelle sono buone sì, ma non memorabili come un tempo. Ha fatto un po’ casino con gli ingredienti. Che fai, le recensisci le tagliatelle? ‘Guarda, nonna, non ci siamo, ritirati, riposati, lascia perdere le tagliatelle’. Stai sicuro che in pochi mesi va all’altro mondo.

Print Friendly, PDF & Email
Ago 242016
 

Daniela Dessì visse d’arte. Possiamo anche dire che visse d’amore, esattamente come la sua Tosca interpretata in maniera semplicemente divina. E’ il suo amore e compagno di vita da 16 anni a ricordarla il giorno del suo funerale: “Gli occhi sono lo specchio dell’anima e le nostre anime si sono sempre parlate. Ho condiviso con te 16 anni indimenticabili, ricchi di tante grandissime soddisfazioni e di una vita privata intensissima che abbiamo sempre difeso e privilegiato rispetto a tutto il resto. (…) Non voglio ricordare la grandezza della tua arte che è universalmente conosciuta e che è testimoniata dalle migliaia di messaggi che piovono da ogni parte del mondo. Voglio invece ricordare di te la tua grandezza di donna, di mamma, la tua bellezza interiore e la tua generosità, il tuo umorismo, la tua malinconia, ma soprattutto la tua fragilità che potrebbe sembrare un paradosso rispetto alla dirompente personalità da vera diva che possiedi, diva nel senso di divina“.

La notizia della scomparsa del soprano ha scosso profondamente il mondo della musica e in particolare quello dell’Opera. Gli amici del Teatro alla Scala, che hanno visto quasi 30 anni di collaborazione con Daniela Dessì (la sua ultima apparizione scaligera risale al 2009) hanno ricordato le sue interpretazioni, da Rossini e Mozart a Verdi, Puccini e al Verismo, ammirando la sua tecnica impeccabile, il suo forte temperamento e la sua rara sensibilità interpretativa. Tutte doti che l’hanno portata a collocarsi tra le figure di spicco del panorama operistico internazionale.

La sua Fiordiligi in Così fan tutte e i suoi ruoli verdiani con Riccardo Muti (Alice Ford, Elisabetta di Valois, Messa da Requiem) e le sue interpretazioni di Puccini e Cilea restano tra le pagine indimenticabili della storia scaligera degli ultimi decenni.” 

Link all’articolo del corriere.it

Daniela Dessì

Il Teatro Grande di Brescia intende dedicare la prossima festa dell’Opera al soprano. La Dessì aveva infatti partecipato spesso all’iniziativa, portando avanti il progetto artistico del promuovere e aiutare la crescita dei giovani talenti. “Ci ha lasciato una grande interprete” afferma il presidente del Teatro Emiliano del Bono, “una voce raffinata che ha portato il nome di Brescia nei più blasonati teatri del mondo”.

Tante e prestigiose le collaborazioni internazionali dell’artista, nata a Genova ma da tempo residente sul lago di Garda. Dopo aver completato gli studi di canto al Conservatorio Arrigo Boito di Parma e presso l’Accademia Chigiana di Siena, aveva vinto il primo premio al Concorso Internazionale indetto dalla Rai nel 1980: poi il debutto con l’Opera Giocosa di Savona ne La serva padrona di Pergolesi. Innumerevoli le interpretazioni, tra cui quelle delle eroine verdiane e pucciniane, e le collaborazioni con i più grandi teatri, dalla Scala di Milano al Metropolitan di New York, alla Deutsche Oper di Berlino.

Armiliato, il compagno di Daniela Dessì, l’ha paragonata a Maria Callas: “Il critico musicale Giorgio Gualerzi diceva: c’è stato il tempo della Callas e ora c’è quello della Dessì. Aveva ragione. È proprio così. Senza mai clamore hai scandito il tempo di questa grande fetta di vita musicale a cavallo di due secoli con la tua classe e con un’ interpretazione straordinaria sempre diversa e sempre con un denominatore comune di qualità artistica e vocale insuperabile. Tu sei entrata di diritto nell’immortalità per questo e sarai sempre ricordata come interprete di riferimento. Tu sei e sarai un orgoglio perenne per il nostro Paese“. 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Feb 292016
 

Oscar 2016 a Ennio Morricone

“Morricone è il mio compositore preferito. Quando dico compositore non intendo solo musicista per il cinema, ma parlo di Mozart, Beethoven, Schubert”. Quentin Tarantino

Ennio Morricone, 87 anni, con  5 nomination alle spalle, vince l’Oscar per la colonna sonora di “The Hateful Eight” di Quentin Tarantino. Il Maestro era stato premiato con un Oscar alla carriera nel 2007, ma questa volta, dopo 6 nomination,  ha finalmente ottenuto il premio alla categoria che aspettava da una vita.  Visibilmente commosso, Morricone ha ritirato il suo premio per poi salutare il pubblico in standing ovation del Dolby Theatre di Los Angeles: “Buonasera signori, buonasera” e ha continuato: “Ringrazio l’Academy per questo prestigioso riconoscimento. Il mio pensiero va agli altri premiati, in particolare allo stimato John Williams (autore della colonna sonora di Star Wars, alla sua 50esima nomination, ndr). Non c’è musica importante senza un grande film che la ispiri”. Il maestro ha infine salutato sua moglie Maria, presente in sala durante la premiazione, dedicandole la sua musica e la vincita.  Morricone, il più anziano vincitore dell’Oscar, si era recato a Los Angeles qualche giorno prima della cerimonia per ricevere  anche una Stella sulla Walk of Fame. Il Maestro è un orgoglio italiano.

                                                                                                                   

Molte le congratulazioni dal suo paese tra le quali quelle di Mogol all’Agi: “Mi fa piacere, Ennio è un grande. Lo trovo un meritato e giusto riconoscimento”. “Che Orgoglio Ennio!”, è la frase postata da Laura Pausini sui suoi social dopo l’annuncio della vittoria dell’Oscar. “Mi sveglio e scopro che il nostro Ennio Morricone ha vinto l’Oscar!!! Congrats Maestro! Ououo ououo (cojote)”, scrive Fiorello su Twitter.”Grande emozione!!!! W Morricone!!!”, è la frase postata da Jovanotti con tanto di bandiera tricolore.”Mio Padre ha appena vinto il secondo Oscar della sua carriera! Sono molto felice per Lui, per mia Madre e per la Famiglia”. Lo scrive su facebook, Andrea Morricone, figlio del maestro Ennio. Non sono mancati messaggi di felicitazioni dalle più alte cariche dello stato: quello del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella – “Le composizioni del maestro Ennio Morricone hanno fatto commuovere e sognare intere generazioni in tutto il mondo. L’Oscar è un riconoscimento meritato che premia la vita di un grande artista dedicata alla musica. Al maestro Morricone le mie più sentite congratulazioni e il grazie di tutta l’Italia” e le felicitazioni su Twitter del Premier Renzi – “Grandissimo Maestro, finalmente! Morricone #orgoglio #Oscars2016”.

Print Friendly, PDF & Email
Gen 302016
 

Fuori piove e, in uno di quei sabato mattina in cui non sei abbastanza sveglio per fare qualcosa né di serio né di davvero divertente, ho deciso di fare una sorta di ricerca su Instagram, il più celebre dei social network specificamente legato alle foto, per cercare di capire qualcosa di più sul rapporto fra musica classica e nuove generazioni. È noto che gli utenti di Instagram sono ben più giovani di quelli di un social come Facebook; tendono inoltre a venire a contatto con la realtà in maniera più sintetica e immediata (attraverso un’immagine) che in maniera analitica (attraverso un post scritto, più o meno lungo); rappresentano il trionfo dell’homo videns, che privilegia la vista su tutti gli altri sensi. Tutto ciò sembrerebbe portare il più lontano possibile da una musica, come quella detta “classica”, che parrebbe richiedere ascolto, concentrazione, capacità di astrazione. E invece, senz’altro per quel magnetismo che la bellezza musicale esercita al di là di qualsiasi moda, le immagini che tirano in ballo Mozart, Beethoven o Stravinsky sono ben più di quante mi sarei aspettato. Non solo: poiché Instagram offre la possibilità di inserire video di 15 secondi, molti musicisti hanno anche iniziato a postare frammenti di esecuzioni o prove. Il purista vedrà ovviamente in una tale frammentazione qualcosa di assolutamente satanico: ma non possiamo tornare indietro all’era in cui si pretendeva di ascoltare fin da subito un’intera Sinfonia di Mahler o di Bruckner per una sorta di dovere morale. Sarebbe giusto, ma ad oggi è impossibile. La polverizzazione della fruizione odierna dell’arte non sempre, d’altronde, è un abominio: spesso, bastano pochi secondi per far scattare un colpo di fulmine, che darà poi magari luogo a un approfondimento. Allora, può anche darsi che social apparentemente superficiali come Instagram, fruiti più volte al giorno da un ventenne di oggi, possano far nascere passioni tutt’altro che superficiali.

Nella mia breve e un po’ improvvisata indagine, ho cercato comunque di attenermi a una qualche scientificità, applicando il metodo statistico, basandomi sul numero di hashtag (#). Innanzitutto, mi sono accorto che l’hashtag #classicalmusic è molto più utilizzato di quanto pensassi:

rockmusic: 421071  – popmusic: 387450 – classicalmusic:210474 –  jazzmusic: 76316 – discomusic: 19664

La musica classica è nominata circa la metà delle volte del rock e più del doppio delle volte del jazz. Non si vuole certo qui istituire una graduatoria fra generi (ammesso che l’espressione “genere musicale” abbia oggi un qualche senso), ma solo evidenziare che la musica di Mozart e Debussy non è certo una nicchia per dinosauri. E dirò di più: oggi lo è forse meno di quanto lo fosse qualche anno fa, anche grazie a tecnologie che permettono ai più giovani di ascoltare di tutto senza dover pagare un costosissimo biglietto o comprare a scatola chiusa un cd a 20 euro. Se l’interesse sboccia, l’approfondimento ci sarà poi: magari anche iniziando a suonare uno strumento e divenendo quindi soggetti attivi -senza necessariamente dover fare il musicista di professione.

Ho proseguito l’indagine cercando di capire quale fosse il peso degli utenti italiani. Con una certa sorpresa, ho scoperto che l’hashtag #musicaclassica è quasi cinque volte più utilizzato del francese #musiqueclassique e quasi il doppio dello spagnolo #musicaclasica. Il tedesco klassischemusik? Quasi non pervenuto.

musicaclassica: 15390 – musicaclasica: 8886 – musiqueclassique: 3872 – klassischemusik: 1547

Ora, o gli italiani sono dei cazzari nullafacenti che passano le loro giornate sui social (il che è in parte vero), mentre francesi o tedeschi si occupano di cose serie, oppure la musica classica in Italia ha un pubblico potenziale di giovani più ampio di quanto non si pensi. E poi, anche se il dato fosse uno specchio del nostro oziare? Staremmo pur sempre oziando con Bach, Verdi o Shostakovich, il che non mi sembra affatto una trista prospettiva.

Giunto a questo punto, mi è venuta l’insana idea di vedere quali compositori fossero più citati. Qui però è insorto un problema non da poco: inserendo solo il cognome del compositore, venivano fuori cose che ben poco hanno a che vedere (almeno direttamente) con la musica. Così, #beethoven rimandava al cane del famoso film, #mozart al cioccolato (le famose ‘palle di Mozart’ salisburghesi), #verdi all’ecologismo, mentre nomi come #berlioz o #chopin sembravano essere associati, più che alla Sinfonica fantastica o ai Notturni, a un’infinità di gatti (sulla base dei nomi di mici di film come “Gli aristogatti”): 

 

Nella marea di citazioni presenti su Instagram, non è poi infrequente trovare massime (più o meno sagge) di musicisti. Divertente questa di Erik Satie: “Coloro che blaterano alle mie spalle, / il mio culo li contempla”

                                                                 

Nonostante possa apparire irriverente, anche la parodia (che riguarda perlopiù Johann Sebastian Bach, forse per l’aura di protestantesimo e di serietà che lo avvolge agli occhi dei più) può diventare un modo per ricordarci che questi grandi compositori sono ancora fra noi, più vivi di certi vivi:

E così, ci viene anche ricordato che Mendelssohn “likava” (e, perché no, lovvava) Bach ben prima che fosse di moda.

Ma torniamo ai compositori più citati. Poiché, come dicevo, con Berlioz vengono fuori gattini e con Mozart le mozartkugeln (l’indice glicemico è più o meno paritetico), ho iniziato mettendo nell’hashtag anche il nome del compositore. Ecco i risultati, dal più popolare in giù:

  1. GiuseppeVerdi: 11982
  2. Ludwig van Beethoven: 10718
  3. PhilipGlass: 10561
  4. WolfgangAmadeusMozart: 5966
  5. JohannSebastianBach: 5485
  6. ErikSatie: 4750
  7. FrédéricChopin: 4689
  8. RichardWagner: 4666
  9. ClaudeDebussy: 4341
  10. GiacomoPuccini: 4034
  11. FranzLiszt: 3679
  12. Steve Reich: 3520
  13. JohannStrauss: 3258
  14. LeonardBernstein: 3077
  15. GeorgeGershwin: 2951
  16. EdvardGrieg: 2587
  17. BenjaminBritten: 2492
  18. AntonioVivaldi: 2467
  19. GustavMahler: 2370
  20. RichardStrauss: 2366
  21. JeanSibelius: 2218
  22. FranzSchubert: 2018
  23. IgorStravinsky: 1890
  24. JohannesBrahms: 1560
  25. MauriceRavel: 1523
  26. GeorgesBizet: 1218
  27. RobertSchumann: 1131
  28. VincenzoBellini: 1118
  29. CarlNielsen: 1098
  30. PierreBoulez: 1012
  31. BelaBartok: 1005
  32. GabrielFauré(+Faure)= 838
  33. GaetanoDonizetti: 737
  34. FelixMendelssohn(+Bartholdy): 671
  35. EdwardElgar: 628
  36. AlbanBerg: 612
  37. DmitriShostakovich: 606
  38. HectorBerlioz: 605
  39. SergeiRachmaninov(+Rachmaninoff): 580
  40. GioacchinoRossini: 561
  41. IsaacAlbeniz: 538
  42. SergeiProkofiev: 522
  43. MaxBruch: 372
  44. AntonBruckner: 344
  45. FrancisPoulenc: 280
  46. BenedettoMarcello: 217
  47. GyorgyLigeti: 211
  48. HugoWolf: 203
  49. LuigiNono: 179
  50. LucianoBerio: 170
  51. ClaudioMonteverdi: 168
  52. FranzJosephHaydn: 143
  53. MaxReger: 126
  54. TomasoAlbinoni: 118
  55. AntonWebern: 100
  56. Jean-PhilippeRameau: 89
  57. ElliottCarter: 86
  58. FrançoisCouperin: 78
  59. CarlPhilippEmanuelBach: 66
  60. LuigiCherubini: 61
  61. FerruccioBusoni: 49
  62. GeorgFriedrichHaendel: 29
  63. HenriDuparc: 22
  64. LuigiDallapiccola: 7

Le classifiche sono sempre stupide, ma questo non è certo un sondaggio qualitativo. Nella sua superficialità, ci dice semplicemente quali sono i compositori che più richiamano l’attenzione delle ultime generazioni. Sorprende la leadership di Verdi, così come il fatto di trovare Britten davanti a Vivaldi o Stravinsky davanti a Brahms. Il Novecento, in generale, è piuttosto presente, ma anche un nome come Boulez (forse anche per la recente morte) si piazza davanti a un Donizetti. Compositori come Berio, Rameau, Couperin, Carter, Dallapiccola, Duparc, Busoni o Dallapiccola, ma anche Haydn, sembrano riservati a una minoranza, mentre spopolano quei nomi spesso legati a una colonna sonora, a jingle pubblicitarii, a riferimenti dell’immaginario collettivo o a primati nazionali (come Nielsen, gloria danese): Satie, Chopin, Liszt (ben 11256 volte ricorre #lisztomania, il film di Ken Russell), Grieg e via dicendo. Ci sono poi casi di compositori il cui nome è troppo complicato da scoprire: come Georg Friedrich, nel caso di Haendel. Le sorprese sono moltissime e ognuno le leggerà a modo suo. Non mi sarei mai aspettato #Bartok davanti a Shostakovich o Sibelius davanti a Schubert, oppure Prokofiev dietro ad Albeniz. Certo, i numeri non sono paragonabili a quelli delle star del pop: a fronte dei quasi 12000 hashtag di GiuseppeVerdi, troviamo JustinBieber con più di 22 milioni di tag, Lana Del Rey con quasi 3 milioni e mezzo, i Beatles con più di un milione e i Rolling Stones con più di mezzo milione. Ma poco importa.

Per completezza, ecco anche la Top Ten che risulta inserendo solo il nome, ad esempio #bach (che significa anche ruscello, in tedesco) #mozart (sempre tenendo conto delle famose palle), #beethoven (cane compreso) o #verdi (politici compresi). Il risultato è un po’ diverso. Mozart passa ad esempio dal bronzo all’oro, forse perché viene semplicemente meno la scocciatura di scrivere WolfgangAmadeus (assai più complicato di Giuseppe):

  1. Mozart: 304424
  2. Beethoven: 221118
  3. Bach: 20879
  4. Verdi: 151195
  5. Chopin: 129314
  6. Wagner: 70423
  7. Vivaldi: 54956
  8. Puccini: 36707
  9. Rossini:32201
  10. Ravel: 30780
  11. Brahms: 27.370
  12. Debussy: 26802
  13. Handel (senza dieresi): 25690
  14. Schubert: 25668
  15. Berlioz: 19426
  16. etc

La classifica lascia certo il tempo che trova: pensiamo solo al fatto che #antonindvorak (con nome e cognome) arriva a 779 soltanto, mentre il semplice #dvorak ne conta 13214. Ma anche Haydn, senza il complicato FranzJoseph, tocca quota 15527. Comunque, troviamo anche nomi insospettabili, ad esempio Alkan, con ben 7007 tag (più di Albinoni, Bruckner o Elgar).

E veniamo infine agli interpreti. Qui ci si accorge, osservando ad esempio i pianisti e i violinisti, che c’è una leadership incontrastata, quasi un monopolio di un singolo nome. Dietro, il vuoto o quasi. Fra i pianisti domina Lang Lang, con 13493 hashtag, fra i violinisti David Garrett, con 26.170. Ho preso solo alcuni esempi:

  1. Lang Lang: 13493
  2. Yuja Wang: 1767
  3. Daniel Barenboim: 1574
  4. Valentina Lisitsa: 1448
  5. Yundi Li: 825
  6. Katia Buniatishvili: 475
  7. Andras Schiff: 347
  8. Krystian Zimerman: 308
  9. Ramin Bahrami: 261
  10. Grigory Sokolov: 251
  11. Mikahil Pletnev: 125
  12. Radu Lupu: 123
  13. Volodos: 87

Violinisti:

  1. David Garrett: 26170
  2. Ithzak Perlman: 2921
  3. Vanessa Mae: 2212
  4. Hilary Hahn: 1669
  5. Charlie Siem: 1003
  6. Ray Chen: 831
  7. Janine Jansen: 827
  8. Nigel Kennedy: 742

Infine, qualche dato su alcuni direttori: quotato Riccardo Muti, forse per i suoi successi in America, dove Instagram è molto diffuso:

  1. Riccardo Muti: 1197
  2. Simon Rattle: 965
  3. Valery Gergiev: 824
  4. Mariss Jansons: 534
  5. Riccardo Chailly: 372
  6. Daniel Harding: 348
  7. Ivan Fischer: 187
  8. Bernard Haitink: 138
  9. Yuri Temirkanov: 115
  10. Kirill Petrenko: 93

Questi sono solo alcuni esempi. La presenza nelle retrovie dei musicisti forse più raffinati, come Lupu o Temirkanov, è anche indice del fatto che i cultori di questi artisti tendono a snobbare tutto ciò che è immagine, marketing o “visibilità”. E, ovviamente, proprio sul culto dell’immagine è basato instagram. 

Non bisogna tuttavia stigmatizzare un nuovo atteggiamento di avvicinarsi alla classica, a volte apparentemente superficiale ma non sempre avulso da un vero affetto o, molto spesso, da un vero e proprio stato di esaltazione. Concludo con alcune foto che parlano da sé: c’è chi trova sexy suonare il pianoforte, chi per rilassarsi nella vasca da bagno ascolta Schubert (“I’m in heaven, with my favorite composer“), chi ricorda David Bowie violoncellista sul set del film “Miriam si sveglia a Mezzanotte” (ancora una volta, sul leggio abbiamo Schubert), chi inventa una collezione di teeshirts ispirate ai compositori, chi celebra Verdi fotografando i graffiti a lui dedicati presso le Colonne di San Lorenzo, nel centro di Milano. Insomma, come recita il nome del nostro network, la classica (è) viva!

FullSizeRender (14)FullSizeRender (16)FullSizeRender (17)

 

FullSizeRender (15)FullSizeRender (19)FullSizeRender (18)

Print Friendly, PDF & Email

Home

 

Ultimi articoli di Luca Ciammarughi

  • Igor, l'anti-principe commuove l'Opéra Bastille
    Igor, l’anti-principe commuove l’Opéra Bastille

    Non è certo facile veder rappresentato Il principe Igor di Borodin al di fuori della Russia, soprattutto a causa della difficoltà nel trovare un cast adeguato e un coro che sia disposto ad affrontare l’arduo lavoro richiesto dal testo russo. Particolarmente preziosa è quindi l’occasione offerta dall’Opéra de Paris, che [continua a leggere]

    Print Friendly, PDF & Email
  • Tutti pazzi per Händel alla Scala. E ora aspettiamo Rameau
    Tutti pazzi per Händel alla Scala. E ora aspettiamo Rameau

      Il Giulio Cesare in Egitto di Händel mancava al Teatro alla Scala dal 1957, quando fu diretto da Gianandrea Gavazzeni: è ritornato in una produzione accolta da un meritato successo, venerdì 18 ottobre (sarà in scena fino al 2 novembre, per un totale di sette rappresentazioni). Non proprio integrale [continua a leggere]

    Print Friendly, PDF & Email
  • L'elisir che desta amore e dubbi
    L’elisir che desta amore e dubbi

    Chi frequenta abitualmente il Teatro alla Scala, o il mondo dell’opera in generale, può rendersi conto che gli indici di gradimento sono sempre più soggetti a una spaccatura: da un lato c’è un vasto pubblico che ama riconoscersi nei codici di una forma di teatro popolare com’è l’opera (e in [continua a leggere]

    Print Friendly, PDF & Email
  • Le mirabilia di Martha Argerich inaugurano MiTo
    Le mirabilia di Martha Argerich inaugurano MiTo

    Mi perdoni il lettore se inizio questa recensione con una nota personale: quando due anni fa scrissi un libro sui grandi pianisti dell’era recente, inizialmente pensai al titolo Da Benedetti Michelangeli a Sokolov; per poi cambiare la seconda parte, sostituendo Sokolov con Argerich. Non perché consideri la seconda tout court [continua a leggere]

    Print Friendly, PDF & Email
  • Acclamato a furor di popolo il "Rigoletto" déjà-vu
    Acclamato a furor di popolo il “Rigoletto” déjà-vu

    Dopo la breve pausa estiva, la rentrée scaligera è sotto il segno – come ormai da qualche anno – dell’Accademia del Teatro alla Scala: l’anno scorso, i giovani strumentisti e cantanti avevano affrontato il raro Ali Babà di Cherubini, mentre quest’anno si sono confrontati con un titolo ben più popolare, [continua a leggere]

    Print Friendly, PDF & Email
  • Una "Chovanščina" rivelatoria alla Scala
    Una “Chovanščina” rivelatoria alla Scala

    Sulla Chovanščina di Musorgskij ascoltata il 6 marzo alla Scala. Indubbiamente una delle serate più emozionanti vissute nel Teatro milanese. Partiamo dalla direzione di Valerij Gergiev: credo di non aver mai sentito dall’orchestra scaligera un suono così viscerale, profondamente vissuto, e al contempo così rifinito nei colori. Stavolta Gergiev ha [continua a leggere]

    Print Friendly, PDF & Email
  • Fragilità e bellezza con Maurizio Pollini
    Fragilità e bellezza con Maurizio Pollini

    Teatro alla Scala, 18 febbraio 2019 – Ancora una volta, nonostante lo sgretolarsi della sua forma fisica, ascoltare Maurizio Pollini dal vivo si rivela per me un’esperienza tutt’altro che deludente. Se si pensa al numero di pasticci e al rallentamento dei (già mitici) riflessi del pianista milanese, verrebbe da dire: [continua a leggere]

    Print Friendly, PDF & Email
  • L'irriducibile individualità di Ivo Pogorelić
    L’irriducibile individualità di Ivo Pogorelić

    Il 6 ottobre 2018 ho ascoltato Ivo Pogorelić a Casale Monferrato. Basandomi unicamente sul mio sentire, sulle mie percezioni epidermiche, non posso dire che Pogorelić sia il “mio” pianista. L’ho ascoltato tante volte e non sono mai uscito dalla sala con quello stato di trasfigurazione che ti lasciano alcuni concerti [continua a leggere]

    Print Friendly, PDF & Email
  • Una (fin troppo) rassicurante "Traviata" alla Scala - di Luca Ciammarughi
    Una (fin troppo) rassicurante “Traviata” alla Scala – di Luca Ciammarughi

    Qualche riflessione a partire dalla Traviata ascoltata il 16 gennaio 2019 alla Scala. Lo spettacolo è quello del 1990, ormai storico, di Liliana Cavani. L’ho già visto diverse volte e non è, per me come per molti, una sorpresa. Esteticamente è sempre molto bello. Piace a chi lo vede per [continua a leggere]

    Print Friendly, PDF & Email
  • Un "Attila" a regola d'arte apre la stagione scaligera
    Un “Attila” a regola d’arte apre la stagione scaligera

    «La più rumorosa di tutte le opere risorgimentali, brusca nello stile, impiastricciata di densi e sgargianti colori, piena di effetti teatrali senza profondità»: così Julian Budden definì l’Attila di Verdi. Ieri sera, più che mai, ci siamo resi conto del misunderstanding del musicologo inglese. Il Teatro alla Scala e il [continua a leggere]

    Print Friendly, PDF & Email
  • Come Currentzis ha servito Mahler "alla lettera"
    Come Currentzis ha servito Mahler “alla lettera”

    È sabato sera e io continuo a ripensare al concerto di ieri, con Currentzis e MusicAeterna interpreti di Mahler. In passato il direttore greco si è fatto notare, oltre che per il suo talento saturnino, per alcune eccentricità talora discutibili, soprattutto nella trilogia Mozart-Da Ponte. Da qui il luogo comune: [continua a leggere]

    Print Friendly, PDF & Email
  • Libetta, Luisada, Pletnev: tre alchimisti del pianoforte
    Libetta, Luisada, Pletnev: tre alchimisti del pianoforte

    Come mi era successo il novembre scorso a Lucerna con il “trittico” Kissin-Rana-Trifonov, anche in questo 2018 mi sono ritrovato ad ascoltare tre importanti pianisti consecutivamente: l’italiano Francesco Libetta, il francese Jean-Marc Luisada e il russo Mikhail Pletnev. Tre musicisti fra loro diversissimi, ma con una costante: tutti hanno una [continua a leggere]

    Print Friendly, PDF & Email
  • C'è qualcosa di nuovo, anzi d'antico: il miracoloso Schumann di Trifonov
    C’è qualcosa di nuovo, anzi d’antico: il miracoloso Schumann di Trifonov

    Folgorato lo scorso anno da due concerti “intorno a Chopin” (Milano e Lucerna), sono tornato ad ascoltare Daniil Trifonov, ieri sera 30 ottobre 2018 in Sala Verdi per la Società del Quartetto di Milano. Trifonov è ormai riconosciuto come uno dei più importanti pianisti al mondo: posizione tutt’altro che facile, [continua a leggere]

    Print Friendly, PDF & Email
  • Il folgorante Brahms di Petrenko abbatte la quarta parete
    Il folgorante Brahms di Petrenko abbatte la quarta parete

    «In quest’opera c’è abbastanza musica per scriverne dieci», disse André Campra a proposito di Hippolyte et Aricie di Rameau. «In questo concerto c’è abbastanza musica per farne dieci» verrebbe da dire della serata al LAC di Lugano con Kirill Petrenko alla guida della Bayerisches Staatsorchester, di cui è direttore stabile [continua a leggere]

    Print Friendly, PDF & Email
  • Quella grottesca ossessione dell'oro nell'Alì Babà risorto
    Quella grottesca ossessione dell’oro nell’Alì Babà risorto

    Teoricamente, la ripresa di un insuccesso quale fu nel 1833 Ali-Baba ou Les quarante voleurs, ultima opera di Luigi Cherubini, è operazione quasi masochista. Perché, infatti, rimettere in scena un lavoro che fu giudicato negativamente da Rossini, Mendelssohn e Berlioz e che lo stesso compositore non volle nemmeno vedere all’Opéra [continua a leggere]

    Print Friendly, PDF & Email

Articoli sulla musica classica

  • Igor, l'anti-principe commuove l'Opéra Bastille
    Igor, l’anti-principe commuove l’Opéra Bastille

    Non è certo facile veder rappresentato Il principe Igor di Borodin al di fuori della Russia, soprattutto a causa della difficoltà nel trovare un cast adeguato e un coro che sia disposto ad affrontare l’arduo lavoro richiesto dal testo russo. Particolarmente preziosa è quindi l’occasione offerta dall’Opéra de Paris, che [continua a leggere]

    Print Friendly, PDF & Email
  • Tutti pazzi per Händel alla Scala. E ora aspettiamo Rameau
    Tutti pazzi per Händel alla Scala. E ora aspettiamo Rameau

      Il Giulio Cesare in Egitto di Händel mancava al Teatro alla Scala dal 1957, quando fu diretto da Gianandrea Gavazzeni: è ritornato in una produzione accolta da un meritato successo, venerdì 18 ottobre (sarà in scena fino al 2 novembre, per un totale di sette rappresentazioni). Non proprio integrale [continua a leggere]

    Print Friendly, PDF & Email
  • L'elisir che desta amore e dubbi
    L’elisir che desta amore e dubbi

    Chi frequenta abitualmente il Teatro alla Scala, o il mondo dell’opera in generale, può rendersi conto che gli indici di gradimento sono sempre più soggetti a una spaccatura: da un lato c’è un vasto pubblico che ama riconoscersi nei codici di una forma di teatro popolare com’è l’opera (e in [continua a leggere]

    Print Friendly, PDF & Email
  • Le mirabilia di Martha Argerich inaugurano MiTo
    Le mirabilia di Martha Argerich inaugurano MiTo

    Mi perdoni il lettore se inizio questa recensione con una nota personale: quando due anni fa scrissi un libro sui grandi pianisti dell’era recente, inizialmente pensai al titolo Da Benedetti Michelangeli a Sokolov; per poi cambiare la seconda parte, sostituendo Sokolov con Argerich. Non perché consideri la seconda tout court [continua a leggere]

    Print Friendly, PDF & Email
  • Acclamato a furor di popolo il "Rigoletto" déjà-vu
    Acclamato a furor di popolo il “Rigoletto” déjà-vu

    Dopo la breve pausa estiva, la rentrée scaligera è sotto il segno – come ormai da qualche anno – dell’Accademia del Teatro alla Scala: l’anno scorso, i giovani strumentisti e cantanti avevano affrontato il raro Ali Babà di Cherubini, mentre quest’anno si sono confrontati con un titolo ben più popolare, [continua a leggere]

    Print Friendly, PDF & Email
  • Una "Chovanščina" rivelatoria alla Scala
    Una “Chovanščina” rivelatoria alla Scala

    Sulla Chovanščina di Musorgskij ascoltata il 6 marzo alla Scala. Indubbiamente una delle serate più emozionanti vissute nel Teatro milanese. Partiamo dalla direzione di Valerij Gergiev: credo di non aver mai sentito dall’orchestra scaligera un suono così viscerale, profondamente vissuto, e al contempo così rifinito nei colori. Stavolta Gergiev ha [continua a leggere]

    Print Friendly, PDF & Email
  • Fragilità e bellezza con Maurizio Pollini
    Fragilità e bellezza con Maurizio Pollini

    Teatro alla Scala, 18 febbraio 2019 – Ancora una volta, nonostante lo sgretolarsi della sua forma fisica, ascoltare Maurizio Pollini dal vivo si rivela per me un’esperienza tutt’altro che deludente. Se si pensa al numero di pasticci e al rallentamento dei (già mitici) riflessi del pianista milanese, verrebbe da dire: [continua a leggere]

    Print Friendly, PDF & Email
  • L'irriducibile individualità di Ivo Pogorelić
    L’irriducibile individualità di Ivo Pogorelić

    Il 6 ottobre 2018 ho ascoltato Ivo Pogorelić a Casale Monferrato. Basandomi unicamente sul mio sentire, sulle mie percezioni epidermiche, non posso dire che Pogorelić sia il “mio” pianista. L’ho ascoltato tante volte e non sono mai uscito dalla sala con quello stato di trasfigurazione che ti lasciano alcuni concerti [continua a leggere]

    Print Friendly, PDF & Email
  • Una (fin troppo) rassicurante "Traviata" alla Scala - di Luca Ciammarughi
    Una (fin troppo) rassicurante “Traviata” alla Scala – di Luca Ciammarughi

    Qualche riflessione a partire dalla Traviata ascoltata il 16 gennaio 2019 alla Scala. Lo spettacolo è quello del 1990, ormai storico, di Liliana Cavani. L’ho già visto diverse volte e non è, per me come per molti, una sorpresa. Esteticamente è sempre molto bello. Piace a chi lo vede per [continua a leggere]

    Print Friendly, PDF & Email
  • Un "Attila" a regola d'arte apre la stagione scaligera
    Un “Attila” a regola d’arte apre la stagione scaligera

    «La più rumorosa di tutte le opere risorgimentali, brusca nello stile, impiastricciata di densi e sgargianti colori, piena di effetti teatrali senza profondità»: così Julian Budden definì l’Attila di Verdi. Ieri sera, più che mai, ci siamo resi conto del misunderstanding del musicologo inglese. Il Teatro alla Scala e il [continua a leggere]

    Print Friendly, PDF & Email

Enti artistici

  • Quella grottesca ossessione dell'oro nell'Alì Babà risorto
    Quella grottesca ossessione dell’oro nell’Alì Babà risorto

    Teoricamente, la ripresa di un insuccesso quale fu nel 1833 Ali-Baba ou Les quarante voleurs, ultima opera di Luigi Cherubini, è operazione quasi masochista. Perché, infatti, rimettere in scena un lavoro che fu giudicato negativamente da Rossini, Mendelssohn e Berlioz e che lo stesso compositore non volle nemmeno vedere all’Opéra [continua a leggere]

    Print Friendly, PDF & Email
  • I miracoli dell'imperscrutabile Pletnev
    I miracoli dell’imperscrutabile Pletnev

    «Perché uso una sedia invece di un panchetto? Perché a volte ho mal di schiena, e così posso appoggiarmi per riposarmi»: così affermava, molto semplicemente, Mikhail Pletnev in un’intervista. E anche in Sala Verdi, ieri sera al Conservatorio di Milano per Serate Musicali, il musicista (dire pianista sarebbe poco) si [continua a leggere]

    Print Friendly, PDF & Email
  • Nelson Freire, duende e saudade
    Nelson Freire, duende e saudade

    Oltre ad essere la città di una delle più belle stagioni pianistiche del mondo, ovvero “Piano à Lyon” presso la Salle Rameau, Lione offre anche alcuni recital all’interno della stagione dell’Orchestre National de Lyon. “Auditorium – Les grands interprètes” è il titolo: e grande interprete è sicuramente il brasiliano Nelson [continua a leggere]

    Print Friendly, PDF & Email
  • Lugano Musica
    Lugano Musica

    LAC Lugano Arte e Cultura è il centro culturale dedicato alle arti visive, alla musica e alle arti sceniche, che si candida a diventare uno dei punti di riferimento culturali della Svizzera, con l’intento di valorizzare un’ampia offerta artistica ed esprimere l’identità di Lugano quale crocevia culturale fra il nord [continua a leggere]

    Print Friendly, PDF & Email
  • Amici della Musica di Modena
    Amici della Musica di Modena

      L’associazione Amici della Musica di Modena opera senza finalità di lucro. Progetta e promuove numerose iniziative culturali e musicali a Modena e in provincia. Vive attraverso il lavoro di soci volontari, che donano impegno, competenza e professionalità. Propone esperienze di ascolto e di conoscenza, di incontro e di approfondimento, [continua a leggere]

    Print Friendly, PDF & Email
Nov 042014
 

Concerto di NataleConcerto di Natale - Opera San Francesco - MilanoAnche quest’anno la fondazione OSF promuove l’ormai tradizionale “Concerto di Natale” per i poveri Onlus a favore dei bisognosi che si terrà

mercoledì 10 dicembre alle ore 20,30 al teatro Dal Verme.

Fondata dai Frati Cappuccini di viale Piave a Milano, la OSF non si impgna soltanto a soddisfare i bisogni priari e reali di persone in grave difficoltà, ma offre loro anche ascolto e protezione. La serata ci aiuta dunque a ricordare chi, dal 1959 è a fianco di poveri ed emarginati per garantire loro non solo un piatto caldo e un cambio d’abiti, ma anche per promuovere la dignità dell’uomo attraverso l’impegno e la solidarie; il concerto è un’occasione per tutti di aiutare per aiutareoperasanfrancesco

I protagonisti della serata saranno l’Orchestra del teatro Carlo Felice di Genova, diretta dal Maestro Alvise Casellati e al pianoforte Andrea Bacchetti, soprano Francesca Paola Geretto. Il concerto è inserito all’interno della stagione 2014/2015  “Serate Musicali” e prevede l’esecuzione di alcuni tra i brani più belli e apprezzati dal pubblico. Si tratta di un viaggio nell’Europa dei grandi compositori a cavallo tra 700 e 800 che spazierà tra Italia, Vienna e Praga sulle note di Rossini, Mozart e Dvořák.

Intervenite numerosi!

PROGRAMMA:

G. ROSSINI               
Barbiere di Siviglia – Ouverture
Barbiere di Siviglia – Cavatina di Rosina “Una voce poco fa”

W. A. MOZART         
Nozze di Figaro – Ouverture
Aria “ch’io mi scordi di te” K 505 in mi bemolle per soprano, pianoforte e orchestra

A. DVORAK               
Sinfonia n. 9 “Dal nuovo mondo”

Biglietti da 11 a 60 euroesclusa prevendita

Per informazioni e prenotazioni:

Aragorn 02 465 467 467, da lunedì a venerdì – ore 10/13 e 14/17 biglietteria@aragorn.it

altre prevendite: www.ticketone.it; www.vivaticket.it

www.aragorn.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Set 292014
 

Muti e l'Opera di Roma“Vieni, o guerriero vindice,

Vieni a gioir con noi;

Sul passo degli eroi

I lauri e i fior versiam!”

Forse, come nelle intenzioni del popolo nella celeberrima Marcia Trionfale dell’opera Aida, anche gli orchestrali dell’opera di Roma aspiravano ad un Muti complice nell’inesorabile lotta sindacalista di CGL e Fials e magari, perché no, anche in una vincita. 

È in un clima di forte polemica con i sindacati che il Maestro lascia il teatro dell’opera di Roma, rinunciando così alla direzione delle due prossime opere: l’Aida di Verdi (per l’appunto!) e Le Nozze di Figaro di Mozart.

L’addio di Muti pare abbia a che fare con le tensioni e gli scioperi nel teatro, basti pensare ai primi fatti risalenti a febbraio, in occasione della prima di Manon Lescaut: una dozzina di sindacalisti  aveva invaso il suo camerino gridando: “deve dire se lei sta con noi o contro di noi!”. Già durante la prova ante generale, l’orchestra aveva proclamato un’assemblea selvaggia e del tutto improvvisa. Il Maestro Muti aveva dovuto attendere il ritorno degli orchestrali per quasi mezz’ora.

Un altro grave fatto ha inciso sulla situazione già di per sé critica: in occasione della tournée di giugno organizzata in Giappone con il maestro Muti, è stato necessario ingaggiare 30 musicisti per sopperire alla mancanza degli orchestrali  effettivi, spalla compresa, che, presentando svariati certificati medici, si sono rifiutati di partire.

In seguito al trionfo (nonostante gli impedimenti di carattere sindacale) della rappresentazione dell’opera Manon Lescaut di febbraio, venne donata al Maestro Muti una medaglia d’oro alla cultura italiana da parte della società Italia-Argentina. In quell’occasione, il direttore ci tenne a precisare che l’Italia possiede più del 60% dei beni culturali nel mondo. La rilevanza delle sue parole sarebbe da tenere sempre in considerazione.
Il Teatro dell’Opera di Roma ha perso, oltre che un grande direttore e musicista, un notevole promotore della nostra cultura nel mondo, che invita gli italiani a convivere con essa, a mantenerla  viva e ad esserne sempre orgogliosi. Ecco il video con tutto il suo intervento, in particolare ascoltare da minuto 04.14 in poi, direttamente su youtube:

Ma torniamo ad oggi: il 25 settembre 2014 Cgil e Fials hanno convocato la stampa nella sede nazionale del sindacato per spiegare la loro verità. Ci tengono a precisare che l’orchestra è sempre stata la più legata al Maestro.

Pasquale Faillaci, rsa di Cgl, afferma: “da parte nostra c’è sempre stato un rispetto profondo e mai nessuno sciopero ha bloccato una sua rappresentazione. La verità è che l’hanno voluto estromettere”. Secondo il sindacalista, ci sarebbero state delle divergenze tra Muti e il sovrintendente Fuortes; per la rappresentazione di Aida che aprirà la stagione 2015, nonostante la richiesta del direttore di rinforzare il coro con 40 elementi in più rispetto ai 96/98 già presenti, gliene avrebbe concessi solamente 20.

Intanto si parla anche di una chiusura concreta del teatro e il Sindaco Marino afferma: “Sarebbe una decisione estrema, ma è nel novero delle possibilità. Vorrei ricordare che anche Londra e Parigi, in un momento di difficoltà, hanno chiuso i rispettivi lirici e li hanno fatti ripartire da zero, diventando poi competitivi nel mondo”. 

Continua a leggere…

Print Friendly, PDF & Email
Set 132014
 

Oggi, sabato 13 settembre 2014, è apparso sulla “Provincia pavese” un magnifico articolo con la presentazione del nostro concerto di domani a Vigevano, “Schubertiade, vino e Sachertorte”. Ringraziando molto la brava giornalista Lucrezia Semenza, lo pubblichiamo qui:

 articolo provincia pavese del 13 sett 2014

Print Friendly, PDF & Email
Set 092014
 

Il Concerto “Al chiaro di luna in Castello, tenuto a Vigevano, nella seconda scuderia leonardesca del Castello Sforzesco il 7 settembre 2014, con il pianista Stefano Ligoratti che si è esibito in un programma tutto beethoveniano, con le tre Sonate “Patetica“, “Chiaro di Luna“, “Appassionata“, ha avuto un grande successo. La sala, gremita da un pubblico entusiasta, che ha tributato un tripudio di applausi all’artista, ha fornito una splendida acustica all’eccezionale performance, un evento davvero raro per qualità musicale e grande coinvolgimento emotivo del pubblico.

Pubblichiamo qui, per ora, una galleria di immagini e, presto, aggiungeremo i video dell’intero evento, attualmente in preparazione.

Trovate qui la scheda del concerto: http://www.classicaviva.com/blog/2014/09/01/vigevano-comunicato-stampa-di-sera-in-castello/

 

Print Friendly, PDF & Email
Set 012014
 
Vigevano-Stemma classica-viva-nero-trasp urban-farm-lab logo-diapason logo-progetto

“DI SERA, IN CASTELLO“ ARENA CASTELLO SFORZESCO – VIGEVANO

Comunicato stampa, con cortese preghiera di pubblicazione

La Conferenza Stampa ufficiale si terrà a Vigevano, presso il Comune, presso la saletta dell’Ufficio cultura, II piano, mercoledì 3 settembre 2014, alle ore 12

In occasione dell’iniziativa “di Sera, in Castello“, in corso presso il giardino del Castello Sforzesco di Vigevano fino al 28 Settembe 2014, l’Associazione Musicale ClassicaViva, con sede a Dorno, consorziata di Diapason Consortium, ha programmato, all’interno del più ampio Calendario Eventi della succitata iniziativa, una serie di esibizioni di musica classica, denominata

“Classica in Castello”

La rassegna concertistica si terrà al coperto, presso la Seconda Scuderia del Castello Sforzesco, accessibile dalla Piazza Ducale, alle ore 21,30, come di seguito dettagliato.

Ingresso libero con raccolta fondi ai sensi dell’art.143 art.3 comma a del T.U.I.R., per autofinanziamento.

 

Nello specifico si tratta di musica da camera, suonata al pianoforte, solista o in formazione di duo o trio (accompagnato da violino e violoncello). Per ulteriori informazioni, far riferimento al sito http://www.classicaviva.com  e http://www.diapason.itfoto seconda scuderia vigevano

Ecco il manifesto ufficiale della rassegna:

Manifesto rassegna Classica a Vigevano

Concerto di domenica 07  Settembre 2014 ore 21:30 Al chiaro di luna in castello

Recital Pianistico

Pianista: Stefano Ligoratti

Ludwig Van Beethoven(Bonn, 16 dicembre 1770 – Vienna, 26 marzo 1827)

  • Sonata n. 8 op. 13 in do min. “Patetica”:  – Grave – Allegro di molto e con brio – Adagio cantabile – Rondo: Allegro
  • Sonata n. 14 “Quasi una fantasia” op. 27 n. 2 in do# min. “Chiaro di Luna”– Adagio sostenuto– Allegretto – Presto agitato
  • Sonata n. 23 op. 57 in fa min. “Appassionata”– Allegro assai– Andante con moto- Allegro, ma non troppo- Presto
Concerto di domenica 14 Settembre 2014, ore 21:30 Schubertiade:Vino e Sachertorte

  • Duo Violoncello e Pianoforte
  • Trio Violino, Violoncello e Pianoforte
  • Duo pianoforte a 4 mani

Pianoforte: Stefano Ligoratti, Luca Ciammarughi, Danilo Lorenzini

Violino: Alessandra Pavoni Belli

Violoncello: Matilda Colliard

Franz Schubert (Vienna, 31 gennaio 1797 – Vienna, 19 novembre 1828)

  • Sonata per Violoncello e Pianoforte in la min. “Arpeggione” D. 821 – Allegro moderato – Adagio – Allegretto
  • Fantasia a 4 mani in fa min. D. 940 – Allegro molto moderato – Largo – Scherzo. Allegro vivace– Finale. Allegro molto moderato
  • Piano Trio n. 2 op. 100 in Mib magg.– Allegro– Andante con moto– Scherzando: Allegro moderato– Allegro moderato
Concerto di domenica 21 settembre 2014, ore 21,30

Appassionatamente:

Duo violoncello e pianoforte

Violoncello: Matilda Colliard
Pianoforte: Stefano Ligoratti

Ludwig Van Beethoven (Bonn, 16 dicembre 1770 – Vienna, 26 marzo 1827)

  • Sonata n. 3 op. 69 per Violoncello e Pianoforte in La magg.
    Allegro ma non tanto
    – Scherzo. Allegro molto
    – Adagio cantabile
    – Allegro vivace

Anton Rubinstein

(28 novembre 1829 – Peterhof, 20 novembre 1894)

  • Sonata n. 1 op. 18 per Violoncello e Pianoforte in Re magg.
    Allegro moderato
    – Moderato assai
    – Moderato
Concerto di domenica 28 settembre, ore 21,30

Hammering – Martellate

Pianoforte: Antonio Bologna

Il programma è un viaggio in punta di martelletti lungo tre secoli e largo tre continenti, Da Bach a Sakamoto, passando per i grandi romantici.

La rassegna è un viaggio attraverso la grande musica in uno scenario incantevole come quello del Castello di Vigevano: grandi-giovani interpreti saranno i protagonisti delle suggestive serate tra le colonne della splendida Scuderia Leonardesca. L’obiettivo è quello di avvicinare il pubblico alla musica classica attraverso l’interpretazione dei capolavori di grandi compositori, tra i quali giganteggiano Ludwig Van Beethoven e Franz Schubert.

Nella rassegna viene dato spazio, oltre a grandissimi classici come Beethoven e Schubert, all’originalità di un compositore come Anton Rubinstein, con la Sonata per Pianoforte e Violoncello n. 1, capostipite di un romanticismo al quale si ispirarono moltissimi celebri altri autori.

La prima serata, “Al chiaro di luna in Castello”, in programma domenica 7 settembre 2014, vede lo straordinario pianista Stefano Ligoratti, principale protagonista di tutta la rassegna, affrontare le tre sonate pianistiche più famose di Beethoven, ossia:

  • Sonata n. 8 op. 13 in do min. “Patetica” – Grave – Allegro di molto e con brio
  • Sonata n. 14 “Quasi una fantasia” op. 27 n. 2 in do# min. “Chiaro di Luna”
  • Sonata n. 23 op. 57 in fa min. “Appassionata”

Nel concerto di domenica 14 Settembre 2014, alle ore 21:30 si terrà una vera e propria “Schubertiade” – denominata “Vino e Sachertorte” perché nel chiosco del Parco saranno disponibili vino e la famosa torta viennese al cioccolato denominata “sachertorte”.

Il Concerto presenta musica da camera, che verrà eseguita da tre diverse formazioni, ossia:
Duo Violoncello e Pianoforte
Trio Violino, Violoncello e Pianoforte
Duo pianoforte a 4 mani

Pianoforte: Stefano Ligoratti, Luca Ciammarughi, Danilo Lorenzini
Violino: Alessandra Pavoni Belli
Violoncello: Matilda Colliard

Il programma prevede tre dei più grandi capolavori di Schubert, ossia:

  • Sonata per Violoncello e Pianoforte in la min. “Arpeggione” D. 821
  • Fantasia a 4 mani in fa min. D. 940
  • Piano Trio n. 2 op. 100 in Mib magg.

Il concerto di domenica 21 settembre, intitolato “Appassionatamente”, vedrà il duo violoncello e pianoforte di Matilda Colliard e Stefano Ligoratti eseguire:

  • di Ludwig Van Beethoven, la Sonata n. 3 op. 69 per Violoncello e Pianoforte in La magg.
  • e, di Anton Rubinstein, la Sonata n. 1 op. 18 per Violoncello e Pianoforte in Re magg.

Il concerto di domenica 28 settembre, con interprete Antonio Bologna, denominato “Hammering” – “Martellate”, è un viaggio in punta di martelletti lungo tre secoli e largo tre continenti, Da Bach a Sakamoto, passando per i grandi romantici.

Una occasione per verificare le costanti che in ogni luogo ed epoca animano il desiderio dell’uomo.

Gli interpreti

Concerto-Eroico-0069 matilda2
 Stefano Ligoratti  Matilda Colliard
LucaCiammarughi2-239x300 Danilo-Lorenzini
 Luca Ciammarughi Danilo Lorenzini  
pavoni-belli antonio-bologna2
 Alessandra Pavoni Belli  Antonio Bologna

 

Continua a leggere…

Print Friendly, PDF & Email
Vieni alla nostra rassegna di lezioni-concerto a Milano alla Palazzina Liberty!