Apr 082011
 

“L’acqua se il buio”, di Alessandro Rossi, il nuovo libro pubblicato da ClassicavivaClassicaViva presenta  con orgoglio la sua ultima iniziativa editoriale: “L’acqua se il buio” (parole in lotta per diventare me stesso), una raccolta di poesie del poeta e cantautore Alessandro Rossi.

Il libro (stampato su carta in una edizione molto curata e raffinata, e prossimamente anche in versione e-book) è accompagnato da un CD, in cui l’autore interpreta le proprie poesie, accompagnato dalla chitarra, secondo la formula dell’audio-libro, coniugando così la pagina letteraria con l’ascolto.

Fortemente voluto da Ines Angelino, Direttore Editoriale di ClassicaViva, il nuovo lavoro di Alessandro Rossi  offre con affascinante immediatezza al lettore – ascoltatore le diverse atmosfere del suo materiale letterario.

Cliccando su questo link, su questo stesso blog, tanto per approfondire l’argomento, è possibile trovare  molti materiali su questo poeta, compreso un podcast audio (di alcune sue poesie già incise un paio d’anni fa, che ora, per questo libro, sono state registrate ex novo, e sono ovviamente diverse da quelle contenute nel prodotto editoriale nuovo fiammante).

Ed ecco anche  un video con un concreto esempio di come si esprime questo poeta:

Pubblichiamo qui, integralmente, anche la prefazione del libro a cura di Ines Angelino:

Prefazione dell’Editore

Perché questo libro? Un libro insolito, poesie scritte e poesie lette dall’autore, con accompagnamento musicale, su CD.

Il libro nasce da un incontro, avvenuto un paio d’anni fa, tra me e Alessandro Rossi, durante un Festival musicale. Insolito per me, che non amo la musica leggera, partecipare a un evento del genere. Ma si vede che era destino: Alessandro si esibiva come cantautore. Ascoltai dunque un paio di canzoni e una poesia accompagnata dalla sua chitarra. Al termine, lo avvicinai e gli dissi a bruciapelo: “lo sai, tu sei un grande poeta. Sono un piccolo editore, mi piacerebbe leggere qualcosa d’altro di tuo. Hai altre poesie?”.Lui – inaspettatamente – tirò fuori una cartelletta, e io mi rintanai in un cantuccio di un rumorosissimo locale – dove ci eravamo rifugiati – a leggerle. Alla fine di una velocissima e vorace lettura, gli proposi immediatamente di pubblicare un libro con le sue poesie.

Alessandro, abituato a non essere compreso, ad essere un autore ancora sconosciuto che naviga nell’ambiente rarefatto e misterioso dell’alta letteratura, rimase quasi sconvolto dalla mia proposta. Seguì un fitto scambio di mail-fiume, grazie alle quali mi resi definitivamente conto di trovarmi di fronte a un grande scrittore.

Da lì, l’inizio di una collaborazione (e di una amicizia) che si è declinata quasi subito con registrazioni delle sue poesie nella nostra sala di incisione, poi pubblicate sul nostro catalogo web con la dicitura di “audiolibri”.

Le parole con cui presentavo Alessandro in occasione di questa prima pubblicazione sono ancora registrate sul sito. Le riporto tali e quali, perché fotografano un’emozione, che è rimasta intatta fin da allora:

La novità del nostro audiolibro consiste nel fatto che, alla raffinata e piacevolissima lettura delle sue poesie fatta da parte dell’autore, che è anche un bravissimo attore, fa da sottofondo la chitarra, suonata dallo stesso artista, che è anche musicista.

La chitarra commenta, sottolinea, fa da moderno tappeto sonoro a questi versi, la sorprendente e prepotente rivelazione di un grande, nuovo poeta…

Sono poesie completamente originali, lette tutte di un fiato, improvvisando in studio, che non è possibile ricondurre ad alcuna “scuola” o corrente.

Sembrano scritte direttamente “con il sangue”, in linguaggio però asciutto, essenziale, “senza pelle”, diretto, e comunicano emozioni ogni volta diverse, ma sempre, indiscutibilmente, vere, profonde, con una incredibile capacità di scavo nelle profondità dell’animo umano. Poesie che sembrano ballate, moderne ballate di un cantore dal sapore antico, un rinato “troubadour”, un menestrello, erede di quel connubio delicato e fragile tra musica e poesia, che evoca immediatamente Jacques Brel e Fabrizio De André. Alessandro è un poeta che genera bellezza a ogni verso, con stupefacente naturalezza.”

Ma l’amore per la parola scritta, nella quale non ci sono filtri esterni di voci e suoni, è, da sempre, preponderante nelle mie scelte artistiche. Per cui, ho insistito per pubblicare le poesie di Alessandro anche in forma di libro, per poterle gustare e rileggere lentamente, senza sovrapposizioni che, a mio avviso, talvolta possono distrarre dalla profondità e dalla folgorante bellezza delle immagini poetiche che si presentano man mano. Quelle di Alessandro sono poesie dense, piene, che non vanno consumate in un attimo. Non scorrono via, rimangono profondamente incise, smuovono il magma sommerso di pensieri nascosti, sensazioni perdute. Insomma, a mio parere, richiedono la lettura, prima ancora dell’ascolto.

Il percorso letterario di questa raccolta di versi è variegato e cangiante, e passa da una forma di epigramma classico, all’elegia, a versi in rima, con struttura classica, a filastrocche ironiche e anche dialettali, a surrealismo puro, a graffiante ironia e critica sociale, a pura lirica, a struggente sentimento, a scandagli metafisici, toccando tutte le corde che la poesia è in grado da sempre di toccare, e anche, inaspettatamente, qualcuna di più. Qualcosa di nuovo, anzi di antico. Poesia pura, insomma.

Che parte da un ritorno alla tradizione della poesia “dedicata” d’amore, e percorrendo un arco di tempo di diciotto anni – la vita di Alessandro dall’adolescenza alla maturità. La scelta editoriale, concordata con l’autore, di disporre in senso cronologico le poesie, va nella direzione di rendere fruibile al lettore questa oscillazione lungo la linea del tempo, mettendolo nella condizione di viaggiare accanto all’anima che si esprime, condividendone i reali passaggi esistenziali.

La difformità espressiva rispecchia un percorso formativo anomalo per la cultura contemporanea, in cui la lunga ricerca di una figura pedagogica a tutto tondo che guidasse Alessandro alla scoperta del suo essere uomo – e poeta – è sfociata nell’incontro decisivo con Josè Luis Sanchez-Martìn, suo Maestro per oltre dieci anni in senso assoluto. Proprio a lui il libro è dedicato, così come molte composizioni, che vertono sul tema della sua prematura e tragica morte, faticosamente elaborata – anche in senso poetico – da Alessandro.

Il nostro autore, però, è un artista a tutto tondo: e ama esprimersi anche con il canto, l’espressione della sua voce, della sua chitarra, le movenze del suo corpo. E’, anche e soprattutto, in questo momento della sua vita, un “cantautore”. Per cui, ecco inventato il libro con un CD allegato, per godere della sua arte a tutto tondo e a più livelli di lettura. Una nuova esperienza sensoriale su vari livelli, autonomi e affascinanti tutti, anche separatamente. E ancor più, come in questo caso, se vissuti e assaporati tutti insieme, come un unicum.

Perché queste sono poesie che travalicano il normale confine della parola scritta. Debordano nella musica, nel teatro. Sono qualcosa di nuovo, di assolutamente moderno. Per cui, la nuova tecnologia informatica è assolutamente perfetta per metterle  in luce nel modo migliore.

Oltre che nella versione cartacea, il libro viene quindi anche pubblicato, come tradizione della nostra Casa Editrice, in forma digitale, disponibile sul nostro catalogo web per il download. Innovativa la forma: un file pdf con “embeddati” alcuni ascolti audio, in modo da vivere una nuova esperienza sensoriale: leggere un testo, accompagnati dalla voce dell’autore che lo interpreta per noi.

La forma esteriore – tipografica e grafica – di questo lavoro si deve esclusivamente alla creatività debordante di Alessandro, che ha voluto curarne personalmente ogni aspetto, anche minimale.

Per cui, tutto, qui, comprese le incisioni sul CD, è opera diretta di Alessandro, che si è “prodotto” in proprio, con una modalità molto insolita per la nostra Casa Editrice. Che ho accettato perché, ad un artista del genere, semplicemente non è possibile resistere. Qui parla, prepotentemente, la poesia. E null’altro.

Buona lettura.

Ines Angelino
Editore di ClassicaViva

Print Friendly, PDF & Email
Loading Comments…

Please Registrati or to leave Comments

Vieni alla nostra rassegna di lezioni-concerto a Milano alla Palazzina Liberty!