Lug 302011
 

Festival 2011 “Musica…  il mosaico dell’aria” all’Hotel MyVitalis di FolgariaA Folgaria si sta svolgendo il MY VITALIS MUSIC FESTIVAL, dal 17 LUGLIO – 07 AGOSTO 2011, con il Programma qui di seguito dettagliato.
Il Festival è promosso dall’Associazione culturale My Nature Top Club, con la Direzione aritistica del Maestro Antonello D’Onofrio.

Il concerto conclusivo del 7 agosto vedrà protagonista l’Orchestra di ClassicaViva, diretta dal Maestro Stefano Ligoratti, con un bel programma tutto mozartiano.

Tutti gli eventi saranno trasmessi in diretta da Radio Dolomiti, ascoltabile in diretta streaming Internet da questo link: http://www.radiodolomiti.it/streaming/streaming.php, e alle seguenti frequenze: http://www.radiodolomiti.it/news/radio_lay_notizia_01.php?id_cat=35&id_news=44 

PROGRAMMA

DOMENICA 17 luglio:  NOTE D’ORIENTE ore 21.00
Quartetto voce, violoncello, pianoforte e chitarra tradizionale iraniana
Violoncello: BABAK KHAYAMI, pianoforte SHADI ZENDEDEL, chitarra tradizionale MEDHIR KHAYAMI
Musiche di:  F. Schubert, P. Tchaikovsky M. Khayami , brani tradizionali Armeni e Persiani

SABATO 23 luglio : concerto IBERIA BALCANICA ore 21.00
Duo pianoforte 4 mani: MAJA MATIJANEC / LOLA GAITAN SANCHEZ
musiche di: S. Rachmaninov, P. Tchaikovsky, M. DeFalla , A. Dvorak, J. Brahms

DOMENICA 24 luglio: HOMMAGE A CHOPIN ore 21.00
Pianoforte : M°ANDREA SOLINAS
Musiche :  F. Chopin

MARTEDI 26 luglio: CONCERTO TRIO CROMATIQUE ore 21.00
Pianoforte:  Renata Benvegnu, violino: Lucrezia Brinckmeier , violoncello: Ingrid Ruko
Musiche:   A. Grosso , J. Haydn, A. Piazzolla, R. Schumann, H. Wieniawsky

GIOVEDI 28 luglio: “QUARTETTO SERRA JAZZ ” ore 21.00
Jazz fusion
Piano, batteria ,chitarra, tromba

VENERDI 29 LUGLIO: ” TOUCH & GO ” Charley Deanesi e Luca Tocco ore 21.00
West Coast Country Music

SABATO 30 luglio: ” FREE GOSPEL BAND” ore 21.00
Esibizione di Coro Gospel

DOMENICA 31luglio: RECITAL MAGIE AL PIANOFORTE ore 21.00
Pianoforte: GIUSEPPE ANDALORO/TIJANA ANDREIJC
Musiche di: R.Schumann, C.Debussy , F.Liszt, M.Ravel

VENERDI 5 agosto: CONCERTO VOCE D’ITALIA ore 21.00
Serata di liriche italiane per festeggiare i 150 anni dell’unità
Duo piano e voce:
Pianoforte: MARCO BORRONI Soprano: ELSA GALASIO
Musiche : P. Tosti, G. Puccini, G. Verdi

SABATO 6 agosto: IL PIANOFORTE ROMANTICO ore 21.00
Recital piano solo
Pianoforte : M° ALBERTO LODOLETTI
Musiche: F. Chopin,F. Liszt

DOMENICA 7 agosto : Concerto per pianoforte ed orchestra e concerto per clarinetto ed orchestra di MOZART ore 21.00
Solisti: ANTONELLO D’ONOFRIO pianoforte – LORENZO LAURINO clarinetto
Direttore: STEFANO LIGORATTI orchestra: “ClassicaViva”

Musiche:  MOZART, concerto per pianoforte ed orchestra KV 467, MOZART, concerto per clarinetto ed orchestra KV 622, MOZART, divertimenti

Lug 282011
 

Ilenia Torsello e Stefano LigorattiXV RASSEGNA MUSICALE DEI MIGLIORI DIPLOMATI DEI CONSERVATORI E DEGLI ISTITUTI MUSICALI PAREGGIATI D’ITALIA – Terra del Sole – Sala Concertistica c/o Palazzo di porta Romana

VINCITORI IN CONCERTOgiovedì 28 luglio 2011, ore 21.00

La serata del 28 luglio sarà dedicata al concerto di ILENIA TORSELLO (clarinetto, si veda il suo curriculum in fondo a questo articolo) e  STEFANO LIGORATTI (pianoforte), vincitori delle precedenti edizioni della Rassegna Musicale dei Migliori Diplomati.

Ecco il programma della serata:

  • Norbert Burgmuller: Duo Op. 15
  • Carl Maria von Weber: Gran Duo Concertante Op.48
  • Francis Poulenc: Sonata
  • Claude Debussy: Premiere Rhapsodie 

La Rassegna, frutto di una felice intuizione del M° Monaldo Braconi, fin dall’inizio suo Direttore Artistico, fatta propria dall’Amministrazione Comunale di Castrocaro Terme e Terra del Sole, da sempre attenta e vicina ai giovani e alle loro necessità, organizzata con entusiasmo dall’Associazione Castrocaro Classica” e dalla locale Scuola di Musica “G. Rossini”, dopo aver felicemente doppiato il traguardo dei “primi” dieci anni approda alla tredicesima edizione.Da quel primo timido tentativo nel 1997 per il quale si temeva sia l’indifferenza dei giovani musicisti verso un nuovo “altro concorso” che si sommava ai tantissimi già collaudati, sia il disinteresse di un pubblico più abituato ad “altra musica”, tanta strada è stata fatta, al punto che la Rassegna è ormai un punto fisso nel panorama delle opportunità riservate alle giovani promesse lirico strumentali.

Continua a leggere…

Lug 272011
 

Giuseppe Nova, flauto e Sara Terzano, arpa

  • Chieri (Torino), Giovedì 28 Luglio 2011
  • Trezzo Tinella (Cuneo), Venerdì 29 Luglio 2011
  • Montesegale (Pavia), Lunedì 1 Agosto 2011

Giovedì 28 Luglio 2011 Chieri Musica 2011 Musica nei Cortili Medioevali Musiche di: A. Marcello, J. S. Bach, J. Naderman – Tulou, J. Massenet, C. Salzedo, G. Bizet

Cortile della Casa Famiglia Solaro  (sec. XIV – XV) Ex Ghetto Ebraico – Via della Pace, 8 CHIERI (TORINO) ore 21,30  – ingresso libero e gratuito

Venerdì 29 Luglio 2011

Suoni dalle Colline di Langhe e Roero – ALBA MUSIC FESTIVAL

Chanson dans la nuit

Musiche di: J.S. Bach, L.M. Tedeschi, J. Naderman – Tulou, J. Ibert, G. Bizet, C. Salzedo

Chiesa della Madonna Addolorata Località Cappelletto TREZZO TINELLA  (CUNEO)

ore 21   – ingresso libero e gratuito

Concerto organizzato in un Comune sede di Tappa della Strada Romantica delle Langhe e del Roero, in collaborazione con l’omonima Associazione

Lunedì 1 Agosto 2011 Festival Borghi e Valli. Benvenuti al Castello: dolci arie tra la terra e il cielo

Musiche di: C.W. Gluck, G. Donizetti, J. Naderman – Tulou, L.M. Tedeschi, J. Massenet, G. Bizet Castello di Montesegale MONTESEGALE  (PAVIA) ore 21,15  – ingresso libero e gratuito

Lug 242011
 

Nell’ambito del Festival Federico Cesi 2011 che si terrà dal 21 al 27 Agosto ad Acquasparta (TR) si potrà partecipare al workshop “Tecniche costruttive e messa a punto dei pianoforti” tenuto da Luigi Borgato progettista  e costruttore di  pianoforti gran coda da concerto di concezione innovativa, costruiti interamente a mano e apprezzati da noti pianisti di fama internazionale. (Nella foto il Pianoforte Borgato, suonato dal Maestro Stefano Ligoratti)

Lug 242011
 

Il Festival di Clusone (Bergamo) Settimana in Musica (dal 4 al 7 Agosto 2011) festeggia quest’anno la sua quinta Edizione: un motivo di felicità per chi lo ha visto crescere e divenire sempre più amato da un pubblico di affezionati, nonostante le difficoltà e gli imprevisti che ogni manifestazione artistica oggi in Italia porta con sé.

Benché artisti di fama abbiano animato in questi anni il Festival, lo spirito che ha permeato di sé le giornate clusonesi si è sempre mantenuto fedele all’idea originale: quella di un “far musica” fondato innanzitutto sul piacere artigianale della creatività musicale, fondamento imprescindibile per l’accesso a una dimensione estetica. In un’epoca in cui l’evento sembra più importante del processo che porta ad esso, si è sempre scelto di muoverci controcorrente, partendo dall’idea che il “far arte”, possibilmente con un obiettivo comune, sia più importante del produrre oggetti artistici.

Per questi motivi, forti di una presenza di pubblico che nelle passate edizioni superava le 5000 presenze per anno, si è deciso di mantenerci fedeli a una linea di valorizzazione di quel repertorio cameristico e liederistico che in Italia rimane incredibilmente difficile da sdoganare. La chiave di volta è stato il successo suscitato dai Lieder di Schubert e Schumann nella scorsa edizione, a fronte di un pubblico quasi completamente a digiuno di questo genere di musica: un segnale chiaro del fatto che la curiosità delle persone è maggiore di quanto sostengano molte istituzioni.

Quest’anno l’apertura di giovedì 4 Agosto alle ore21 prevede i sublimi Liebesliederwalzer di Brahms nella versione cameristica, con un Quartetto vocale d’eccezione coordinato dal tenore Mirko Guadagnini: musica che sa stupire in quanto spettacolo dell’anima, eclatante e intima al tempo stesso. Il Festival prosegue su un filo rosso squisitamente cameristico, senza però rinunciare al principio di varietas che lo ha sempre contraddistinto: così venerdì 5 Agosto il concerto-aperitivo pomeridiano esplora la Parigi Belle-époque attraverso lo charme sonoro del duo flauto-pianoforte (Francesco Tomezzoli e Danilo Lorenzini), mentre l’appuntamento serale è un’immersione in due capolavori del repertorio per violoncello e pianoforte, le Sonate di Chopin e Shostakovich, affrontate dai giovani talenti Chiara Burattini e Cosimo Filippini.

Ancora la Francia è protagonista dell’appuntamento pomeridiano di sabato 6 Agosto, con la voce di Francesca Scaini (premio Callas 2001) e il pianoforte di Mattia Ometto: accanto alle mélodies di due compositori maggiori come Debussy e Saint-Saëns, il duo ci regala preziose rarità di Reynaldo Hahn, D’Indy ed Enescu. Nel concerto serale, invece, il duo pianistico Luca Ciammarughi – Danilo Lorenzini affronta due mondi opposti e complementari: quello austro-tedesco di Schubert e Schumann, fremente di dolore e passione, e quello francese di Bizet e Ravel, porta d’accesso a un Novecento che può farsi gioco liberatorio (Jeux d’enfants) o danza venata di spirito dionisiaco (Boléro).

Il quadro geografico-musicale si fa ancora più ricco con il concerto-aperitivo di domenica 7 Agosto, dedicato alla Spagna: sarà un’interprete andalusa, Maria Dolores Gaitan Sanchez, a condurci in un viaggio iniziatico ai misteri, le sensualità, le luci sfavillanti e gioiose o le ombre magico-esoteriche della sua terra, e dei compositori che l’hanno cantata: Falla, Albeniz, ma anche Debussy e Ravel. La chiusura, con il duo violino e pianoforte dei gemelli Jacopo e Luca Ciammarughi, ci riporta circolarmente al mondo austro-tedesco, ma sotto una prospettiva diversa: non la “finis Austriae” di Brahms, ma la Mitteleuropa nei suoi albori e nelle affettuosità dello Stile Sensibile e del romanticismo sorgente: dalle galanterie dell’ultima produzione di Johann Sebastian Bach, attraverso l’Empfindsamkeit del figlio Carl Philipp Emanuel e gli impulsi Sturm und Drang del giovane Mozart, si approda fino agli incanti di Mendelssohn, non a caso musicista prediletto di Goethe: simbolo di una tradizione umanistica fatta di desiderio e amore per la Conoscenza, sensibile quanto intellegibile; un umanesimo che è anche principio ispiratore del Festival.

Lug 202011
 

Dal 18 al 21 agosto 2011 presso la Palazzina Azzurra a San Benedetto del Tronto si svolgerà il V Festival “Musica e Liuteria per amore, arte e scienza”, dedicato a due cantanti castrati, l’ascolano Giambattista Mancini e il sambenedettese Silvio Antonio Giorgetti. Quattro giorni di mostre e concerti con “I Solisti Piceni”.

Già al suo inizio, il V Festival di Musica e Liuteria, quest’anno ha già ottenuto una medaglia Premio di Rappresentanza dalla Presidenza della Repubblica che ha voluto destinare all’iniziativa, giudicata particolarmente meritevole, il prestigioso riconoscimento.

Con questa edizione, che si terrà alla Palazzina Azzurra ad ingresso libero, si avvia un ciclo di celebrazioni riguardanti alcuni illustri concittadini del Piceno, spesso personaggi straordinari, che in ogni tempo si sono distinti nell’arte musicale e che, quasi sempre, sono stati dimenticati.

Un modo innovativo quindi, nel rispetto della storia, per far conoscere al territorio ed ai turisti una delle nostre tradizioni più radicate della Provincia di Ascoli Piceno.

L’edizione del 2011 vuole rendere omaggio a due importanti musicisti Piceni del Settecento: Giambattista Mancini, nato ad Ascoli Piceno nel 1714 e Silvio Antonio Giorgetti, nato a San Benedetto del Tronto nel 1733.

Entrambi questi musicisti furono dei cantanti castrati: nella storia della musica, sono definiti castrati i cantanti maschi adulti con voce di soprano, mezzosoprano e contralto (registri tipicamente femminili), ottenuta mediante castrazione prima della pubertà.

La mostra, aperta tutti i giorni dalle ore 18 alle 23 consentirà di conoscere, attraverso illustrazioni e didascalie biografiche, il percorso artistico dei due musicisti e le principali tappe della loro interessante carriera.

Assieme a questa vi sarà una esposizione di violini, viole, violoncelli e chitarre di liuteria Picena realizzate da Vincenzo Agostini, Cesare e Piero Castelli, Luigi Ciotti, Walter Gentili, Guido Leoni, Pier Filippo Melchiorre, Emidio Pignotti, Giuseppe Quagliano, Luigi Sabbatini, Albino Scarpantoni, Remo Schiavi, Ezio Tanzi, e da molti altri autori.

Il programma della manifestazione prevede: il 18 agosto inaugurazione della mostra alle ore 19, alla presenza delle autorità locali; il 19 agosto, ore 21,30, un concerto de I Solisti Piceni che eseguiranno, i programmi “Anno 1780; le Sonate per Clavicembalo di Giambattista Mancini” (prima esecuzione assoluta) e “Settecento Barocco” (musiche di Bach, Vivaldi e Pergolesi); il 20 agosto, alle 21,30, vi sarà una tavola rotonda dal titolo “Il Piceno, terra di Musicisti e Liutai” (parteciperanno il dr. Andrea Pomozzi presidente di Piceno Tecnologie, l’architetto Albino Scarpantoni, il dr. Fabio Di Sante presidente della Filarmonica Ascolana, il liutaio Piero Castelli e il dr. Massimo Di Sabatino) durante la quale verranno trattati gli argomenti relativi alle tematiche del Festival; infine, il 21 agosto, concerto di chiusura, sempre alle 21,30, con l’esecuzione dei programmi “Il Violino e la Viola secondo Bach” e “Lisimaco, sig. Giorgetti”. Quest’ultima parte del concerto proporrà, dall’opera “Temistocle” di Johann Christian Bach, l’aria “Ch’io parta” scritta dall’autore appositamente per il castrato sambenedettese Silvio Giorgetti.

L’ensemble de I Solisti Piceni, per l’occasione, sarà composto da: violini, Piergiorgio Troilo, Alberto Fabiani, Arianna La Rosa e Lola Ottoni; viola Alessandro Ascani; violoncello Daniela Tremaroli; contrabbasso Emiliano Macrini; clavicembalo Maria Teresa Basti; flauto Luca Magni; sopranista Emiliano Finucci; direttore Benedetto Guidotti.

Insomma un originale appuntamento con la storia, l’artigianato e la musica da non perdere.

Lug 192011
 

Si terrà all’Auditorium Pollini, alle ore 21.00, l’appuntamento di mercoledì 20 luglio nell’ambito della rassegna estiva che l’Orchestra di Padova e del Veneto propone a Palazzo Zuckermann. Decisione eccezionale presa per accontentare un pubblico sempre più numeroso vista la grande affluenza nelle serate precedenti. La serata si presenta di grande richiamo sia per l’interessante programma che prevede l’esecuzione dei due Concerti per pianoforte e orchestra di Franz Liszt,  sia per la presenza di giovani ma già blasonati interpreti come la padovana Eleonora Armellini.

Il concerto è dedicato al bicentenario della nascita di Franz Liszt e affidato al pianoforte di Leonora Armellini, reduce dal recente successo (coronato con il premio Janina Nawrocka per l’eccezionale musicalità e bellezza del suono) all’ultimo Concorso Chopin di Varsavia (2010). Intenso il programma, che oltre ai Concerti per pianoforte e orchestra del  grande compositore ungherese, comprende il celebre Idillio di Sigfrido di Richard Wagner e l’omaggio lisztiano Am Grabe Richard Wagners (Sulla tomba diRichard Wagner). A dirigere l’OPV sarà la bacchetta della giovane Keiko Mistuhashi, vincitrice dell’edizione 2008 del Concorso per direttori d’orchestra “Antonio Pedrotti” di Trento e già ospite nella scorsa Stagione dell’OPV insieme al violinista Philippe Graffin.

Per informazioni:  http://www.opvorchestra.it

Lug 152011
 

Venerdì 22 luglio alle 21.20 una nuova esclusiva per gli abbonati di Classica.In diretta dal suggestivo palco galleggiante del Festival di Bregenz

Andrea Chénier. L’opera più celebre di Umberto Giordano offre un dramma storico e una tragedia umana di intensità impressionante sullo sfondo della Rivoluzione francese.

La direzione sarà affidata a Ulf Schirmer mentre la regia sarà di Keith Warner.

A dare voce al poeta francese, il tenore Héctor Sandoval mentre Norma Fantini interpreta Maddalena.

Andrea Chénier sarà in replica:

lunedì 25 luglio alle 18.45

giovedì 28 luglio alle 7.00

Lug 112011
 

«Quando ho ricevuto la proposta dal Teatro di San Carlo di realizzare questo allestimento, è come se avessi ricevuto un regalo. Pagliacci è un titolo che sento molto vicino alla mia natura e alla mia estrazione artistica. Mi interessa ragionare sulla dimensione del pagliaccio, e perciò nella mise en scène ho voluto che tutti i personaggi fossero dei clown. In più, c’è la presenza centrale degli acrobati, i quali rappresentano doppioni dei protagonisti del dramma. Colombina, ad esempio, ha più ‘ombre’, e quando muore, muoiono dieci figure. Questo, per amplificare le emozioni e la dimensione di ogni singola immagine sul palco. L’opera di Leoncavallo  è storicamente abbinata con Cavalleria Rusticana di Mascagni. Nel nostro caso, non essendoci il secondo titolo, abbiamo dovuto pensare ad un escamotage creativo per dilatare la rappresentazione. Con Maria Bonzanigo abbiamo ritrovato presso la Fondazione Leoncavallo di Brissago alcune registrazioni al pianoforte eseguite dallo stesso compositore. Queste musiche accompagnano un prologo inedito, un gioco di teatro nel teatro, come nello spirito dell’opera, durante il quale un gruppo di acrobati e saltimbanchi prepara un intermezzo che andrà in scena tra il primo e il secondo atto».

Così ha voluto spiegare, il regista Daniele Finzi Pasca la sua esperienza alla direzione de i “Pagliacci” di Leoncavallo, che debutterà con un nuovo allestimento al San Carlo di Napoli, il 17 luglio prossimo. In scena saranno le voci di Kristin Lewis, Carl Tanner, Dario Solari, Francesco Marsiglia, Simone Piazzolla, dirette dal maestro Donato Renzetti.

Lug 082011
 

Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE MicrosoftInternetExplorer4 < ![endif]--> < ![endif]--> < ![endif]-->Sarà dedicata al tema della percezione del tempo l’edizione 2011 del Festival Internazionale di Musica di Portogruaro  che prenderà il via18 luglio per concludersi il 16 settembre 2011, e si comporrà di circa 30 appuntamenti itineranti che coinvolgeranno tutto il tessuto urbano di Portogruaro e le zone limitrofe: dagli androni dei palazzi del centro storico ai giardini delle ville fuori porta, passando per lo splendido peristilio del Collegio Marconi e per le chiese cittadine.

Quest’anno la programmazione si estende in un periodo più lungo, che va da luglio a settembre per venire incontro alle esigenze del pubblico sempre più numeroso, ma comunque la maggior parte degli eventi saranno concentrati negli ultimi dieci giorni di agosto.

Due le anteprime nel mese di luglio: lunedì 18 al Teatro Comunale “Luigi Russolo”, con l’Ottetto dell’Hagen Open Festival e la partecipazione di Simone Briatore (viola) ed Enrico Bronzi (violoncello); nei giorni a seguire, nella Chiesa San Luigi, la più antica di Portogruaro, il SoloDuo, formato dai chitarristi Lorenzo Micheli e Matteo Mela.

Lunedì 22 agosto il vero e proprio concerto di apertura, con l’Orchestra Giovanile della Val d’Aosta diretta da Enrico Bronzi, con Francesco e Stefano Cerrato, impegnati nel Concerto in la minore per violino, violoncello e orchestra di Brahms.

La chiusura è programmata venerdì 16 settembre, con l’Accademia dell’Orchestra Mozart, formazione in residenza al Festival, e Alexander Lonquich nella doppia veste di pianista e direttore, interprete di un programma che spazia da Mozart a Wolfgang Rihm.

Il cartellone ospita musicisti provenienti da Italia, Austria, Armenia, Germania, Inghilterra, Olanda e Russia, offrendo un ampio panorama della musica colta europea. In programma alcune tra le più affermate formazioni cameristiche, come il Quintetto Bibiena, il Quartetto Vogler e il Trio di Parma, alle quali si affiancano, come di consueto, formazioni inedite che vedono coinvolti i docenti o gli studenti delle masterclass estive, organizzate dalla Fondazione Musicale Santa Cecilia di Portogruaro.

Molti nomi importanti si alterneranno negli eventi in programma,  come il violoncellista Giovanni Sollima, impegnato giovedì 25 agosto in un concerto sul fiume Lemene: una chiatta ormeggiata sulle acque adiacenti piazzetta Pescheria di Portogruaro fa da palcoscenico per l’esecuzione di pagine di Marin Marais e dello stesso Sollima, cui si affianca nell’esecuzione la violoncellista Monika Leskovar. Ma sono molti gli spazi non convenzionali utilizzati in questa edizione del Festival, come nei due happening in programma domenica 28 e lunedì 29 agosto. Nel primo un pubblico itinerante fra le due costruzioni gemelle dei Mulini di Portogruaro potrà ascoltare diverse formazioni impegnate nell’esecuzione di brani basati su differenti concezioni del tempo; nel secondo, il Quartetto Vogler proporrà l’esecuzione integrale del Quartetto per archi di Morton Feldman, della durata di circa cinque ore, nel corso delle quali gli spettatori potranno muoversi, entrando e uscendo dal nuovissimo spazio commerciale sito all’interno del vecchio Teatro Sociale, che ospita il concerto.

Tradizionali poi le “Penombre”: momenti di incontro sul programma dei concerti e sul tema del Festival, abbinati a degustazioni di vini della zona. Oltre ai musicisti, parteciperanno alle “Penombre” personalità appartenenti a vari settori della cultura: da Massimo Cacciari a Quirino Principe, da Giovanni Sollima a Enzo Restagno e Sergio Cimarosti.

http://www.fmsantacecilia.it/

Vieni alla nostra rassegna di lezioni-concerto a Milano alla Palazzina Liberty!