Ott 312008
 

l'assalto di Blocco studentesco ai liceali ben prima dell'arrivo degli universitari e degli scontri che ne sono poi seguitiCari lettori di questo blog, stiamo assistendo ad eventi abbastanza straordinari nel nostro paese, che non possiamo ignorare, visto che riguardano il futuro della scuola italiana.

Ultimo, inquietante episodio: gli scontri del 29 ottobre in Piazza Navona, a Roma. Ammirate i bastoni avvolti nei tricolori, arrivati in piazza, non si sa come, su un apposito misterioso camioncino bianco. Sembra di rivedere scene del passato… i picchiatori-provocatori, evocati ed invocati da parte dell’ex Presidente emerito Francesco Cossiga, sono puntualmente ricomparsi.

L’informazione disponibile in rete è incredibile: dettagliata, abbondantissima, puntuale, praticamente sempre in diretta. Un fenomeno assolutamente nuovo, che sta sicuramente influenzando anche la protesta, che sta dilagando come fuoco, grazie anche al rapidissimo diffondersi delle notizie, con l’efficacia delle riprese video, che smentiscono spesso con clamorosa immediatezza i comunicati ufficiali. Davvero, nell’epoca di Internet, le menzogne si ritorcono come boomerang contro chi le utilizza. E poi, che bello venire a conoscenza di tanti particolari… Sapevate, per esempio, che i musicisti del Teatro Regio di Torino hanno suonato musiche di Verdi e Rossini per gli studenti che passavano davanti al loro Teatro?

Oggi si può vedere, in tempo reale, cosa stia accadendo nel paese: basta una connessione internet veloce. La difficoltà, semmai, consiste nell’orientarsi nella pletora delle informazioni che si trovano in rete. Ho quindi filtrato e scelto per voi alcuni video che presentano i fatti salienti con immediatezza, e forniscono testimonianze dirette. Vi segnalo inoltre il sito de La Repubblica Tv, dal quale provengono tutti questi video. Questo portale si è ormai trasformato in un vero e proprio documentatissimo canale televisivo di notizie, il primo click della giornata per chi vuole rimanere sempre informato.

Sulla grande manifestazione del 30 ottobre, che ha portato in piazza un milione di persone, ecco il link http://tv.repubblica.it/piu-votati/settimana/scuola-un-milione-in-piazza/25765?video, e il video di un lungo reportage in studio con la registrazione della telecronaca effettuata in diretta, corredato da filmati:

Seguono ora altri due video con la viva voce dei protagonisti, e la registrazione degli scontri di Piazza Navona.

[display_podcast]

Ed ecco infine un bel video, sempre da Repubblica TV, con una cronaca puntuale della giornata del 29 ottobre, con la importante testimonianza del giornalista Curzio Maltese, intorno al decimo minuto, che ha assistito personalmente agli scontri di Piazza Navona e ne rende testimonianza:

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Ott 302008
 

Il Maestro Daniele RustioniPer contrastare il terribile clima di scoraggiamento che si respira in questi giorni, passiamo a una notizia davvero bella. A Torino, il 28 ottobre 2008, è andata in scena al Teatro Regio una splendida Bohème, con un cast giovane e un Direttore d’orchestra venticinquenne. Si tratta del Maestro Daniele Rustioni, un ragazzo, ancora,  ma già un artista completo e un Direttore esperto e di grande valore.

Ho ascoltato in diretta RAI tutta l’opera, con grande commozione. Conosco infatti Daniele da una decina di anni, quando ancora studiava presso il Conservatorio per il suo curriculum di eccellenza  (è Diplomato in Pianoforte, Organo  e Direzione d’Orchestra). Non è cambiato, negli anni. E’ rimasto dolce, simpatico, studioso e serio, e soprattutto modesto e alla mano, nonostante il grandissimo talento. Dopo gli studi di Milano, Daniele si e’ perfezionato in direzione d’orchestra all’Accademia Superiore Musicale Pescarese, all’Accademia Musicale Chigiana di Siena e alla Royal Academy of Music di Londra. E’ stato allievo di Gianandrea Noseda e, dall’anno scorso, è Principale Direttore Ospite del prestigioso Teatro Mikhailovskij di San Pietroburgo.  E’ Direttore Ospite Principale dell’Ashovert Music Festival in Inghilterra, Direttore Assistente della Vocal Faculty alla Royal Academy of Music e Maestro Preparatore dei cantanti alla National Opera Studio di Londra.

E’ per giovani come questo che dobbiamo difendere i nostri Conservatori, per avere nel nostro futuro altri musicisti così. Non dobbiamo arrenderci: questi ragazzi rappresentano il futuro della musica italiana.

La Bohème al Regio di TorinoVi propongo di seguito i podcast della registrazione dalla trasmissione su Radio 3 RAI, andata in onda in diretta martedì 28 ottobre 2008, con la conduzione di Guido Zaccagnini. Purtroppo ci sono stati notevoli problemi tecnici, sia sul canale radiofonico, sia su Internet, da cui ho effettuato la registrazione. Noterete quindi qualche piccola interruzione, che però nulla toglie alla freschezza e alla bellezza dell’opera. Ho ritagliato per voi la celeberrima scena d’amore iniziale tra Rodolfo e Mimì (non poteva mancare!), e poi anche un podcast  con l’intervista a Daniele e ai giovani protagonisti dell’opera: Erica Grimaldi (Mimì) e Tomislav Muzek (Rodolfo). Buon ascolto, quindi!

[display_podcast]

La prima locandina di Bohème al Regio di Torino

Ricordo che una Bohème al Regio ha un significato particolare: il 1º febbraio 1896, La Bohème fu rappresentata per la prima volta al Teatro Regio di Torino, diretta dal ventinovenne maestro Arturo Toscanini. Che magnifica eredità sta raccogliendo il giovane Rustioni!

Ma consentitemi anche qualche altra breve nota. Un plauso, innanzitutto,  a Walter Vergnano, il sovrintendente del Regio, e presidente dell’Anfols (associazione nazionale delle fondazioni lirico-sinfoniche), che ha creduto e investito nei giovani. Un atto di intelligente coraggio, premiato alla grande dal risultato. E’ stata una Bohème impeccabile, commovente, diretta secondo la grande tradizione operistica italiana, musicalmente ineccepibile e ricca di idee. Una bella scommessa vinta.

Foto di scena dal Regio di Torino

Come si poteva leggere ieri in un bell’articolo di Sandro Cappelletto su htpp://www.lastampa.it, “la scelta del direttore d’orchestra (Daniele Rustioni) e dei cantanti parlano a favore di uno spettacolo pensato per saggiare la tempra di nuovi talenti. Un passo nella direzione di un teatro di repertorio affidato, almeno in parte, a una compagnia stabile. Come usava un tempo, come se le grandinate che si stanno abbattendo sui bilanci e sul futuro dei nostri teatri d’opera obbligassero a ripensare alcune certezze, date troppo per scontate: magnificenza di produzioni, cachet altissimi (i più stellari al mondo), occhi puntati sull’evento e sul divo di passaggio, più che sulla bellezza e la forza della musica, sul richiamo sicuro del titolo.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Ott 292008
 
Il chiostro del Conservatorio di Milano

Non vorrei mai dover scrivere articoli di questo genere, davvero. Mi piacerebbe pubblicare solo cose belle e positive per la musica, su questo blog. Parlare di arte e magia. Ma non si può. La cronaca (e la crisi) incalzano inesorabilmente.Eccomi, dunque,  pubblicare un documento che mi stringe letteralmente il cuore, e che non avrei mai voluto dover leggere. Consultate il sito istituzionale del Conservatorio per rimanere aggiornati su questa dolorosa situazione: http://www.consmilano.it/.

Che dire?  Stiamo distruggendo una delle cose più belle e preziose del nostro paese: la musica. La nostra tradizione. La scuola della musica, la fucina dei talenti. Ricordo solo qualche nome, a caso, tra quelli di centinaia e centinaia di musicisti famosi, che tutto il mondo ci invidia, formati tra le mura di questo Conservatorio, il più grande e il più famoso tra i Conservatori italiani: Puccini, Mascagni, Ponchielli… Riccardo Muti, Maurizio Pollini, Claudio e Marcello Abbado, Luciano e Riccardo Chailly, Daniele Gatti… c’è davvero bisogno di continuare? Si vuole davvero far sì che del magnifico Conservatorio di Milano resti solo il ricordo, un dorato e doloroso ricordo dello splendore che fu?

Ministero dell’Università e della Ricerca Alta Formazione Artistica Musicale e Coreutica CONSERVATORIO DI MUSICA “Giuseppe Verdi” di MILANO Via Conservatorio, 12 – 20122 Milano – tel. 02-7621101- fax 02-76014814 MOZIONE DEL CONSIGLIO ACCADEMICO Seduta del 23 ottobre 2008 Il Consiglio Accademico del Conservatorio di Milano, preso atto del taglio del 40% dei finanziamenti ministeriali che va ad aggiungersi alla mancata attuazione dell’articolo 5 della Legge 508/99 e successive modifiche ed integrazioni con la conseguente pluriennale mancata attribuzione di finanziamenti per la gestione ordinaria dell’immobile, SEGNALA con viva preoccupazione l’attuale grave situazione di crisi finanziaria, crisi tale da mettere in serio dubbio il corretto funzionamento di tutta l’offerta formativa e didattica. Si sottolinea che già da tempo tagli e inadempienze hanno costretto questo Conservatorio ad aumentare le rette a carico degli studenti e ad utilizzare, per le spese vive di gestione (bollette, etc.) fondi in realtà destinati alla didattica, ivi compresi quelli provenienti dalle rette stesse. IL DIRETTORE Bruno Zanolini
Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Ott 262008
 

Il grande concerto su RAI 3Cari amici, stamattina, quasi per caso, grazie anche all’ora legale che mi ha permesso di concedermi la visione di una trasmissione che va in onda alle nove del mattino, ho visto il programma Il gran concerto su RAI 3. Si tratta di tredici puntate condotte da Alessandro Greco dedicate ai bambini e alla musica classica, con l’Orchestra Sinfonica Nazionale Rai, in palinsesto la domenica, alle 9.10, su Raitre.

Questo bel programma di musica classica per bambini, davvero di alto livello, accurato e ben fatto, è firmato da Raffaella Carrà e Sergio Japino.
Dall’Auditorium Rai “Arturo Toscanini” di Torino Alessandro Greco coinvolge i 500 bambini della platea in un crescendo di musica e giochi, per un nuovo entusiasmante viaggio alla scoperta della musica, eseguita rigorosamente dal vivo dall’Orchestra Sinfonica della Rai, diretta dal suo primo violino Alessandro Milani. Ecco, è così che dovrebbe operare sempre il servizio televisivo pubblico: formare, educare divertendo, in modo intelligente, il pubblico di domani.
Non mi ha stupito vedere come i bambini presenti in sala fossero entusiasti e partecipassero, in molti casi davvero a bocca aperta, alla musica e a quanto veniva presentato (come un simpatico Mozart in abiti settecenteschi che accusava Beethoven di avergli copiato un passaggio dalla sua opera “Bastiano e Bastiana”, da lui scritta all’età di dodici anni, con l’orchestra che ne dava immediata dimostrazione (da un tema della sinfonia “Eroica”).

Non mi ha stupito, dicevo, perché noi di ClassicaViva abbiamo una buona esperienza in merito di organizzazione di concerti e di lezioni-concerto per le scuole.

Ho rivissuto una bellissima atmosfera… certo che, con i mezzi della RAI e un’orchestra così, come sarebbe bello lavorare! Guardate un po’ questo video con uno spezzone della trasmissione:

_q_2dGalCzA

e questo con la presentazione del programma da parte di Raffaella Carrà:

n5PSNx63zuw

E queste, molto più modestamente, ma con tanto entusiasmo e altrettanto successo, sono le fotografie di una delle nostre lezioni concerto, con i nostri pianisti Francesca Leonardi e Stefano Ligoratti.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Ott 232008
 

La conferenza stampa di Walter Veltroni in risposta a quella di Silvio Berlusconi:

[display_podcast]

Visionate il sito del “Corriere della Sera”, da cui proviene questo video, per i continui aggiornamenti: http://video.corriere.it/?vxChannel=Dall%20Italia

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Ott 232008
 

 Video della conferenza stampa del 22 ottobre 2008 del Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, in difesa del Ministro Gelmini, direttamente dal sito del Governo:

[display_podcast]

“L’avviso ai naviganti” dalla stessa conferenza stampa: “Manderemo la polizia nelle scuole!”, che potete visionare nel secondo video qui sopra proposto, ha suscitato vivaci reazioni e proteste in tutta Italia. Visionate il sito del “Corriere della Sera”, da cui proviene questo video, per i continui aggiornamenti: http://video.corriere.it/?vxChannel=Dall%20Italia

Nell’articolo successivo pubblichiamo anche un video con la conferenza stampa, immediatamente convocata da Walter Veltroni, in risposta a questa parte dell’intervento di Berlusconi.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Ott 222008
 

Dario Fo a Milano al convegno contro i tagli al FUS - foto Ines AngelinoGran bel pomeriggio, ieri a Milano, al Teatro Dal Verme. Riunione affollata, con molti esponenti del mondo della cultura e della musica, oltre a dirigenti sindacali della CGIL milanese, seguita da un bel concerto con l’Orchestra dei Pomeriggi Musicali, diretta dal Maestro Antonello Manacorda, e da molti altri straordinari artisti.

Come annunciato, è intervenuto anche il premo Nobel Dario Fo, che ha tenuto un bellissimo discorso sulla cultura, da par suo veramente. Un pezzo di storia del teatro (e di storia italiana) narrato da uno dei più grandi protagonisti… ascoltatelo nel podcast della trasmissione che mi ha visto ospite su Radio Classica martedì 21 ottobre 2008, su “Ultimo Grido”, condotta da Luca Ciammarughi.

[display_podcast]

Ricordo che sarò in onda ogni martedì, fino alla fine dell’anno, alle ore 16. Il podcast presenta la trasmissione così come è andata in onda alla radio.

Stavolta ho indossato il cappello del cronista e mi sono dedicata esclusivamente al reportage dell’evento del Dal Verme. Ma abbiamo ugualmente mandato in onda splendida musica. La trasmissione si è aperta con le note dichiarazioni del Ministro Renato Brunetta sui tagli alla cultura (parlando sabato 11 ottobre al convegno di Ravello Lab, ha accusato le Fondazioni liriche di essere “centri di spesa clientelari, inefficienti e costosi”, ha chiesto “trasparenza” nei costi e si è detto favorevole a “chiudere il Fus” (leggi tutto a questo link: http://www.rainews24.rai.it/notizia.asp?newsID=86953). (Ricordiamo che il FUS è Il Fondo unico per lo Spettacolo, ossia lo strumento finanziario con cui lo Stato sostiene le attività del settore cinematografico e dello spettacolo dal 1985. La gestione del Fondo consente di aiutare economicamente enti, istituzioni, associazioni, organismi ed imprese che lavorano nei settori delle attività cinematografiche, musicali, di danza, teatrali, circensi e dello spettacolo viaggiante. Inoltre, promuove e sostiene le manifestazioni e le iniziative di rilevanza nazionale che si svolgono in Italia o all’estero.)

E’ stata una trasmissione lunga e articolata. Ecco un breve riassunto:

  • Dichiarazioni Ministro Brunetta sui tagli al FUS e agli Enti lirici.
  • Liebestod con Birgit Nillson diretta da George Solti.
  • Dichiarazioni di Sergio Escobar, Direttore del Piccolo Teatro di Milano: “l’unica strategia per vincere la paura che  sta attraversando l’Occidente è investire nella cultura”, citando Giulio Tremonti in persona…
  • La registrazione dal vivo dell’appassionato intervento di Dario Fo in difesa della cultura e del teatro.
  • Il primo e il terzo tempo de l’“Eroica” di Beethoven , Sinfonia n. 3, Op. 55 in mi b maggiore, sempre con la direzione di Sir Georg Solti.
  • Le dichiarazioni del Maestro Alberto Veronesi, appena rientrato da Berlino.
  • Le dichiarazioni di Walter Vergnano, sovrintendente del Teatro Regio di Torino e Presidente dell’Anfols: (Associazione Nazionale delle Fondazioni Lirico-Sinfoniche): “non lamentiamoci se i nostri giovani vogliono andare a vivere all’estero. La qualità della vita è sì legata ai servizi, ma anche alla cultura”. 
  • Una storica registrazione “live” della Traviata di Verdi andata in scena nel 1955 con la regia di Luchino Visconti, Maria Callas e Giuseppe di Stefano, e la direzione di Carlo Maria Giulini.
  • Per finire, il primo movimento dello String Quartet in d major di César Franck, eseguito dal Dante Quartet

Continua a leggere…

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Ott 202008
 

Th9KQTRVNGs

Dai, facciamoci almeno quattro belle risate. Con questa travolgente Littizzetto, e il suo appello al Ministro MARIA STAR GEL… Dalla trasmissione di RAI 3 Che tempo che fa di domenica 19 ottobre 2008.
Senza commenti… Tranne che ricordiamo solo, tanto per la cronaca, che la Littizzetto conosce molto bene l’argomento di cui parla… infatti è stata per dieci anni Professoressa nelle Scuole medie. E insegnava… indovinate cosa? Musica! Infatti è diplomata in pianoforte al Conservatorio di Torino (oltre che Laureata in Lettere). Ecco, vedete che i musicisti hanno davvero una marcia in più?

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Ott 202008
 

I tagli al FUSMILANO: QUANDO LA CULTURA E’ PRECARIA

La Camera del Lavoro di Milano, il Sindacato Lavoratori della Comunicazione, il Sindacato Attori Italiani, il Sindacato Italiano Artisti della Musica hanno organizzato un incontro:

lunedì 20 ottobre 2008 – ore 19.00 – 20.45

dalle ore 19.00 c/o il Teatro dal Verme Milano

ore 20.45 buffet
ore 21.15 concerto e parole degli artisti milanesi

(con Dario Fo, Franca Rame, l’orchestra dei Pomeriggi musicali, ecc. (vedi più sotto)

introdotto da Emilio Miceli – Segretario generale SLC nazionale

via S. Giovanni Sul Muro 7 (MM 1 – Cairoli)

discussione con gli artisti milanesi sulla precarietà nella cultura

Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti 

L’obiettivo della manifestazione è quello di dire no ai tagli alla cultura. Anzi, «per lanciare un grido di dolore» come dice, presentando l’ iniziativa, Giancarlo Albori, segretario milanese della Slc-Cgil, il sindacato dei lavoratori della comunicazione. La ferita aperta si chiama Fus, Fondo unico per lo spettacolo. Le forbici della Finanziaria rischiano di colpire pesante: «Nove milioni e 800 mila euro in meno per la Scala, 300 mila euro in meno per il Piccolo Teatro, 250 mila tagliati ai Pomeriggi musicali» calcola Albori. Risultato: «Se non si vorrà tagliare sulla programmazione, si finirà per intervenire pesantemente sui costi, in particolare su quelli del personale» prevede Onorio Rosati, segretario generale della Camera del lavoro di Milano. Insomma, la precarietà, per chi lavora nel mondo della cultura, diventerà sempre più la regola. Leggi qui un articolo sul Corriere della Sera.

presiede il dibattito: Nicoletta Rizzi – Segretaria nazionale SAI
introduce : Giancarlo Albori – Segretario SLC Milano
intervengono : Emilio Miceli – Segretario generale SLC nazionale;
Santino Pizzamiglio
– Segretario generale SLC Milano – Direttivo nazionale SIAM Lavoratrici e lavoratori precari della cultura;
conclude : Onorio Rosati -Segretario generale Camera del Lavoro di Milano

parteciperanno:

Orchestra dei Pomeriggi Musicali  – Maestro Alberto Veronesi

con gli Attori:

Dario Fo e Franca Rame

Moni Ovadia, Renato Sarti, Bebo Storti

Professori d’orchestra del Teatro alla Scala: Roberto Benatti, Thomas Cabuoto, Demetrio Costantino, Francesco Lattuada, Claudio Pinferetti, Danilo Rossi
ex musicisti Orchestra Verdi Professori d’orchestra Marco Gori, Cecilia Musmeci, Andrea Scacchi Orchestra di via Padova
Ballerini del Teatro alla Scala
Pippo Veneziano – Corista Teatro alla Scala
Compositori: Carlo Boccadoro, Filippo Del Corno
Gruppo Jazz: Davide Corini, Ferdinando Faraò, Luca Garlaschelli, Tiziana Ghiglioni, Emanuele Parrini Associazione Musicarticolo9

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Ott 182008
 

[display_podcast]

Un corteo di protestaCari amici, in questi giorni nel nostro paese stiamo rivedendo scene che sembrano uscite diritte diritte da un reportage sul ’68 (se non fosse che ora i filmati sono a colori…).

Qui sopra, un video dal sito de “La Repubblica”, che vi invitiamo a visitare per restare sempre aggiornati http://tv.repubblica.it/copertina/universita-dilaga-la-protesta/25267?video (ce ne sono anche molti altri, spesso anche in tempo reale, con una rivoluzionaria tecnologia che trasmette in diretta e in streaming video).

Al Ministro Gelmini, per ora, è riuscito il miracolo di resuscitare il movimento studentesco... Internet è naturalmente in testa alla battaglia per la sopravvivenza delle Università (i Conservatori, per ora, inspiegabilmente tacciono…). Poiché è inutile replicare informazioni già ben strutturate, linkiamo qui un articolo su “La Repubblica” di oggi: http://netmonitor.blogautore.repubblica.it/2008/10/18/riforma-gelmini-la-protesta-corre-sulla-rete/

Sottovoce, però, noi ci chiediamo “E gli studenti dei Conservatori che fanno? Sono forse diventati sordi a furia di suonare? Mah…”
Ed ecco, per dovere di cronaca, un elenco dettagliato di blog e siti su cui è possibile aggiornarsi in tempo reale:

Petizioni, blog e forum contro la legge 133

Sabato, 18 Ottobre 2008

PETIZIONI contro il DL 112 e la Legge 133

Scienze Sociali Firenze

Petizione Università di Pisa

Ateneo Sapienza

Ateneo Fiorentino

firmiamo.it/controilmaestrounico

ITC Sipontino di Manfredonia (Foggia)

Lettera aperta di un genitore contro la riforma

BLOG ANTI LEGGE 133Continua a leggere…

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Vieni alla nostra rassegna di lezioni-concerto a Milano alla Palazzina Liberty!