Feb 232008
 

Francesco Rutelli, Ministro della CulturaNei giorni scorsi i quotidiani hanno riportato la bella notizia “Rutelli salva l’orchestra Verdi”. Per chi non fosse al corrente dell’annosa storia dell’Orchestra Verdi di Milano, in drammatico deficit da anni, diciamo subito che finalmente essa ha ottenuto dal Governo uscente, e in particolare dal Ministro della cultura Rutelli, lo stanziamento di 5 milioni di Euro nel decreto definito “milleproroghe”, in definitiva approvazione in questi giorni in Parlamento.

Si tratta, ahimè, di una goccia nel mare dei 12 (qualcuno scrive 11, qualcuno addirittura 20) milioni di Euro di deficit accumulati dalla Fondazione Verdi dall’atto della sua nascita nel 2002. Ora Comune di Milano, Regione Lombardia, ecc., dovranno fare anch’essi la propria – e sostanziosa – parte per consentire a questa istituzione di sopravvivere.

E’ certo che una grande orchestra sinfonica non possa vivere senza finanziamenti pubblici: ma molti politici hanno fatto notare che – forse – ci si poteva pensare un poco sopra, prima di accumulare milioni di debiti con le banche e di mettere i professori di orchestra nella dolorosa situazione di lavorare mesi e mesi senza stipendio… molti sono stati addirittura costretti a lasciare.

Ma niente polemiche. Questa, dopotutto, è una buona notizia per la musica.

Vorrei però affiancare a questa notizia un’altra, che forse ai più è sfuggita. Dopo un appello appassionato in difesa delle accademie e dei conservatori d’Italia fatto dal Sottosegretario Nando Dalla Chiesa, in cui egli chiedeva “venti milioni di euro, meno del costo di un chilometro di autostrada. Venti milioni calcolati con precisione chirurgica per consentire al nostro sistema di alta formazione artistica e musicale di non affondare“, lo stanziamento in finanziaria 2008 è stato di soli 10 milioni di Euro (si veda, più sotto, il comma originale della legge finanziaria, con il commento della flccgil).Continua a leggere…

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.
Vieni alla nostra rassegna di lezioni-concerto a Milano alla Palazzina Liberty!