Gen 082017
 
Haitink e la Mozart, mirabilia

Questo pomeriggio, al bellissimo LAC di Lugano, si è tenuto uno dei due concerti che hanno segnato il ritorno all’attività dell’Orchestra Mozart nel suo organico completo (l’altro era a Bologna, il 6 gennaio). La compagine fondata da Claudio Abbado, e da lui diretta per dieci anni, aveva sospeso nel 2014 la sua attività. Questa ripresa [continua a leggere]

Print Friendly, PDF & Email
Dic 122016
 
Requiem di Mozart alla Scala, un ritorno con luci e ombre

Il Requiem Kv 626 di Mozart mancava da moltissimo tempo alla Scala: fa piacere, quindi, che in occasione del 225° anno dalla morte del salisburghese il Teatro milanese abbia deciso di proporlo, accostato a quell’altra vetta che è la Sinfonia concertante Kv 364. In cartellone era previsto come direttore il tedesco di origini ungheresi Christoph [continua a leggere]

Print Friendly, PDF & Email
Dic 082016
 
Prima della Scala: il successo della Ur-Butterfly e le isterie collettive

Ero in Teatro per l’attesa Madama Butterfly che ha aperto la stagione scaligera 2016-2017, proposta nella prima versione originale, del 17 febbraio 1904. Una Prima preceduta da dibattiti accesi sul fatto che fosse cosa buona (o, al contrario, aberrazione) proporre per il tradizionale appuntamento di Sant’Ambroeus una versione che Puccini modificò. Ma, come ci ricorda [continua a leggere]

Print Friendly, PDF & Email
Dic 032016
 
L'inattuale dolcezza di Maria João Pires

Maria João Pires è una pianista che suscita amori immensi o immensa indifferenza: conosco persone che la amano a priori, per il suono luminoso e soave, per la profondità umana e quindi musicale, per la tenacia con cui, così minuta, ancora a settantadue anni affronta i palcoscenici con la determinazione e la concentrazione di sempre; [continua a leggere]

Print Friendly, PDF & Email
Ott 182016
 
Louis Lortie, il messaggero

Il mio primo ricordo di Louis Lortie risale agli anni novanta, quando, in un mensile che oggi non esiste più (PianoTime), lessi un’intervista in cui il pianista québécois rispondeva alle domande con disarmante sincerità, ma anche sense of humour. << Vorrei studiare l’opera pianistica di Ligeti; ci penso da circa due anni, ma per farlo [continua a leggere]

Print Friendly, PDF & Email
Ott 032016
 
Mozart sul tram #4 Rina Sala Gallo International Competition 2016

Elettra: Non dovevo berlo, quel caffè shakerato! Stanotte di sicuro non dormirò. Florent: Ma non lo bevi mai il caffé. Dovevi venire a Monza per berlo? Elettra: Lo sai che quando vado in un posto in cui non sono mai stata devo sempre fare qualcosa di inusuale. Florent: Io invece non dormirò per quel Concerto [continua a leggere]

Print Friendly, PDF & Email
Ago 242016
 
Addio, Daniela Dessì

Daniela Dessì visse d’arte. Possiamo anche dire che visse d’amore, esattamente come la sua Tosca interpretata in maniera semplicemente divina. E’ il suo amore e compagno di vita da 16 anni a ricordarla il giorno del suo funerale: “Gli occhi sono lo specchio dell’anima e le nostre anime si sono sempre parlate. Ho condiviso con te 16 anni [continua a leggere]

Print Friendly, PDF & Email
Giu 022016
 
Libetta, splendori ed enigmi

Nell’era di facebook e dei social network, il critico non può più far finta di non conoscere personalmente molti degli artisti che ascolta e di cui scrive, né di ostentare quell’atteggiamento super partes che era un tempo tipico di figure che ostentavano -a volte in modo un po’ tristanzuolo- cinismo, presunzione e soprattutto distanza dal [continua a leggere]

Print Friendly, PDF & Email
Mag 072016
 
La fanciulla del West, oltre i cliché  - di Luca Ciammarughi

Scrivere a proposito de La fanciulla del West di Puccini, vista al Teatro alla Scala il 3 maggio, in occasione della prima rappresentazione della nuova produzione con la regia di Robert Carsen e la direzione di Riccardo Chailly, necessita di una piccola premessa: io non sono né uno studioso di Puccini, né un ascoltatore che abbia [continua a leggere]

Print Friendly, PDF & Email
Apr 272016
 
Che cosa significa insegnare? (Parte prima) - di Artin Bassiri Tabrizi

“A volte si deve estrarre un’espressione dal linguaggio, farla pulire, – e poi si può rimetterla in circolazione.” Così scriveva Wittgenstein, e noi vogliamo seguire questa esortazione per un’espressione che pullula nelle nostre esistenze, ma che non sembra essere mai stata troppo meritevole di una degna attenzione : che cosa significa “insegnare”? In maniera analoga [continua a leggere]

Print Friendly, PDF & Email
Vieni alla nostra rassegna di lezioni-concerto a Milano alla Palazzina Liberty!