Nov 302007
 

Eva MabelliniSe abitate a Firenze o dintorni… andate a vedere questo spettacolo, prodotto da Eva Mabellini, una delle artiste di ClassicaViva. E’ una grande cantante, ed una vera artista.

Ascoltatela subito nel podcast in “Memory”, uno dei brani che canta nel Musical…

[display_podcast]

Ricordiamo, per chi volesse programmare questo spettacolo nel suo territorio, che ClassicaViva lo organizza, vedi il link al nostro catalogo on line http://lnx.classicaviva.com/catalog/product_info.php?products_id=245

 

la Compagnia VOX LUNA in:
Cabaret
“Storie in Songs

spettacolo MUSICAL

con selezione di famosi brani da West Side Story, Cabaret, Chicago, Chorus Line, Jesus Christ etc…

 

 

DOMENICA 9 DICEMBRE 2007 ore 16

Al TEATRO-CINEMA ROMITO – P.zza Baldinucci, 6 – FIRENZE

Ingresso: 10 euro

Acquisto biglietti mezz’ora prima dello spettacolo – Prenotazione al: 334.9185619 tutti i giorni – dalle 13.30 alle 19.30

con i solisti e i coristi del VOX LUNA ensemble

Narratore: Paolo Spennato
Pianoforte:
Natalia Princi
Flauto:
Cristina Italiani

Allestimento scenico: Eva Mabellini, Veronica Bargellini

Fonico: Fabio Vannini

Direzione coro, regia: Eva Mabellini

Nov 302007
 

Van gogh - IrisOggi, 30 novembre 2007, fiocco rosa in casa Mediaset: inizia ufficialmente le trasmissioni IRIS, il nuovo canale digitale terrestre di Mesiaset, accessibile gratuitamente da chiunque abbia un decoder per il digitale terrestre.

Visto che il nuovo canale annuncia trasmissioni di concerti di musica classica e operistica, questa è una buona notizia per gli appassionati, e direi anche un buon segnale del fatto che qualcosa finalmente si sta muovendo nell’interesse per la grande musica anche da parte dei grandi network commerciali (in scandaloso ritardo la RAI…)

Riprendiamo dal comunicato ANSA:

«(ANSA) – ROMA – Iris, dedicato a cinema e teatro, e Bis, con il meglio delle produzioni di intrattenimento in 25 anni di storia: sono i due nuovi canali ‘free’, cioe’ gratuiti, in digitale terrestre, che Mediaset si appresta a lanciare, il primo il 30 novembre e il secondo entro il primo semestre 2008. I due canali sono diretti da Miriam Pisani, gia’ vicedirettore di Canale 5 e prima donna Mediaset a ricoprire la carica di direttore di rete.

La programmazione di Iris spaziera’ dal cinema d’autore di ieri a quello di oggi, dalle commedie italiane e straniere ai B-movies, articolati in cicli spesso legati a ricorrenze, anniversari, festival (Made in Usa, da Il laureato a Il colore viola; Sguardo d’autore, da Odissea nello spazio a Urla del silenzio; Fellini & Co; Ritratto d’attore). Spazio anche al teatro (il venerdi’ in prima serata, si apre con Il medico dei pazzi con Carlo Giuffre’), alla musica classica e all’opera lirica (il mercoledi’), alla divulgazione e alla cultura (con documentari sul clima e sui grandi eventi storici), alle sitcom e serie tv, all’informazione (firmata TgCom, con aggiornamenti cinque volte al giorno piu’ un’edizione quotidiana). Iris vanta diverse collaborazioni illustri, tutte gratuite: da Carlo Rossella a Piera Detassis a Gian Arturo Ferrari.»

Il più grosso limite che ha afflitto finora la televisione digitale terrestre e il suo sviluppo sui grandi numeri è la mancanza di contenuti nei palinsesti delle emittenti che trasmettono in DVB-T. Benvenuto, dunque, al nuovo canale (con un bel nome di donna, o di fiore, scegliete voi, sono belle tutte e due le ipotesi). Iris avrà contenuti prevalentemente di carattere cinematografico. Miriam Pisani, già vicedirettore di Canale 5 e ora direttore dei due nuovi canali, l’ha presentata così: «Iris offrirà a cinefili e semplici appassionati una quantità enorme di grande cinema, ordinata per cicli». Includerà anche sit-com, telefilm, documentari, teatro di prosa e (finalmente!) concerti di musica classica.

Beh, buon ascolto, il canale si trova con grande facilità cercando sul decoder. Non mancheremo di recensire le trasmissioni.

Ines Angelino

Nov 292007
 

Ciao a tutti,

se come me adoravate ascoltare la musica classica in filodiffusione e non avete più potuto farlo (perché il servizio non esiste quasi più, soprattutto nei piccoli centri), eccovi un link prezioso: se avete una connessione internet veloce (ma anche una appena discreta) vi apre una finestrina nella quale potete selezionare il canale rai preferito e ascoltare in internet con sorprendente qualità.

Radio Rai Sembra banale, ma io ad esempio non sono mai riuscita a selezionare il canale della filodiffusione rai in una delle tante web radio disponibili anche sulle barre di navigazione. Questo link, invece, funziona benissimo: godetevelo!

http://www.monitor-radiotv.com/phoenix/html/modules.php?op=modload&name=Internet_Radio&file=popup&radio=17&num=

Attenzione! Si tratta di un link particolarmente utile perché consente di selezionare qualsiasi canale RAI di proprio gradimento con un semplice click. Il link qui sopra è già configurato per la filodiffusione, ma potrete cambiare canale in un istante.

Nov 272007
 

Ancora un brano, ancora i nostri Constantin Petrescu al clarinetto, e Simone Pionieri, al pianoforte, nello stesso concerto jazz “live”.

E visto che si tratta di una “Lullaby”, una ninna nanna, vi auguro ancora buonanotte con questa dolce musica.

Ines

Nov 272007
 

Se vi è piaciuto il post di ieri, allora vi posto un altro brano.

Si tratta dello stesso musicista, stavolta al clarinetto invece che al sax.

Constantin PetrescuNon voglio lasciarvi sulle spine, e svelo l’arcano. Si tratta di Constantin Petrescu, in una grande performance jazz dal vivo, in un concerto – ça va sans dire – Organizzato da ClassicaViva a Dorno il 6 ottobre 2007.

E il pianista? E’ Simone Pionieri il grande… grande virtuoso, grande pianista classico e anche grande improvvisatore. Coppia favolosa.

Godetevi questo pezzo.. si tratta di “Misty”.

Ines

Nov 262007
 

Cari amici, voglio augurarvi una dolce buonanotte con le note del meraviglioso sax di un grande musicista e di un grande amico mio, un grande artista, uno dei nostri di ClassicaViva, naturalmente…

Il brano è “in the sentimental mood”.

Visto che non gli ho chiesto il permesso, e si tratta di una registrazione presa da un concerto dal vivo… non vi dico chi è il sassofonista. E nemmeno chi è il pianista. Ma non è niente male, vero?

Fatemi sapere cosa ne pensate. Postate, gente, postate,

Buon ascolto, con amore, e buona notte, da noi di ClassicaViva.

Ines

[display_podcast]
Nov 252007
 

Ecco un post un po’ strano, ma che penso vi interesserà. Ieri ho letto sulla rivista del Corriere della Sera “Io Donna”, uscita il 24 novembre 2007, un interessante articolo intitolato “La vostra bimba dipinge così?”.

In breve, vi si parla di una giovanissima artista che dipinge in modo supefacente fin dall’età di 4 anni. Si tratta di Akiane, date un po’ un’occhiata al suo sito http://www.artakiane.com (sopra, un suo autoritratto, all’età di 11 anni).
Ma questo non è che lo spunto per parlare di una nuova tipologia di esseri umani che – dicono varie fonti anche scientificamente valide – stanno popolando il pianeta a partire dall’inizio degli anni ’80: i cosiddetti bambini “indaco”, così denominati a causa di un’aura particolare che, chi è in grado di percepirla, definisce, appunto, di color indaco.

Si tratterebbe niente di meno che di una mutazione genetica della razza umana, che rende questi individui “speciali”. Tra le varie caratteristiche ci sarebbero quelle di essere dotati di ingelligenza a quoziente da “geni” (sopra il QI di 130, in ogni caso) e di molte altre particolarità. Non ultima, quella di arrivare sulla terra per salvare la razza umana dall’autodistruzione (una cosetta da niente, dunque!) Copio qui alcune informazioni tratte da un sito molto ben documentato: http://www.stazioneceleste.it/articoli/indaco/dotati.htm. Dunque, i bambini indaco (che oggi magari sono anche giovani adulti) sono riconoscibili perché:

Sappiamo che i Bambini Indaco nascono portando i loro doni divini bene in vista. Molti di loro sono filosofi in erba, che riflettono sul significato della vita e su come salvare il pianeta. Sono scienziati, inventori e artisti di talento a livello innato. Tuttavia la nostra società, che poggia ancora sulla vecchia energia, tende a sminuire i pregi dei Bambini Indaco.

Molti bambini dotati vengono scambiati per bambini con “disturbi dell’apprendimento” secondo la National Foundation for Gifted and Creative Children (Fondazione Nazionale per i Bambini Dotati e Creativi), un ente noprofit e non settario il cui obiettivo principale è di reperire e aiutare questi preziosi bambini. Secondo il parere dei leader di questa organizzazione, “Molti bambini dotati vengono attualmente distrutti dal sistema dell’istruzione pubblica. Gran parte di loro sono falsamente identificati come bambini con DDAI. Nel frattempo è uscito, della stessa autrice (che è anche madre di due Indaco), un libro specifico dal titolo: The Care and Feeding of the Indigo Children (La cura e l’alimentazione dei Bambini Indaco) con presentazione a cura di Jan Tober, Hay House, Carlsbad, CA 2001. N.d.T. Inoltre, molti genitori non sono coscienti che potenzialmente il loro figlio potrebbe essere dotato».

Gli studiosi della Fondazione hanno compilato a seguente lista per aiutarvi a capire se vostro figlio è dotato:

• E’ molto sensibile.

• Ha una quantità eccessiva di energia.

• Si annoia facilmente può sembrare che abbia un livello breve di attenzione.

• Ha bisogno di adulti emozionalmente stabili e sicuri intorno a sé.

• Fa resistenza all’autorità se non è democraticamente orientata.

• Ha modalità di apprendimento preferenziali, specialmente in lettura e in matematica.

• Può facilmente diventare frustrato/a perché ha delle grandi idee ma gli/le mancano risorse o persone che l’assistano nel realizzare questi compiti.

• Apprende a livello esplorativo e fa resistenza all’im parare le cose a memoria o solo ascoltando.

• Non riesce a stare tranquillamente seduto/a a meno che non sia assorto/a in qualcosa che lo/la interessi.

• E’ molto sensibile: ha molte paure, come quella della morte o della perdita dei suoi cari.

• Se sperimenta il fallimento da piccolo/ a può diventare rinunciatario/a e sviluppare blocchi dell’apprendimento permanenti.

Questa a me sembra la descrizione di un Bambino Indaco, e a voi?”

Qui vorrei solo lanciare uno stimolo di discussione. Se andate su Google e digitate “bambini indaco” come chiave di ricerca trovate più di 100.000 pagine web (solo in italinano!) sull’argomento.

In ogni caso, volevo dire: proviamo ad applicare questi criteri ai giovani musicisti che conosciamo: non è che per caso corrispondono in pieno ai bambini “indaco”? Almeno, quelli che conosco io hanno tutti quanti caratteristiche che coincidono in modo quasi inquietante. Non vi nascondo che questo mistero mi intriga molto.

Ne parliamo? Non mi linciate, ma mi sembra un argomento interessante.

Ines

Nov 222007
 

Bene, ciao a tutti, sono tornata, reduce da un faticoso corso informatico che sono andata a tenere a Bolzano, e ahimé afflitta da un terrificante mal di denti che mi fa letteralmente ululare dal dolore.

Per restare nel tema del dolore, ho scovato per voi un post divertente sul un bel blog: http://www.blogitalia.it/leggi_blog.asp?id=583 .

Sta per andare in scena a Firenze, l’opera di Verdi “La forza del…” mi fermo qui perché probabilmente sapete che l’opera gode una poco simpatica fama: quella di portare… jella.

Ma io non credo a queste cose, direte. Certo, nemmeno io… però… leggetevi sto post che vi ho segnalato, e sghignazzi a parte, parbleau, viene da pensare…

Aspetto commenti, intanto ve ne scovo qualche altra di divertente

A dopo

Ines

Nov 182007
 

Chi è questo ragazzo misterioso?

Facciamo un gioco.

Chi indovina chi è questo ragazzo? Attenzione, non è facilissimo.

Beh, naturalmente, vi aiuto, è un artista famoso, anzi planetariamente famoso.

I miei amici, che conoscono la risposta, perchè sanno che questo ragazzo è il protagonista del romanzo che sto scrivendo, non possono rispondere…

Coraggio, indovinate. E’ bellissimo, no?

Che occhi, che sensualità… forse è anche un po’ triste, vero?

Non può essere che…

Un aiuto: non siamo abituati a pensarlo così, la sua immagine tradizionale è ben diversa…

Dai, coraggio, un piccolo premio per chi indovina (a sorpresa…)

Vieni alla nostra rassegna di lezioni-concerto a Milano alla Palazzina Liberty!