Mar 192011
 

Nonostante le rassicurazioni del ministro Tremonti, che dichiara di aver finalmente compreso il problema dei tagli selvaggi alla cultura, e le conseguenti rassicurazioni del premier che ha promesso di imporre una nuova linea al ministro per l’Economia, in modo che vengano restituiti i fondi per il finanziamento del settore, resta confermato lo sciopero nazionale dello spattacolo indetto per il 25 marzo prossimo.

E resta anche l’iniziativa per le “Giornate Nazionali per la Cultura e lo Spettacolo”.

Il 26 – 27 – 28 marzo 2011 sarà messa in atto una campagna nazionale di comunicazione che ha l’obiettivo di sensibilizzare cittadini, l’opinione pubblica e i rappresentanti politici e istituzionali sullo stato attuale di crisi della cultura italiana e sui possibili interventi per uscire dall’emergenza.

In tutti i cinema, teatri, musei, biblioteche e luoghi della cultura saranno diffusi manifesti, locandine, videomessaggi e in tutte le città d’ Italia si svolgeranno iniziative che avranno l’obiettivo di raggiungere cittadini e organi di informazione. Inoltre, saranno difusse anche sul web, attraverso i siti delle organizzazioni aderenti ed i principali social network, le ragioni della mobilitazione.

3 Giornate Nazionali  al fine di:

  •  affermare la centralità della cultura nelle politiche economiche e sociali nazionali come strumento reale e documentato di crescita civile ed economica

  •  assicurare livelli certi e adeguati di finanziamento del settore che ne permettano l’ esistenza e lo sviluppo, iniziando dal reintegro del Fondo Unico dello Spettacolo

  •  introdurre forme di incentivazioni fiscali per le donazioni a favore della cultura

  •  garantire il tax – credit e il tax – shelter al cinema attraverso risorse pubbliche o coinvolgendo tutte le realtà che utilizzano il prodotto film e non gravando sugli spettatori e/o sulle sole imprese dell’esercizio cinematografico

  •  sostenere l’occupazione e lo sviluppo delle professionalità del settore, anche attraverso opportuni interventi formativi

  • investire su una efficace tutela e valorizzazione del nostro patrimonioculturale ed ambientale, coinvolgendo anche gli enti locali

  •  promuovere i processi di modernizzazione nella gestione e nella produzione, anche sostenendo la creatività giovanile

  • attuare politiche culturali di livello europeo

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Loading Comments…

Please Registrati or to leave Comments

Vieni alla nostra rassegna di lezioni-concerto a Milano alla Palazzina Liberty!