Ott 062008
 

Il Maestro Daniele GattiUn evento importante per Milano e per il suo Conservatorio. Le manifestazioni per il Bicentenario della fondazione inizieranno sabato 11 ottobre, alle ore 21, in Sala Verdi, con il Concerto diretto dal Maestro Daniele Gatti (ricordiamo che l’entrata è libera).

Riportiamo con simpatia ed entusiasmo quanto il Maestro ha dichiarato in un’importante intervista rilasciata al Corriere della Sera lo scorso 24 settembre: “…L’11 ottobre dirigerà l’orchestra dei giovani allievi. «Anch’ io vengo da lì, il Conservatorio è stato la mia casa per tanti anni. Ho accettato con gioia l’invito di Bruno Zanolini, per sette anni mio maestro di composizione e ora direttore del Conservatorio. Ho ricordi meravigliosi di quegli anni.
C’è poco da vantarsi d’aver studiato all’estero come fanno alcuni. Chi è uscito dal Conservatorio di Milano ha una preparazione di molto superiore. Per un direttore l’obbligo di studiare composizione come è richiesto da noi, è fondamentale.
«Ho avuto maestri formidabili, compositori come Azio Corghi, Flavio Testi, solisti come Canino, Cambursano, Filippini… La ricchezza era anche poter uscire dall’ aula e infilarsi in sala a sentire l’Orchestra Rai. Talora si bigiavano le lezioni per ascoltare le prove. Si studiava ma già si viveva dentro il mondo della musica. Tutto questo grazie a quello straordinario direttore che è stato Marcello Abbado e a insegnanti di rinomata severità.
Diplomarsi a Milano non era da tutti. Ma se uscivi dal nostro Conservatorio con un 8 o un 9 eri un fuoriclasse». E lei, maestro, con che voto è uscito? «Dieci».
Link all’intevista completa  sul sito del “Corriere della Sera”

L'Orchestra sinfonica del Conservatorio di MilanoEcco un grande Maestro,  dal curriculum di assoluta eccellenza (ex Direttore principale dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di S. Cecilia, della Royal Philharmonic Orchestra, del Teatro Comunale di Bologna ed attualmente Direttore principale dell’Orchestre Nationale de France), reduce dall’aver diretto – con trionfale successo – niente di meno che il “Parsifal” a Bayreuth (come dire… celebrar messa a casa del Papa) , ecco dunque un grande italiano che difende la grande scuola italiana. E il suo Conservatorio, per il quale, infatti, impugnerà la bacchetta per la rinata Orchestra, che ha inaugurato la sua attività concertistica nell’anno accademico 2007/8, proponendosi come punto di riferimento per l’attività artistica orchestrale degli iscritti agli ultimi corsi di strumento.

I migliori allievi del Conservatorio di Milano sono periodicamente chiamati a partecipare all’attività dell’Orchestra Sinfonica in occasioni di grande visibilità. L’Orchestra Sinfonica, si legge sul sito del Conservatorio stesso, “è espressione dello slancio giovanile e passionale di docenti e discenti che, con il loro incessante lavoro di ricerca e di studio, si pongono in relazione con il mondo musicale nazionale ed internazionale, dando vita ad appuntamenti musicale di grande impatto formativo. L’attività dell’orchestra ha inoltre per finalità la promozione istituzionale dell’attività didattica del Conservatorio e l’accrescimento delle competenze professionali dei propri allievi, oltre alla promozione della musica nelle scuole.”

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Print Friendly, PDF & Email
Loading Comments…

Please Registrati or to leave Comments

Vieni alla nostra rassegna di lezioni-concerto a Milano alla Palazzina Liberty!