Giu 032011
 

Dopo gli straordinari appuntamenti con Bruno Monsaingeon, Frank Scheffer e Larry Weinstein il tradizionale appuntamento all’insegna del rapporto tra musica e cinema proposto da “Impara l’arte” – la Rassegna padovana dedicata agli studenti dell’Università giunta quest’anno alla decima edizione – sarà dedicato quest’anno a Tony Palmer. Il celebre regista britannico sarà presente a Padova (dal 6 al 9 giugno 2011, al Cinema MPX di via Bonporti 22) per la personale a lui dedicata nell’ambito del ciclo “L’arte di filmare la musica”, dove presenterà alcuni titoli tratti dalla propria vastissima filmografia e terrà una lezione magistrale (8 giugno) dal titolo “Comunicare la musica attraverso le immagini”.

La manifestazione è promossa da Amici della Musica di Padova, Centro d’Arte degli Studenti dell’Università di Padova e Orchestra di Padova e del Veneto  con il sostegno di ESU e di Università di Padova, cui si affiancano l’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova e Fondazione Antonveneta, ed è inserita nel programma del Festival della Comunicazione (Padova, 3-8 giugno 2011, www.festivaldellacomunicazione.org).

Tony Palmer è tra i più celebri registi di film-documentari sulla musica.  Le sue opere includono oltre 100 film, dagli esordi  con Beatles, Cream, Jimi Hendrix e Frank Zappa (200 Motels), fino ai suoi ritratti d’artisti classici, tra i quali si ricordano quelli di Maria Callas, Margot Fonteyn, John Osborne, Igor Strawinsky, Richard Wagner, Yehudi Menuhin, Carl Orff, Benjamin Britten e Ralph Vaughan Williams.

Tra gli oltre quaranta premi ricevuti per i suoi lavori ci sono dodici gold medals da parte del New York Film Festival e numerosi BAFTAs e Emmy Awards. Palmer ha vinto due volte il Prix Italia per “A time there Was” nel 1980 e “At the Haunted End of the Day” nel 1981. E’ membro della Royal Geographical Society e cittadino onorario di New Orleans e Atene.

Oltre ai film, Tony Palmer è stato regista teatrale e d’opera. A seguito del debutto nella Opera House di Zurigo con “Peter Grimes” (“Il momento più alto della stagione” – Neue Zürcher Zeitung), ha avuto un doppio trionfo a Karlsruhe, “War and Peace”, e nuovamente a Zurigo con il capolavoro di Berlioz, “The Trojans” (“meraviglioso” – London Daily Express). A San Pietroburgo, ha curato la regia della prima russa di “Parsifal” (“classe immensa” – The Times), diretto da Valery Gergiev, con Placido Domingo. Ha diretto anche ad Amburgo, Monaco, Augusta, Savonlinna, Berlino ed Helsinki e recentemente è entrato nella storia per essere stato il primo regista occidentale ad aver lavorato al Bolshoi a Mosca.

“Parsifal” ha ricevuto il riconoscimento come migliore produzione teatrale (“Casta Diva”) a Mosca nel 1997, così come una “Golden Mask”. Sul West End stage ha diretto la prima mondiale di “Look Back in Anger Part Two, Déja Vu” di John Osborne. Tony Palmer ha presentato inoltre il programma d’arte “Night Waves” in onda su BBC Radio 3, per il quale ha vinto un Sony Award come miglior programma d’arte. Tony Palmer ha pubblicato svariati libri e ha scritto per quotidiani e riviste.

Gli eventi in programma:

Lunedì 6 giugno, ore 19

“A Time There Was” (1979), un film su Benjamin Britten e Peter Pears, vincitore del Prix Italia & BAFTA. “Il più appassionante film mai dedicato a un compositore”

Lunedì 6 giugno, ore 21

“Wagner” (1987), con Richard Burton, Lawrence Olivier, John Gielgud e Vanessa Redgrave, vincitore di numerosissimi premi tra i quali ‘Best Drama’ ai Film Festival di New York e Londra, “Un capolavoro” (The Sunday Times), “Uno dei più bei film mai girati” (Los Angeles Times), “Un film monumentale… un lavoro d’arte… autenticamente visionario” (Der Spiegel)

Martedì 7 giugno, ore 20.15

Lezione magistrale  “Comunicare la musica attraverso le immagini”

“Bird On A Wire” (1972), con Leonard Cohen

Mercoledì 8 giugno, ore 21

“O Thou Trascendent” (2007), il primo lungometraggio dedicato a Ralph Vaughan Williams, trasmesso dalla Televisione britannica con entusiastica accoglienza, “Il punto di riferimento per i decenni a venire” (The Telegraph), “Un capolavoro ipnotizzante” (The Observer”), decretato DVD del mese subito dopo la sua uscita da BBC Music Magazine

Giovedì 9 giugno, ore 19

“At The Haunted End Of The Day” (1980), un film sul compositore William Walton, vincitore del Prix Italia

 Giovedì 9 giugno, ore 21

“Callas”, un profilo di Maria Callas (1987), ‘Gold medal’ come miglior documentario, New York Film&TV Festival & BAFTA, “Un film meraviglioso, un’esperienza profondamente commovente, davvero superbo” (Daily News)

Biglietti: € 5 intero, € 3 ridotto speciale studenti universitari, disponibili anche in prevendita al botteghino del Cinema MPX

Info e programma: Orchestra di Padova e del Veneto, tel. 049 656848, www.imparalartepadova.it.

 

Print Friendly, PDF & Email
Mag 192011
 

Milano Musica, in collaborazione con il Teatro alla Scala, promuove Costruire con la musica, prima raccolta italiana di strumenti per le scuole di musica in Medio Oriente e Africa in partenariato con Music Fund, e per il nascente Sistema delle Orchestre e dei Cori infantili e giovanili in Italia.

Nello spazio ex-industriale del Padiglione Visconti dei Laboratori Scala-Ansaldo, in via Tortona 58, dalle 11 alle 22 di domenica 29 maggio, i donatori potranno portare i loro strumenti, che verranno accolti ed esaminati dai docenti e allievi delle Scuole di Liuteria di Milano e di Cremona all’interno di laboratori appositamente allestiti. Gli strumenti raccolti saranno catalogati e schedati mediante una carta d’identità  che permetterà  al donatore di seguirne la storia e il percorso in Italia o nel mondo.

Contemporaneamente, e per tutta la giornata, numerosi artisti della scena della musica classica, jazz e pop, introdotti da Saul Beretta e Carlo Lanfossi, si alterneranno sui vari palchi in cui è organizzato lo spazio.

La giornata si apre alle 11 con la FuturOrchestra diretta da Daniele Rustioni e proseguirà  con la partecipazione di Alfonso Alberti, la Civica Orchestra di Fiati di Milano, Emanuele Segre, Oleg Vereshchagin, I Piccoli Pomeriggi Musicali diretti da Daniele Parziani, Enrico Dindo e Monica Cattarossi, il Divertimento Ensemble, Alice Baccalini, Eugenio Finardi con Filippo Del Corno e Andrea Rebaudengo di Sentieri Selvaggi, Bruno Canino, Antonio Ballista, Franco Fabbri, mdi ensemble, Emanuele Arciuli, Francesca Dego e Francesca Leonardi, Enrico Intra, Giovanni Falzone, Andrea Lucchesini. La giornata si concluderà con un contributo di Moni Ovadia.

Sarà  possibile donare strumenti acustici o elettrici di ogni tipo, purché in buone condizioni.

Chi desidera donare strumenti musicali di grandi dimensioni (pianoforti, arpe o altri di simile ingombro), o necessita di assistenza per la consegna, potrà  contattare l’Associazione Milano Musica per maggiori informazioni (costruireconlamusica@milanomusica.org  – tel. +39.02.2040.3478).

Ingresso libero

 

Print Friendly, PDF & Email
Feb 252009
 

Gli Swingle Singers con Maria PetrescuRiceviamo questo articolo dalla nostra collaboratrice Maria Petrescu (la seconda da destra, in basso, nella foto che la ritrae con gli Swingle Singers), cui diamo un cordialissimo benvenuto nel nostro staff giornalistico, con il quale collaborerà sia come giornalista che come fotografa ed esperta di grafica.

Il 21 febbraio 2009 si è tenuto al Conservatorio di Torino il concerto del gruppo a cappella The Swingle Singers.

La storia del gruppo comincia nel lontano 1962 a Parigi, con Ward Swingle, Anne Germain, Jeanette Baucomont, Jean Cussac e Christiane Legrand. Ora il gruppo è composto da otto elementi: due soprani  (Joanna Goldsmith e Sara Brimer), due mezzosoprani (Clare Wheeler e Lucy Bailey), due tenori (Richard Eteson e Christopher Jay) e due bassi (Kevin Fox e Tobias Hug). Il gruppo riscuote anche oggi un grande successo in tutto il mondo sebbene nessuno di questi facesse parte del gruppo originario: dimostrazione della continua ricerca dell’eccellenza che ha caratterizzato il loro percorso musicale fin dai primi anni.
Gli Swingle Singers sono specializzati nell’interpretazione di brani a cappella di vari generi musicali, soprattutto di musica classica. E’ famosa la loro versione dell’Aria sulla quarta corda di Bach, diventata la sigla del programma televisivo Superquark di Piero Angela.

Il concerto del 21 febbraio al Conservatorio di Torino è stato semplicemente un successo. A cominciare dal tutto esaurito e finendo con il secondo bis*, tutta la serata è stata un inno alla perfezione.
Sono stati eseguiti brani di svariati generi musicali, un perfetto esempio della singolare contaminazione tra generi che gli “Swingle Singers” propongono. Da Purcell a Piazzolla, da Bach a Chopin, da Björk a Sting: non solo una scelta di repertorio audace, ma anche una tecnica impeccabile ed una straordinaria pulizia delle voci. Possono sembrare un’orchestra sinfonica, un coro oppure un complesso jazz a seconda del brano interpretato. Il tutto con una levità e precisione fuori dal comune.
Spetta a Hugh Walker, ingegnere del suono del gruppo, garantire la resa acustica in concerto. Non è certamente facile con otto microfoni sul palco, il rientro in cuffia per ognuno, l’amplificazione, i riverberi e le casse a pochi passi di distanza dai cantanti.

Riporto un frammento dell’intervista di Marco Basso a Kevin Fox:
In tanti anni di attività cambiano i cantanti, ma non il senso artistico degli Swingle
“La nostra filosofia non è mai cambiata: usare la voce in modo strumentale e fondere stili differenti di musica per creare qualcosa di nuovo. Questi princìpi ci hanno permesso di avere forza, energia e idee musicali durature, cosicché il gruppo, dopo quarantasei anni di attività. sta ancora andando forte. Naturalmente i tempi, i cantanti, le tecnologie, il repertorio sono cambiati, ma questo è positivo oltre che necessario.”

“Perché avete scelto la forma del canto a cappella?”
“La voce è il più immediato di tutti gli strumenti: fra esecutore e ascoltatore non c’è altro. E’ anche estremamente versatile: non ci sono limiti a quanto si possa fare con la voce. Così amiamo forzarne i confini ed esplorarne le possibilità.”

Non sono mancati, durante la serata, frizzanti interventi da parte dei cantanti, brevi intermezzi in italiano che hanno letteralmente deliziato il pubblico, nonché dimostrazioni delle capacità vocali di Kevin Fox e Tobias Hug.

Gli Swingle Singers non sono solo degli artisti di fama internazionale; sono anche e soprattutto delle persone splendide. Quel che più mi ha colpito (più del concerto, più della tecnica e della loro perfezione vocale) è stato quel Happy Birthday cantato a mezzanotte per telefono ad un amico.
Non posso fare altro che ringraziarli per la loro disponibilità e per la loro bellissima musica.
Di una gentilezza d’altri tempi, pacati e precisi; del resto la musica che fanno richiede appunto questo: una perfetta armonia.

Si ringrazia l’Associazione Stefano Tempia per aver reso possibile questa magnifica serata.
La foto qui sopra mi ritrae insieme al gruppo dopo il concerto.
Più foto sono disponibili qui.

*Il secondo bis è stato “Bella ciao”

Maria Petrescu

Print Friendly, PDF & Email
Lug 232008
 

Constantin PetrescuOggi è il compleanno di Constantin Petrescu, il nostro responsabile tecnico, il mio braccio destro e nostro musicista, oltre che amico carissimo: ebbene, oggi noi di ClassicaViva  ci prenderemo un giorno di vacanza, e lo festeggeremo in giardino. Stefano improvviserà a ruota libera, Constantin, spero, imbraccerà il suo clarinetto… e sarà davvero festa.

Come condividere con voi questo momento felice? Guardate questo video speciale: un grande pianista declina in cento modi diversi un travolgente “Happy Birthday”, alla maniera dei grandi compositori del passato.

Buon compleanno, quindi, a Constantin, e auguri anche a tutti voi per i vostri prossimi compleanni: provate a fare vedere questo video ai vostri amici… Victor Borges, dal lontano 1951, ci regala ancora momenti di pura e geniale arte e ironia…

hkkHz8xq7lE

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Print Friendly, PDF & Email
Giu 262008
 

Villa Simonetta a MilanoSegnaliamo con piacere una serie di bei concerti a ingresso libero, per tutti gli amanti della grande musica: dal 20 giugno all’11 luglio 2008, a Milano, a Villa Simonetta.

Villa Simonetta diventa la Villa della Musica: a partire da venerdì 20 giugno 2008,  infatti,  la Villa si popolerà di musicisti e di appassionati della musica classica e jazz.

a cura di: Accademia Internazionale della Musica- Fondazione Scuole Civiche di Milano
Milano, cortile di Villa Simonetta – via Stilicone, 36
dal 20 giugno all’ 11 luglio 2008 (ingresso libero).
Orario dei concerti: 21.30.

Ecco il calendario dei prossimi concerti:

Continua a leggere…

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Print Friendly, PDF & Email
Giu 222008
 
ClassicaViva - Concerti ad Alghero

Vi annuncio con piacere un matrimonio: quello della cultura con la bellezza della natura, i due patrimoni più grandi e preziosi del nostro Paese. Abbiamo creato un evento speciale, che unisce la grande musica classica, proposta dai nostri giovani, magnifici artisti italiani, a una delle gemme del patrimonio naturalistico sardo, Alghero.

Ecco quindi una potente sinergia, che coniuga la magia della musica e il fascino delle incantate bellezze della riviera del corallo, dando vita a un’indimenticabile ed emozionante esperienza. Luoghi ricchi di storia e famosi in tutto il mondo per l’incanto del mare, dei colori e dei parchi naturali offrono una cornice perfetta ad un soggiorno immerso nel piacere dell’ascolto della grande musica, in compagnia degli artisti. “Travel & More”, storica agenzia di viaggi di Alghero, in collaborazione con il nostro Network musicale, propone quindi una novità assoluta:

“Musica & Relax”

  • Una vacanza in Sardegna in uno degli hotel in Alghero più prestigiosi dell’Isola, il Carlos V, con una vista incantevole sul mare verde smeraldo della Riviera del Corallo.
  • Quattro imperdibili concerti proposti dai giovani talenti di “Classica Viva”
  • Concerto d’organo nella Basilica

E in particolare… i partecipanti potranno “vivere la musica” in comunione con gli artisti, condividendo con loro il quotidiano del soggiorno, e godendo dell’opportunità di partecipare a incontri pomeridiani per approfondire i temi musicali della sera…

Tutti i particolari su http://www.musicadove.com

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Print Friendly, PDF & Email
Nov 272007
 

Ancora un brano, ancora i nostri Constantin Petrescu al clarinetto, e Simone Pionieri, al pianoforte, nello stesso concerto jazz “live”.

E visto che si tratta di una “Lullaby”, una ninna nanna, vi auguro ancora buonanotte con questa dolce musica.

Ines

Print Friendly, PDF & Email
Nov 272007
 

Se vi è piaciuto il post di ieri, allora vi posto un altro brano.

Si tratta dello stesso musicista, stavolta al clarinetto invece che al sax.

Constantin PetrescuNon voglio lasciarvi sulle spine, e svelo l’arcano. Si tratta di Constantin Petrescu, in una grande performance jazz dal vivo, in un concerto – ça va sans dire – Organizzato da ClassicaViva a Dorno il 6 ottobre 2007.

E il pianista? E’ Simone Pionieri il grande… grande virtuoso, grande pianista classico e anche grande improvvisatore. Coppia favolosa.

Godetevi questo pezzo.. si tratta di “Misty”.

Ines

Print Friendly, PDF & Email
Nov 262007
 

Cari amici, voglio augurarvi una dolce buonanotte con le note del meraviglioso sax di un grande musicista e di un grande amico mio, un grande artista, uno dei nostri di ClassicaViva, naturalmente…

Il brano è “in the sentimental mood”.

Visto che non gli ho chiesto il permesso, e si tratta di una registrazione presa da un concerto dal vivo… non vi dico chi è il sassofonista. E nemmeno chi è il pianista. Ma non è niente male, vero?

Fatemi sapere cosa ne pensate. Postate, gente, postate,

Buon ascolto, con amore, e buona notte, da noi di ClassicaViva.

Ines

[display_podcast]
Print Friendly, PDF & Email
Vieni alla nostra rassegna di lezioni-concerto a Milano alla Palazzina Liberty!